Elezioni presidenziali in Ciad: il voto sta per porre fine al governo militare

Commenta la foto, I manifesti dei candidati, tra cui quello di Najah Masra (al centro) e Mohamed Deby (a destra), possono essere visti nella capitale

Il Ciad è destinato a diventare il primo paese africano guidato dall’attuale giunta militare a passare al governo democratico con le elezioni presidenziali che si terranno lunedì.

Si concluderà un periodo di transizione di tre anni imposto dopo la morte improvvisa del leader di lunga data Idriss Déby Itno mentre combatteva i ribelli.

Ma poiché suo figlio e successore, il generale Mohamed Déby, è uno dei favoriti per la vittoria, ci sono alcuni dubbi sul fatto che ciò possa portare a un cambiamento.

Il primo ministro Sosis Masra è tra i suoi nove rivali ed è visto come il suo più grande rivale.

Il Consiglio costituzionale ha escluso altri dieci politici che speravano di candidarsi, tra cui due figure di spicco, Nassour Ibrahim Negi Korsami e Rakhiz Ahmed Saleh, a causa di “irregolarità”. Il signor Corsami, ad esempio, è stato accusato di falso.

Ma alcuni sostengono che la decisione di bandire alcune persone sia motivata politicamente.

Un altro potenziale dissidente, Yaya Dilou, è stato ucciso dalle forze di sicurezza a febbraio, mentre presumibilmente guidava un attacco contro l’Agenzia per la sicurezza nazionale nella capitale N’Djamena.

Gli attivisti hanno chiesto il boicottaggio delle elezioni, descrivendolo come uno stratagemma per dare una sfumatura di legittimità democratica alla famiglia Deby.

Molti rimangono in esilio dopo la repressione mortale contro i dissidenti seguita alle proteste dell’ottobre 2022.

Potrebbe servire da modello per le giunte militari che cercano di mantenere la loro influenza politica dopo essere arrivate al potere per la prima volta illegalmente.

Il paese esportatore di petrolio, con una popolazione di quasi 18 milioni di abitanti, non ha assistito a una transizione di potere libera ed equa sin dalla sua indipendenza dalla Francia nel 1960.

Idriss Déby rovesciò Hissene Habré nel 1990 e rimase in carica per i successivi tre decenni fino alla sua morte sul campo di battaglia nell’aprile 2021 all’età di 68 anni.

Suo figlio, che ora ha 40 anni, ha preso il potere in quello che gli oppositori hanno descritto come un colpo di stato costituzionale e inizialmente si è impegnato a rimanere come leader ad interim per soli 18 mesi, un periodo che è stato successivamente prolungato. Ha anche detto che non si candiderà alla presidenza.

Il generale Déby ha cercato di dissipare i timori di far parte di una dinastia regnante.

“Se eletto, resterò in carica per cinque anni e alla fine del mio mandato spetterà al popolo giudicarmi. Per quanto riguarda la dinastia, la nostra costituzione è molto chiara: un candidato non può servire più di due anni termini consecutivi”.

Massra, anche lui 40enne, è stato nominato Primo Ministro dal generale Deby a gennaio dopo aver raggiunto un accordo per riparare le divisioni politiche causate dalle proteste dell’ottobre 2022.

Alcuni hanno accusato l’economista di tradire l’opposizione, ma lui ha smentito le voci di un accordo segreto di condivisione del potere post-elettorale con il generale Déby.

Il corrispondente della BBC a N’Djamena, Paul Njie, afferma che la gente in Ciad ha un disperato bisogno di cambiamento.

Aggiunge che quando si tratta di votare c’è un misto di speranza e disperazione.

La speranza è che questo voto, per chiunque vincerà, possa innescare una nuova era di leadership giovanile nel Paese, ma la disperazione Come negli ultimi tre decenni, la vita sta diventando più difficile per molti nel Paese.

Report aggiuntivi da BBC Monitoring.

Altre storie della BBC sul Ciad:

Fonte immagine, Getty Images/BBC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto