Gli attivisti del cash out stanno ritirando più di mezzo milione di dollari dalle banche e dagli sportelli bancomat australiani per celebrare il Cash Out Day

Martedì gli attivisti hanno ritirato contanti dalle banche e dai bancomat australiani per un evento organizzato dalla comunità chiamato Cash Out Day.

Non è chiaro esattamente quanti soldi siano stati ritirati dalle banche, ma alcuni nella comunità pro-cash hanno affermato che più di mezzo milione di dollari sono stati ritirati complessivamente per protestare contro i sistemi di pagamento sempre più digitali.

“Se tutti lo facessero, attirerebbero migliaia (di dollari) nella comunità e le banche rifornirebbero gli sportelli bancomat”, ha detto il gruppo pro-contante Cash Welcome in un post sull'iniziativa.

Newsletter: Ultime notizie in tempo reale. Iscriviti ora

Il direttore della campagna Cash Welcome, Jason Price, usa la sua carta di credito di tanto in tanto, ma deve affrontare la mossa disperata di dimostrare l'importanza di mantenere il contante rilevante e accessibile con il rapido calo dei numeri di bancomat e filiali bancarie.

Price ha detto a 7NEWS.com.au che, sebbene abbia sostenuto l'evento del 2 aprile, non lo ha creato.

“Cash Day è stato un movimento molto popolare. Non sono sicuro di chi lo abbia avviato, ma sono stato sicuramente coinvolto e ho visto lunghe code ai bancomat locali.

“In media ogni giorno in Australia vengono effettuati circa un milione di prelievi di contanti dagli sportelli bancomat, mi sarei aspettato che ieri fossero molti di più.

Non è stato l'unico a notare un grande traffico fuori dalle banche.

“Tutte le banche che ho incontrato oggi avevano code fuori dalla porta”, ha detto in un post un netizen di Sydney.

READ  Aldi taglia i prezzi del suo Koh Universal Cleaner privo di sostanze chimiche

Ma altri hanno suggerito che potrebbe essere stata una coincidenza.

“Quando cerchi qualcosa, lo vedi, come quando compri una macchina nuova e all'improvviso vedi quelle macchine ovunque. È lo stesso fenomeno che le persone sperimentano oggi, quando vedono persone che prelevano soldi”, ha detto un altro utente.

Martedì gli attivisti hanno ritirato contanti dalle banche e dai bancomat australiani per un evento organizzato dalla comunità chiamato Cash Out Day. credito: Facebook

Immagini di banconote legate con elastici, sparse su rotoli o prelevate dagli sportelli bancomat sono state pubblicate con orgoglio martedì sui gruppi Facebook pro-cash.

Ma non è chiaro esattamente a quanto ammonta l’importo totale prelevato.

Un sondaggio online che tentava di calcolare una parte dell'importo in un gruppo Facebook pro-cash con 141.000 membri ha raccolto 1.448 risposte indicando che i partecipanti avevano ritirato complessivamente circa $ 685.850 al momento della segnalazione.

7NEWS.com.au ha contattato le quattro maggiori banche australiane per i dati sui prelievi, ma nessuna ha rivelato alcuna informazione.

L'Australian Banking Association (ABA) ha dichiarato a 7NEWS.com.au che, per quanto a sua conoscenza, gli sforzi del Cash Out Day “non hanno avuto alcun impatto materiale”.

“In tutto il settore, ieri non c'è stata alcuna differenza sostanziale nei prelievi di contanti. Dato che gli australiani usano sempre meno contanti, non rimarremo senza contanti”, ha detto un portavoce dell'ABA a 7NEWS.com.au.

“Gli australiani non hanno bisogno di cambiare il loro comportamento quando si tratta di prelevare contanti, resteranno disponibili e accessibili a coloro che vogliono usarli”.

Anche se il movimento potrebbe non aver avuto un impatto sulle aspettative nazionali dell’industria, Price ha affermato che il messaggio risuona ancora forte e chiaro.

READ  ASX a Edge Up, S&P 500 diventa positivo, l'olio scivola

“Sono sicuro che le banche e i supermercati hanno ricevuto un messaggio molto chiaro su ciò che la gente comune pensa della prospettiva di rinunciare ai contanti.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto