SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Germania, Francia, Italia e Spagna stanno spingendo per l’implementazione del fondo di recupero – EURACTIV.com

Mercoledì (28 aprile) i ministri delle finanze di Germania, Francia, Italia e Spagna hanno esortato gli Stati membri a presentare piani di ripresa e hanno fatto pressioni sulla Commissione europea per accelerare la valutazione degli investimenti e delle proposte di riforma.

I ministri Olaf Schultz (Germania), Bruno Le Maire (Francia), Daniel Franco (Italia) e Nadia Calvino (Spagna) hanno dichiarato mercoledì in un annuncio congiunto che le quattro maggiori economie europee presenteranno i loro piani di ripresa questa settimana.

Giovedì sera, la commissione ha confermato che le bozze finali erano state presentate da portoghese, greco e tedesco. La Commissione europea prevede di ricevere dozzine di progetti entro la mezzanotte di venerdì.

Scholz e Le Maire hanno chiesto al resto dei 27 di inviare le loro proposte e ratificare “al più presto” la decisione sulle risorse private, che ha bisogno della capacità di prendere in prestito 800 miliardi di euro per finanziare il fondo di recupero.

“Il tempo è essenziale, hanno detto altri colleghi, e la pronta approvazione dei piani sarà essenziale per garantire che le nostre azioni continuino a interagire a livello nazionale e rafforzare quelle dei nostri vicini”, ha detto lo spagnolo Calvino.

Le Maire ha invitato la Commissione a valutare i piani “senza indugio” in modo che possano essere approvati dal Consiglio a luglio “al più tardi”.

“Questo permetterà al denaro di arrivare prima della fine dell’estate”, ha detto il ministro delle finanze francese.

I diplomatici nazionali hanno chiesto perché la commissione abbia impiegato due mesi per convalidare i piani, poiché la fondazione discute i contenuti con alcuni paesi dallo scorso ottobre.

Tuttavia, la Commissione afferma da giorni che non può accelerare l’approvazione dei pacchetti nazionali per rilasciare miliardi di euro per finanziare la ripresa europea.

READ  Il futuro del cibo è nelle nostre mani: il mondo

Il portavoce della Commissione Eric Mamer ha affermato mercoledì che si tratta di un “processo complesso”, dato l’enorme volume di informazioni inviate dalle capitali, il lavoro necessario per tradurre le proposte in testi legislativi e la necessità di valutare adeguatamente i piani e spendere 800 miliardi di euro.

“Non sprecheremo un minuto, ma abbiamo bisogno di un po ‘di tempo”, ha detto.

Mamer ha aggiunto che “è giusto dire che la Commissione sta facendo del suo meglio, già finora, per accelerare il processo” discutendo negli ultimi mesi le bozze nazionali con le capitali.

Ha osservato che l’istituzione del Fondo per il recupero è uno sforzo comune, poiché gli Stati membri non hanno ancora completato la ratifica della risoluzione sulle risorse speciali.

Otto paesi dell’Unione europea devono ancora accettare la decisione, sebbene la Commissione si aspetti che venga completata entro la fine di maggio, quindi potrebbe cercare finanziamenti di mercato a giugno.

Ci vorrà un po ‘più di tempo per valutare i piani di ripristino. Una volta che le bozze sono state formalmente presentate, la commissione ha due mesi per prendere la sua decisione, e il consiglio, cioè i 27 stati membri, ha un altro mese.

Di conseguenza, i primi trasferimenti non dovrebbero arrivare prima della fine di luglio, se tutto va bene, un anno dopo che i leader dell’Unione europea hanno deciso di istituire il fondo di recupero.

[Edited by Zoran Radosavljevic]