Giorgia Meloni bilancio per testare rapporti tesi con gli investitori

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni era notevolmente assente dal forum economico costellato di stelle sul Lago di Como questo mese. Invece di condividere la sua visione per affrontare le sfide urgenti del Paese con un pubblico influente, Meloni si è unita alla folla al Gran Premio d’Italia di Formula 1.

La sua decisione di saltare il prestigioso forum CinoBio – al quale ha attirato la partecipazione lo scorso anno – ha esacerbato la crescente ansia tra le aziende e gli investitori sulla capacità del governo italiano di destra di guidare il paese carico di debito attraverso il rallentamento economico europeo.

Quando salì al potere lo scorso anno, la Meloni rassicurò gli investitori globali con promesse di prudenza finanziaria. Ma quest’estate i mercati sono stati scossi dall’annuncio a sorpresa del governo di un’inaspettata tassa sulle banche, che è stata rapidamente allentata dopo il crollo dei titoli bancari.

La coalizione tripartita della Meloni affronta ora la sua prova più grande mentre si prepara a svelare il prossimo bilancio italiano, cercando di bilanciare le risorse in diminuzione del governo e mantenere alcune delle sue promesse elettorali di tagliare le tasse e aiutare le famiglie in difficoltà.

Gli investitori stanno osservando attentamente per determinare se la Meloni manterrà il suo impegno di disciplina fiscale – anche se l’economia italiana vacilla – o sarà tentata da una politica fiscale espansiva o da altre misure non convenzionali.

“C’è stata una rifocalizzazione sull’Italia”, ha detto Filippo Taddei, capo economista per l’Europa meridionale presso Goldman Sachs. “La gente si chiede dove sta andando il Paese… Vogliono assicurarsi che non ci siano più sorprese politiche.

READ  Perché economisti e attivisti sono delusi dagli impegni with
Giorgia Meloni ha sorpreso la comunità imprenditoriale italiana quando ha saltato un importante forum economico il mese scorso per partecipare al Gran Premio di Formula 1. © Governo italiano/Agenzia di stampa tedesca

Lorenzo Codogno, ex funzionario del Ministero delle Finanze che ora gestisce una società di consulenza macroeconomica, ha affermato che un’ondata di recenti mosse interventiste ha sollevato seri dubbi sulla direzione della politica del governo.

La scorsa settimana la Banca Centrale Europea ha criticato la tassa sulle entrate straordinarie, avvertendo che potrebbe ostacolare le banche nella creazione di ulteriori riserve di capitale, rendendole “meno resistenti agli shock economici” e limitando la loro capacità di concedere prestiti. L’agenzia di rating del credito Fitch ha messo in guardia dal potenziale di perturbazione e incertezza derivante da una proposta della Meloni, il partito di estrema destra Fratellanza d’Italia, di consentire ai mutuatari inadempienti di riacquistare i loro debiti in difficoltà con un forte sconto.

“La luna di miele è finita”, ha detto Codogno. “Gli affari si stanno rivoltando contro il governo… Ci sono forze all’interno della coalizione che non sono realmente in sintonia con i mercati o con gli interessi degli investitori.”

Nei suoi primi mesi al potere, la Meloni ha ricevuto riconoscimenti per aver adottato un bilancio fiscalmente prudente, rassicurando gli investitori nervosi sulla sua capacità di passare dalle buffonate dell’opposizione populista a una governance responsabile. Tuttavia, questo bilancio è stato in gran parte preparato dalla squadra del suo predecessore, Mario Draghi, grazie al tempismo della sua rara vittoria elettorale autunnale.

Ma il prossimo bilancio, che sarà presentato nelle prossime settimane, porterà l’impronta della Meloni, offrendo agli elettori e agli investitori italiani una visione più approfondita della visione economica della sua coalizione.

READ  Sono un espatriato britannico e questi sono i detti australiani che non userò mai

“Questo è il primo bilancio in cui il governo Meloni ha dovuto assumersi la piena responsabilità delle azioni – e affrontare una potenziale reazione pubblica”, ha affermato Lorenzo Brigliasco, co-fondatore dell’agenzia di sondaggi politici YouTrend.

Grafico lineare della produzione reale (4° trimestre 2021 = 100) che mostra una performance deludente del settore industriale italiano

Le condizioni difficilmente promettono nulla di buono. Le attuali previsioni ufficiali di crescita dell’Italia, pari all’1% quest’anno e all’1,5% l’anno prossimo, sono ampiamente considerate eccessivamente ottimistiche, dato il rallentamento più ampio della zona euro.

Il prodotto interno lordo italiano si è contratto dello 0,4% nel secondo trimestre, riflettendo le difficoltà nel settore manifatturiero europeo e un forte rallentamento nell’edilizia dopo che Roma ha tagliato un piano di stimoli che ha alimentato un boom di ristrutturazioni domestiche.

La debolezza è continuata durante l’estate. La produzione industriale italiana si è contratta del 2,1% su base annua a luglio, più del previsto, e quasi 73.000 posti di lavoro sono stati persi, spingendo la disoccupazione al 7,6%. I sondaggi hanno indicato che il settore dei servizi, precedentemente resiliente, ha subito una leggera contrazione in agosto.

“La situazione sembra peggiorare rapidamente”, ha detto Codogno.

Con una crescita che vacilla, gli investitori si chiedono se l’Italia potrà ancora raggiungere l’obiettivo di ridurre il deficit fiscale al 4,5% del PIL nel 2023 e al 3,7% nel 2024, o se il governo Meloni aumenterà questo obiettivo di deficit entro il mese.

L’economia italiana dovrebbe ricevere una spinta dal piano di ripresa del coronavirus finanziato dall’Unione Europea del valore di 191,5 miliardi di euro, dato che l’Italia è il maggiore beneficiario del programma. Ma l’attuazione ha vacillato e Roma ora sta cercando l’approvazione di Bruxelles per una revisione globale del piano che aiuterebbe a sbloccare i soldi dovuti.

Taddei ha affermato che qualsiasi revisione significativa al rialzo dell’obiettivo di deficit del prossimo anno indicherebbe una mancanza di fiducia nella capacità di Roma di soddisfare tutte le condizioni e ottenere pieno accesso ai fondi UE.

Ha aggiunto: “C’è una certa tolleranza per lo slittamento finanziario quest’anno, ma l’anno prossimo sarà diverso”. “Il governo ha ripetutamente affermato di essere impegnato ad attivare il fondo di ripresa e i mercati considereranno la decisione sul deficit fiscale come una prova.

“Se spingono verso l’alto il deficit fiscale, ciò indica che non credono veramente nel fondo di ripresa”, ha detto. “Gli operatori di mercato lo vedranno come un’indicazione che il governo è più impegnato nell’utilizzo della leva finanziaria nazionale”.

La Meloni ha ammesso che le sue promesse di tagliare le tasse, aumentare le pensioni e aumentare la spesa sanitaria saranno difficili da mantenere alla luce dell’attuale rallentamento economico.

“La mia idea è quella di concentrare le risorse su poche misure di grandi dimensioni – quelle che forniscono il maggiore moltiplicatore in termini economici – piuttosto che distribuirle su molte piccole misure che probabilmente avranno un impatto minore”, ha affermato la settimana scorsa.

La Meloni è probabilmente riluttante ad abbandonare completamente la cautela finanziaria, dato che le turbolenze del mercato potrebbero ritorcersi contro la sua immagine in patria. “Se ottengono una brutta reazione da parte dei mercati, diventa una notizia e può anche danneggiare il rapporto con gli elettori”, ha detto Brigliasco.

Brigliasco ha aggiunto che il calo dei titoli bancari causato dal caotico annuncio fiscale inaspettato probabilmente aumenterà la sua cautela, poiché i sondaggi d’opinione ora mostrano che la fiducia del pubblico nella coalizione si è in qualche modo erosa da quell’episodio.

“Ciò ha solo rafforzato un po’ la percezione che il governo non fosse pienamente consapevole delle conseguenze di ciò che stava facendo”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto