SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Fine della censura – cinema italiano libero – disegni

La liberalizzazione pone fine a un lungo periodo di moderazione dell’industria

C’è una frase del regista italiano Dario Argento che dice: “In Italia il censore è molto vecchio e ci sono molti giudici e psichiatri che ti analizzano”. Il discorso del regista è importante perché il suo e tanti altri (questa lista comprende nomi come Federico Fellini e Bernardo Bertolucci) sono stati in qualche modo influenzati dall’attuale censura del cinema italiano.

È solo di recente che il governo italiano ha vietato la legislazione che conferisce agli enti pubblici, e in particolare al Ministero dell’Interno, il potere di montare o vietare film contenenti materiale ritenuto “inappropriato”. In un comunicato sulla decisione, il ministro della Cultura, Dario Franceschini, ha sottolineato il nuovo cambiamento in quanto “il sistema di censura e ingerenza che ancora consente allo Stato di interferire con la libertà degli artisti è stato definitivamente chiuso”.

La pratica della censura nel cinema italiano è molto antica, risale ai tempi del pre-fascismo. Lo scopo del maggio 1914, con regio decreto n. 534 (all’epoca in cui il re Vittorio Emanuele III governò fino all’adozione del modello repubblicano nel 1946), era quello di “impedire al pubblico di vedere: manifestazioni offensive, morale, morale e ordinaria cittadini; prestazioni contrarie alla reputazione nazionale e alla decenza o all’ordine pubblico, o che possono interrompere le buone relazioni degli eventi internazionali … “.

Il cinema era già una realtà dell’Italia all’inizio del XX secolo

Lo scenario italiano di questo tipo di decisioni, all’inizio del XX secolo, forniva già un clima abbastanza favorevole perché tale decisione entrasse in vigore nel 1914. A partire dal 1910, quando i sindaci sono in atto maggiori controlli su tutto il materiale culturale prodotto erano autonomi nell’organizzare azioni considerate non etiche. Ironia della sorte, come l’articolo di Marco Griffo “Le prime fasi della censura cinematografica in Italia”, la richiesta di un ufficio di regolamentazione è arrivata da una fonte inaspettata.

“La richiesta di avere un unico ufficio centrale per la concessione delle uscite cinematografiche degli stessi produttori, al fine di limitare le perdite finanziarie che possono subire a causa dei gusti individuali dei sindaci. Si sperava inoltre di ristabilire l’ordine in un clima di confusione.

Dal 1913 questo regolamento fu ampliato con l’Atto del parlamentare Luigi Facta in cui un unico ufficio avrebbe il potere di controllare o pubblicare tutte le produzioni italiane o straniere che sarebbero state proiettate ad un vasto pubblico. L’anno successivo è stato messo in atto un vero e proprio processo di supervisione a livello nazionale, con valutazioni che devono essere condotte da due comitati composti da funzionari della Sicurezza generale della pubblica sicurezza e politici in generale.

READ  Adele canta alla festa del dopo-Oscar per Daniel Kaluuya

Divertiti a guardare:

1913 Il Parlamento italiano vota per adottare le prime misure di controllo

Quando nel 1922 emerse il governo fascista Mussolini, inizialmente mantenne in vigore il sistema dei comitati organizzativi fino ad allora con qualche piccola introduzione ai nuovi elementi che dovevano essere anche equilibrati. Nel suo film La censura durante il fascismo, Roberto Gullo offre una prospettiva interessante sul rapporto tra l’allora regime neofascista e l’abitudine già consolidata della censura.

“I criteri per valutare i film in base ai loro meriti sono rimasti invariati: gli ascoltatori hanno continuato a lottare per le capacità morali, la presenza di scene violente, disgustose o crudeli … anche quelle che potevano incitare all’odio tra le diverse classi sociali. Parte dell’apparente mancanza di L’interesse di Dawn Fascism nella censura dei film è che il più grande interesse di Mussolini, come sappiamo, riguardava più il controllo delle notizie e delle informazioni che dei film di finzione.

L’autore prosegue sottolineando che questa apparente mancanza di interesse è stata messa da parte dal 1934 con l’istituzione del Sottosegretario di Stato per la Stampa e la Propaganda, quando la responsabilità della valutazione della produzione audiovisiva è stata trasferita al Sottosegretario di Stato che aveva la sua divisione cinematografica.

L’arrivo del governo fascista Mussolini intensificò il controllo che già esisteva

Secondo Gul, la censura fascista era diversa perché “ha rafforzato quello che viene chiamato controllo preventivo, cioè nella fase di pre-produzione, in particolare mantenendo il controllo sul testo; e il graduale trasferimento di poteri che limitano i comitati di revisione ai dipendenti più anziani” .

Con questo in mente, la macchina del controllo statale ha lavorato con obiettivi preconcetti, cioè alcune azioni non hanno nemmeno bisogno di passare attraverso i comitati per subire divieti come quelli provenienti dagli Stati Uniti. Francia e URSS. In effetti, la censura ha preso di mira principalmente le aziende che contengono messaggi in linea con le idee che il governo sta difendendo.

READ  Milva Dead: La cantante italiana muore all'età di 81 anni

Un esempio di ciò è The Great Illusion, un film francese del 1937 di Jean Renoir che vinse anche un premio per le migliori arti dello spettacolo al Festival del cinema di Venezia, portando una storia che criticava l’idea che la guerra fosse qualcosa da prendere di mira (incoerente con il idea di militarismo fascista) e mise in moto la scena: il campo centrale era un campo di prigionieri di guerra dove il dialogo tra soldati di diverse nazionalità smantellava i pregiudizi precedenti.

La Grande Illusione porta un potente messaggio pacifico

Un altro caso memorabile è quello che è successo al grande dittatore del 1940, l’ultima satira di Charles Chaplin che ha apertamente preso in giro i movimenti fascisti e nazisti italiani. La maggior parte dell’Europa non avrebbe potuto accedere all’opera fino a dopo la seconda guerra mondiale, ma nel caso della Spagna in particolare, l’opera non sarebbe stata pubblicata fino alla morte del dittatore Francisco Franco nel 1975.

In questo modo, la fine della guerra segnò un momento di rivalutazione del controllo italiano, anche se non era stato eliminato. Nella parte del Paese occupata dagli Alleati si è provveduto ad eliminare tutte le azioni che sarebbero state scuse per il fascismo, mentre nell’ex Repubblica di Salou (situata nel nord del Paese, che era la regione in cui si trovava Mussolini). Sotto controllo tra il 1943 e il 1945) la struttura di recinzione esistente è rimasta intatta.

Anche con l’approvazione di nuove leggi che dovrebbero teoricamente riformare il sistema di rating cinematografico, il decreto del 1945 che istituisce un nuovo organismo chiamato Central Film Board vive ancora l’abitudine che era necessaria in Italia per un rappresentante dello Stato per determinare quali film dovrebbero essere bandito o mostrato.; Non mostra molta differenza rispetto a ciò che è stato praticato dal 1914 o 1922.

Chaplin è stato bandito in molti paesi europei fino a dopo la guerra

Nella confusione del potere italiano dell’epoca, la Chiesa entrò nell’occasionale elemento decisivo del cinema. Nell’articolo “Esiste davvero … Era ovunque sui giornali”: I ricordi della censura cinematografica negli anni ’50 in Italia del duo Daniela Treviri Gennari e Silvia Dipletolo erano indicati come il controllo del cinema da parte del Vaticano.

READ  Confassociazioni è pronta a mettere in contatto gli stakeholder nordamericani con 1.200.000 piccole imprese e professionisti italiani

“Questo è stato possibile solo grazie alla centralizzazione del potere raggiunta da Giulio Andreotti … che ha agito secondo i desideri del Vaticano … Andreotti Montini ricorda tutti i processi che ha intrapreso per stabilire una presenza cattolica nel cinema italiano. gli interventi hanno compreso un contributo finanziario al Centro del Cinema Cattolico, la presenza di un attore. Un cattolico nella giuria della Mostra del Cinema di Venezia … ”

Nick Vivarelli ha discusso dell’apprezzamento delle opere rimosse durante il periodo di censura nel suo articolo L’Italia abolisce la censura dei film, ponendo fine all’autorità governativa di vietare i film per la diversità in cui crede, attraverso la fonte originale del portale Cinecensura, che 247 film italiani, 130 americani sono state rimosse e 321 opere da Altri paesi dall’Italia dal 1944 (senza contare il periodo precedente a quell’anno) hanno costretto più di 10.000 opere a ritagliare scene.

Nonostante il blocco delle libertà creative, il cinema italiano è riuscito a prosperare nella seconda metà del XX secolo; Tra gli anni Cinquanta e Settanta, il Paese ha visto il boom della miglior commedia dell’era, con opere come The Eternals Unknown e Amarcord di Federico Fellini. È anche il periodo in cui nascono i grandi nomi dell’industria audiovisiva italiana; Non solo dal già citato Fellini (che è in cima ai nomi), ma anche da Sergio Leone (che conquisterà Hollywood rifacendo il genere western), Dario Argento (che ha unito il genere horror a un’estetica sofisticata), Roberto Benigni ( un riferimento nella commedia) e molti altri.

Insomma, la fine ufficiale della censura nel cinema italiano ha un peso praticamente grande (sebbene molti film storicamente banditi da tempo siano già stati guardati dal pubblico) e simbolica perché rappresenta il sospiro di sollievo da parte dell ‘”industria che ora sarà”. Per essere in grado di determinare da soli quali film sono adatti per quali diapositive e registi non devono più vivere l’esperienza di vedere il loro lavoro essere montato e tagliato continuamente secondo la censura.

Assicurati di guardare:

🚨 Iscriviti al nostro canale YouTube 🚨 http://bit.ly/CinePOP_Inscribe