HomescienceGli astronomi hanno scoperto come l'energia fuoriesce dal centro della galassia

Gli astronomi hanno scoperto come l’energia fuoriesce dal centro della galassia

A differenza delle galassie più attive, la nostra Via Lattea è inattiva.

La vista panoramica di Gaia della nostra Via Lattea e delle galassie vicine. Le mappe mostrano la luminosità e i colori totali delle stelle (in alto), la densità totale delle stelle (al centro) e la polvere interstellare che riempie la galassia (in basso). Si noti come, in media, ci siano circa 10 milioni di stelle per grado quadrato, ma alcune regioni, come il piano della Galassia o il centro galattico, hanno densità di stelle molto più elevate rispetto alla media complessiva.

credito: ESA/GAIA/DPAC

Anche se abbiamo un buco nero supermassiccio, non si nutre attivamente.

enorme

Questi intervalli di tempo di 20 anni di stelle vicino al centro della nostra Galassia provengono dall’Osservatorio Europeo Australe, pubblicati nel 2018. Notate come la risoluzione e la sensibilità delle caratteristiche aumentano e migliorano verso la fine, tutto attorno al nero supermassiccio centrale (invisibile). della nostra Galassia. fessura. Si pensa che praticamente ogni grande galassia, anche nei tempi più antichi, contenga un buco nero supermassiccio, ma solo la galassia al centro della Via Lattea è abbastanza vicina da vedere il movimento delle singole stelle attorno ad essa, e quindi determinare con precisione il colore nero. . Blocco del foro. L’effettiva densità numerica dei buchi neri nell’universo, e la loro densità numerica in funzione della massa, è ancora una stima inadeguata, con una significativa incertezza rimanente.

credito: Quello e

I buchi neri supermassicci che alimentano attivamente rappresentano i motori più energetici dell’universo.

Radiografia del centauro

La galassia Centauri A è l’esempio di galassia attiva più vicino alla Terra, con i suoi getti ad alta energia generati dall’accelerazione elettromagnetica che fluiscono attorno al buco nero centrale. L’estensione dei loro getti è molto più piccola di quelli osservati da Chandra attorno a Pictor A, che sono a loro volta molto più piccoli dei getti di Alkeonius, che sono ancora più piccoli dei getti trovati negli enormi ammassi di galassie. Questa immagine da sola mostra temperature che vanno da ~10 K a diversi milioni di K e getti relativistici che sono fisicamente più grandi dell’estensione stellare della galassia stessa.

credito:Raggi X: NASA/CXC/CfA/R.Kraft et al. Radio: NSF/VLA/Univ. dell’Hertfordshire / M.Hardcastle et al. Visivo: ESO/VLT/ISAAC/M.Rejkuba et al.

Ad eccezione del Big Bang, non ci sono eventi astrofisici che superino i nuclei galattici attivi (AGN) e i quasar.

READ  L’ibridazione dei maiali con cellule cerebrali umane sfida l’etica della scienza

cavità esplosiva più grande ai raggi X dell'Ofiuco

La prova della più grande esplosione mai vista nell’universo proviene da una combinazione di dati dei raggi X di Chandra e XMM-Newton. L’eruzione è causata da un buco nero situato nella galassia centrale dell’ammasso, che ha emesso getti e ha scavato una grande cavità nel gas caldo circostante. I ricercatori stimano che questa esplosione abbia rilasciato cinque volte più energia rispetto alla precedente detentrice del record e centinaia di migliaia di volte più energia di un tipico ammasso di galassie. I gas che emettono raggi X possono raggiungere temperature comprese tra circa milioni e 100 milioni di Kelvin.

credito:Raggi X: Chandra: NASA/CXC/NRL/S. Giacintucci et al., XMM-Newton: ESA/XMM-Newton; Radio: NCRA/TIFR/GMRT; IR: 2MASS/UMass/IPAC-Caltech/NASA/NSF

Dai raggi X alle onde radio, gli AGN e i quasar brillano intensamente.

A sinistra e a destra della gigantesca galassia ellittica centrale si possono vedere molteplici immagini, alla luce dei raggi X, di un quasar distante circa 6 miliardi di anni luce. Combinando i dati dell’Osservatorio a raggi X Chandra della NASA e dell’Osservatorio XMM-Newton dell’Agenzia spaziale europea, gli scienziati sono stati in grado di misurare la (rapida) rotazione del buco nero supermassiccio centrale del quasar. Questa è solo una delle tante prove convincenti a sostegno dell’esistenza dei buchi neri, senza che rimangano valide alternative.

credito:Raggi X: NASA/CXC/Università del Michigan/RCReis et al; Ottico: NASA/STScI

I getti dipolari emettono particelle e radiazioni che dirigono l’energia verso l’esterno nell’universo.

La relativistica galassia del buco nero Hercules A

Mentre le distanti galassie ospiti di quasar e nuclei galattici attivi possono spesso essere riprese in luce visibile/infrarossa, i getti stessi e l’emissione che li circonda si vedono meglio sia nei raggi X che nella radio, come mostrato qui per la galassia Hercules A. Ci vuole un buco nero per alimentare un motore come questo, ma ciò non significa necessariamente che si tratti di materia/radiazione che fuoriesce dall’orizzonte degli eventi.

credito: NASA, ESA e S. Baum e C. O’Dea (RIT) e R. Perley e W. Cotton (NRAO/AUI/NSF) e Hubble Legacy Team (STScI/AURA)

Tuttavia, il buco nero centrale nella nostra galassia non è del tutto silenzioso.

READ  Scoperti microfossili vecchi di 3,4 miliardi di anni

Anche la Via Lattea, una galassia relativamente tranquilla con un buco nero supermassiccio centrale relativamente piccolo, mostra gigantesche fontane di particelle cariche provenienti dal centro galattico. Possono essere rilevati dai radiotelescopi, come questa immagine creata utilizzando i dati del Parkes Radio Telescope, noto anche come The Dish.

credito: A. Mellinger (C. Michigan), E. Carretti (CSIRO), S-PASS Team, E. Bressert (CSIRO)

I brillamenti di raggi X indicano che il centro galattico a volte si “nutre” di materia.

enorme

Il buco nero supermassiccio al centro della nostra galassia, Sagittarius A*, emette raggi X a causa di vari processi fisici. I bagliori che vediamo nei raggi X indicano che la materia scorre in modo irregolare e discontinuo verso il buco nero, provocando i bagliori che osserviamo nel tempo.

credito: NASA/CXC/Amherst College/D.

Massiccio e a bassa densità Bolle di Fermi Si estende per circa 25.000 anni luce sopra e sotto il piano della galassia.

Bolla di Fermi per l'iniezione di energia

Nell’immagine principale, si vedono i getti di antimateria della nostra galassia che soffiano “bolle di Fermi” nell’alone di gas che circonda la nostra galassia. Nel riquadro, i dati effettivi di Fermi mostrano le emissioni di raggi gamma risultanti da questo processo. Queste “bolle” nascono dall’energia generata dall’annichilazione di un elettrone e di un positrone: un esempio di materia e antimateria che interagiscono e si convertono in energia pura tramite E = mc^2. Siamo certi che nella nostra Galassia non vi sia traccia di antimateria che provenga da stelle di antimateria o da grandi masse di antimateria.

credito:Davide A. Aguilar (principale); NASA/GSFC/Fermi (riquadro)

All’interno del centro galattico stesso, i campi magnetici modellano il flusso di materia e radiazione.

Centro della Via Lattea

Anche se il centro galattico sembra sorprendente nella parte in basso a destra di questa immagine, ciò che è ancora più sconcertante sono le caratteristiche “ad anello” viste, che sono la prova di filamenti filamentosi del magnetismo galattico. Questi filamenti non termici erano stati previsti teoricamente, ma Mercat li ha identificati e immaginati con proprietà inaspettate e mai viste prima.

credito: I. Heywood et al., 2022, ApJ

Cataclismi stellari – così come giovani stelle massicce – sono comuni nelle vicinanze di Sagittarius A*.

READ  Cosa cambierà lungo il percorso la corrente calda dell'Australia orientale?

Centro della Via Lattea

Questa visione senza precedenti del centro galattico proviene dal MeerKAT Radio Group in Sud Africa e mette in evidenza caratteristiche mai viste prima, tra cui filamenti e bolle mai visti prima, potenzialmente nuovi resti di supernova e anche regioni di formazione stellare.

credito: I. Heywood et al., 2022, ApJ

Come viene trasferita l’energia verso l’esterno dal centro della galassia?

Un'immagine astronomica a infrarossi che mostra le varie impronte energetiche della Via Lattea, con annotazioni che indicano distanze e coordinate.

Un’immagine a raggi X del centro galattico con coordinate galattiche mostra il buco nero supermassiccio nel cuore della nostra galassia (punto nero) rispetto alla posizione della bocca di scarico (quadrato tratteggiato blu, a sinistra) all’interno della parte meridionale del camino ( quadrato verde, a destra) sotto il centro galattico. Un parsec (pc) corrisponde a circa 3,26 anni luce in distanza/scala.

credito: S. C. Mackey et al., presentato ApJ, 2024

IL La risposta è rivelata nei dati a raggi X: Attraverso un “foro di scarico” centrale all’interno di una struttura a camino.

Due immagini astronomiche affiancate della Via Lattea con spettri di colori, che evidenziano le differenze nei dati spaziali e nella densità all'interno di una parte dell'universo.

Questa caratteristica di emissione lineare di raggi X, situata nella parte meridionale del camino del centro galattico, indica che un canale di deflusso del plasma a forma di cilindro consente al materiale in uscita di shock/comprimere/riscaldare il mezzo interstellare. Le esplosioni a catena possono preservare questa caratteristica e altre simili.

credito: S. C. Mackey et al., presentato ApJ, 2024

I canali dei flussi di plasma osservati lasciano il centro galattico.

Centro della Via Lattea

Questa straordinaria immagine composita, che combina raggi X, infrarossi e luce ottica proveniente dai grandi osservatori della NASA, è stata la nostra migliore visione di ciò che sta accadendo al centro della galassia nel 2009. Tuttavia, negli ultimi 15 anni abbiamo acquisito immagini e dati che ha rivelato Nuove funzionalità, al momento, non sono ancora del tutto spiegate. Perpendicolarmente al piano galattico, le caratteristiche si alzano e si abbassano, indicando il trasferimento di energia e gas in modo simile a un camino.

credito:NASA/JPL-Caltech/ESA/CXC/STScI

Le esplosioni spingono il materiale su per il camino, E verso l’esterno: attraverso questo foro di scarico.

Questa immagine, realizzata con dati compositi a raggi X (Chandra) e radio (MeerKAT), mostra prove di uno scarico collegato a un camino galattico precedentemente identificato, evidenziando come energia e gas vengono trasportati lontano dal centro galattico nel tempo.

credito:Raggi X: NASA/CXC/Univ. Da Chicago/SC Mackey et al.; Radio: NRF/SARAO/Meerkat; Elaborazione delle immagini: NASA/CXC/SAO/N. Wolk

Eventi di accrescimento sequenziali probabilmente mantengono questa struttura per lunghi periodi di tempo.

Mappa annotata del centro della Via Lattea a più lunghezze d'onda, con regioni e sorgenti identificate.

Questa immagine mostra il centro magnetizzato della galassia, con diverse caratteristiche evidenziate, come ripreso dal team di ricerca SOFIA/HAWC+ FIREPLACE. La bolla gigante sulla sinistra dell’immagine ha un diametro di circa 30 anni luce, molte volte più grande di qualsiasi altra bolla scoperta da un’esplosione di supernova.

credito: Dott. Barry et al., arXiv:2401.05317v2, 2024

Finalmente, Trasferimento di energia all’interno del centro della Via Lattea Finalmente ha senso.

Questo composito radio/raggi X aggiornato del centro galattico, che incorpora dati provenienti sia da MeerKAT che da Chandra, mostra le nuove informazioni che possono essere raccolte mettendo insieme più lunghezze d’onda della luce. In futuro, osservazioni migliorate e osservatori superiori potrebbero aiutarci a risolvere i misteri scientifici riguardanti l’origine di una varietà di caratteristiche, tra cui lobi, bolle e folletti.

credito:Raggi X: NASA/CXC/UMass/QD Wang; Radio: NRF/SARAO/Meerkat

Mostly Mute Monday racconta una storia astronomica con immagini, immagini e non più di 200 parole.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News