SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Energia e sviluppo economico – il mondo delle imprese

Freebeck

Dopo gli allarmi gialli e rossi e le interruzioni nella rete di Luzon tra la fine di maggio e l’inizio di giugno a causa di molte grandi ma vecchie e obsolete centrali elettriche che continuano lunghi arresti per manutenzione e tempi di fermo, il problema è tornato questo mese con l’Electric Power Industry Reform Amendment Act (EPIRA) Romanzi sull’omicidio del carbone del 2001. Vedi questi due rapporti in Il mondo del business: “Il disegno di legge della Camera dei rappresentanti mira a consentire la proprietà del governo delle centrali elettriche, fermare la privatizzazione dell’energia idroelettrica” ​​(5 luglio); e “Climate Advocacy chiede il divieto di estensione degli impianti a carbone per includere i progetti sospesi” (11 luglio).

Il primo rapporto riguarda un emendamento alla legge EPIRA che ha imposto al governo di uscire dalle attività di produzione di energia, comprese le grandi centrali idroelettriche a Mindanao, e incoraggiare una maggiore concorrenza privata nella produzione di energia. Questo disegno di legge della Camera modificherebbe l’EPIRA in peggio, non in meglio.

Il secondo rapporto riguarda l’infinita lobby dei gruppi ambientalisti per uccidere l’energia dal carbone nelle Filippine, non solo per i nuovi progetti ma anche per quelli esistenti, spingendo per più fonti di energia rinnovabile, in particolare l’energia eolica e solare.

Per comprendere l’inutilità di questa lobby, guarda un’immagine della produzione globale di energia dalla BP Statistical Review of World Energy (SRWE) 2021 pubblicata la scorsa settimana. Ho scelto la più grande produzione di energia ed elettricità del mondo più ASEAN-5, e poi ho calcolato la percentuale di carbone ed energia eolica più energia solare.

I numeri sopra mostrano quanto segue.

1. Produzione di elettricità. Quattro dei cinque paesi con più di 1.000 TWh sono nelle sei maggiori economie del mondo o per dimensione del PIL: USA, Cina, India e Giappone. Un’ulteriore prova che l’energia è sviluppo, una grande produzione di elettricità è un grande PIL.

READ  Negozi metro CBD in fase di revisione, 3 chiusi per basso traffico Covid

2. Generazione di carbone. Molti paesi asiatici producono almeno il 36% della produzione totale di elettricità dal carbone nel 2020. Questi sono anche i paesi con un’elevata crescita media del PIL dal 2010-2019: Cina 7,7%, India 7,0%, Vietnam 6,5% Filippine 6,4%, Indonesia 5,4% , Malesia 5,3%, Taiwan 3,6%, Corea del Sud 3,3%.

La generazione di 58,2 TWh di carbone nelle Filippine nel 2020 è in realtà ridotta, solo la metà della produzione di Vietnam e Taiwan, un terzo dell’Indonesia, quasi un quarto della Corea del Sud e del Giappone, 1/14 degli Stati Uniti e 1/ 85 di carbone in Cina. Energia. Eppure molti ambientalisti stanno maltrattando le Filippine quando non possono fare lo stesso con Cina, India e Russia.

3. Produzione di energia eolica più solare. I paesi europei sono leader nella “decarbonizzazione” e hanno un’alta percentuale di energia solare ed eolica nella produzione totale di elettricità almeno il 10%. Sono anche i paesi con una crescita lenta del PIL. Crescita media 2010-2019: Germania 1,9%, Regno Unito 1,8%, Francia 1,4%, Spagna 1,1%, Italia 0,3%.

Nella prima metà del 2021, il mix di generazione di energia delle reti Luzon-Visayas riflette un mix simile a quello che è successo nel 2020. Durante un briefing la scorsa settimana dall’operatore indipendente dell’elettricità e del mercato delle Filippine (IEMOP), il mix di generazione medio di Il periodo da aprile a giugno 2021 è stato il seguente: carbone 55,7%, gas naturale 23,6%, geotermico 10,5%, idroelettrico (grandi e downstream) 4,1%, petrolio 2,5%, solare 1,8%, biomasse 1%, eolico 0,9%.

Il funzionamento del solare, dell’eolico, della biomassa e dell’acqua fluviale è sovvenzionato attraverso una tariffa incentivante (FiT), a tasso fisso e garantito per 20 anni ai sensi della legge sulle energie rinnovabili (RE) del 2008 (RA 9513). Quindi, dopo 13 anni, solare, eolico e biomasse possono produrre solo il 3,7% della produzione totale di elettricità.

IEMOP ha anche riportato un’elevata precisione di previsione della domanda per Enhanced WESM Design and Operations (EWDO) con un intervallo di cinque minuti, un giorno prima della previsione di un’elevata domanda del 99,2% nella rete di Luzon e del 99,0% nella rete di Visayas.

READ  Campagna di crowdfunding neozelandese per raccogliere 2,5 milioni di dollari per salvare Air New Zealand 747

La Philippine Electricity Market Corporation (PEMC), il Wholesale Electricity Spot Market Management Board (WESM), sta monitorando la conformità dei partecipanti al mercato con EWDO.

L’aspetto positivo del mercato dell’elettricità nelle Filippine è che c’è un ruolo maggiore per la concorrenza del settore privato nella produzione di energia e nella distribuzione al dettaglio. Anche le operazioni di mercato sono ora in mani private. Le uniche spine sono un monopolio privato nella trasmissione (privilegiato al Congresso) e la lobby infinita per modificare l’EPIRA e alcune centrali elettriche per rimanere nelle mani del governo e quindi non competitive.

Le Filippine dovrebbero dare la priorità a una maggiore crescita e creare più posti di lavoro per la sua popolazione attraverso energia stabile e a basso costo, non la pressione ambientale per uccidere i combustibili fossili e quindi causare frequenti interruzioni di corrente facendo affidamento su energia eolica e solare instabile, inaffidabile e non distribuibile.

Bienvenido S. Oplas, Jr. È il Direttore della Comunicazione e degli Affari Societari, Alas Oplas & Co. CPA

Nonnooplast@alasoplascpas.com