HomeWorld"È in gioco il progresso": l'ex ambasciatore afghano mette in guardia sul...

“È in gioco il progresso”: l’ex ambasciatore afghano mette in guardia sul destino delle donne sotto il dominio dei talebani | Afghanistan

Tlui è Ambasciata dell’Afghanistan Occupa una bellissima villa di mattoni rossi in un tranquillo quartiere alberato di Washington, lontano da chi cammina con i cani e da chi fa jogging, come si può immaginare il fuoco dei cannoni e il panico di Kabul.

Siete entrati nell’ombra della diplomazia, alzando la bandiera di un governo che non c’è più. Quasi 30 dipendenti stanno ancora rispondendo al telefono ma lo sono stati spinto nell’oblioMolti probabilmente chiederanno asilo negli Stati Uniti, ma sono preoccupati per le loro famiglie a casa.

Fino al mese scorso era a capo della spedizione Roya Rahmani, Un’attivista femminista arrivata nel 2018 come prima ambasciatrice donna dell’Afghanistan negli Stati Uniti. Ora due decenni di vittorie per le donne afghane penzolano tra le notizie secondo cui molte di loro si nascondono dai talebani e le emittenti femminili sono state vietato lavorare alla televisione di stato.

“Cosa succede a Afghanistan Rahmani, 43 anni, ha detto al telefono venerdì. In altre parole, il futuro delle donne in Afghanistan è il futuro dell’Afghanistan. Se questo sta andando nella giusta direzione, allora il paese sta andando nella giusta direzione. Se questo viene compromesso, soppresso o violato, allora lo è anche l’Afghanistan”.

È il Rahman che ha una figlia piccola, sorpreso che Joe Biden non glielo abbia mostrato Più simpatia e simpatia Alla difficile situazione delle donne e delle ragazze afgane?

“Lo sono”, ha detto, lasciando un silenzio imbarazzato mentre si rifiutava di fornire ulteriori dettagli.

Pensi che Biden capisca il punto che stai facendo sulla centralità delle donne nel futuro dell’Afghanistan?

“Non posso parlare per lui”, ha detto.

READ  Samoa cancella un progetto portuale sostenuto dalla Cina guidato dal nuovo leader Famei Naomi Matafa
Donne e bambini afgani che cercano di fuggire dall’Afghanistan in Iran dopo che i talebani hanno preso il controllo. Foto: Mohammad Javadzadeh/Mezzaluna Rossa iraniana/AFP/Getty Images

La decisione del presidenten Il ritiro dall’Afghanistan entro la fine del mese ha portato al crollo del governo appoggiato dagli Stati Uniti molto più velocemente del previsto, lasciando le forze statunitensi a effettuare un’evacuazione caotica attraverso l’aeroporto di Kabul.

Rahmani ricorda: “Ero paralizzato guardandola e pensando: ‘Oh mio Dio, è finita di nuovo’. E poi vedrò di nuovo nella mia vita che cambia nella giusta direzione?”

Ha detto che la situazione è “estremamente stressante” per la sua famiglia in Afghanistan. È una sensazione di panico, disperazione, impotenza, abbandono, delusione e tradimento. E la lista continua. Purtroppo non c’è molta positività”.

Ci sono segni che i talebani reprimono la protesta e danno la caccia ai loro presunti collaboratori. Alleati sbalorditivi e nemici esultanti, la guerra dei 20 anni e il suo improvviso collasso interno sono stati descritti come uno dei Il più grande disastro in politica estera nella storia americana.

“Non voglio commentare direttamente il presidente Biden se non per dire che le cose avrebbero potuto essere fatte diversamente”, ha detto Rahmani.

Biden ha affermato che l’operazione statunitense in Afghanistan riguardava l’antiterrorismo. Ma Rahmani sottolinea che la costruzione dello stato è stata una parte essenziale di quella strategia e ha beneficiato milioni di donne.

Sebbene questo non fosse il motivo principale per cui la comunità internazionale è andata in Afghanistan, si scopre che lo era Il Lei disse.

Gli attivisti tengono striscioni a sostegno delle donne afgane durante una manifestazione a Istanbul, in Turchia.
Gli attivisti tengono striscioni a sostegno delle donne afgane durante una manifestazione a Istanbul, in Turchia. Foto: Dilara Senkaya/Reuters

Sotto il primo regime talebano negli anni ’90, quasi nessuna ragazza andava a scuola. Oggi più di una ragazza adolescente su tre sa leggere e scrivere. I talebani, che stanno cercando di cambiare il loro marchio, hanno Incoraggiare le donne a tornare al lavoro E lascia che le ragazze tornino a scuola e fornisci loro un velo alla porta.

READ  Il mistero permanente della piramide, risolto » Explorersweb

Ma Rahmani ha avvertito: “Per quanto godano dei loro diritti e libertà e siano in gioco i loro progressi e risultati, le donne afghane si sentono molto stressate, molto spaventate e molto ansiose.

“Finora i talebani hanno solo chiarito la loro posizione dicendo che rispetteranno i diritti delle donne purché si conformino alla legge islamica, il che è preoccupante per molti poiché si chiedono se ciò significhi che i loro diritti saranno più limitati a causa della stessa interpretazione specifica dei talebani, che non è necessariamente praticata in altri paesi a maggioranza musulmana.

“Le donne pensano di aver fatto tutto secondo l’Islam e la legge islamica fino ad ora, e dire che è permesso solo in questo avvertimento suona per loro un campanello d’allarme”.

Dice che l’America e l’Occidente non dovrebbero sottrarsi alle proprie responsabilità.

“Questo è il momento di farlo. Hanno fatto molto negli ultimi 20 anni e quello che hanno fatto probabilmente è che hanno fornito un’opportunità e una piattaforma, e le donne afghane hanno davvero sfruttato quella piattaforma e quell’opportunità, e hanno lavorato duramente per arrivare dove sono. I progressi sono stati impressionanti ed enormi. Ora dipende davvero da come lo fanno”. La comunità internazionale si sta posizionando.

Rahmani ha affermato che i talebani potrebbero avere difficoltà a governare perché stanno affrontando un problema Nuova generazione.

Dipenderà anche da come la gente in Afghanistan reagirà a questa nuova realtà perché non è lo stesso Afghanistan di 20 anni fa.

L'ambasciata afgana a Washington, D.C., sventola ancora la bandiera del paese.
L’ambasciata afgana a Washington, D.C., sventola ancora la bandiera del paese. Foto: Chip Somodevila/Getty Images

“Molte persone hanno punti di vista e mentalità molto diverse rispetto al passato. È inaccettabile che così tante persone siano disconnesse dal resto del mondo e non siano impegnate allo stesso livello con il mondo e desiderino opportunità, un’istruzione adeguata e gran parte del mondo moderno. In questo contesto è uno sforzo enorme”.

READ  Incendi boschivi in ​​Grecia: un vigile del fuoco muore mentre combatte gli incendi boschivi

Rahmani è stato rimosso È stata rimossa dal suo incarico il mese scorso dopo essere stata accusata di appropriazione indebita di fondi per ricostruire un muro nell’ambasciata, un’accusa che lei nega come politicamente motivata. Rimarrà a Washington come borsista alla Georgetown University “per il prossimo futuro”, ma spera di tornare in Afghanistan quando potrà “contribuire in modo efficace e costruttivo”.

il suo successore, Adila Raz, È anche una donna. Per ora, l’Ambasciata in Wyoming Street continua la sua esistenza libera, la bandiera gigante che sventola ancora.

Rahmani ha sottolineato che «l’ultima volta che c’è stata una presa di potere da parte dei talebani, c’è stato un conflitto tra e tra i membri dell’ambasciata che ha portato alla chiusura dell’ambasciata. Ora, quello che succede all’ambasciata dipende dal nuovo governo afghano e da come gli Stati Uniti decideranno di affrontarlo diplomaticamente.

Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News