SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Delhi e Mumbai hanno chiuso con infezioni giornaliere raddoppiate a 200.000 in 10 giorni

Le due città più grandi dell’India – con una popolazione complessiva di oltre 37 milioni di persone – sono state effettivamente bloccate dopo che il numero di casi giornalieri di coronavirus nel paese è raddoppiato in 10 giorni.

Il secondo paese più popoloso del mondo ha registrato 200.000 nuove infezioni durante la notte mentre le autorità erano alle prese con una carenza di vaccini, cure e letti ospedalieri.

Dopo aver lasciato andare la guardia con feste religiose di massa, manifestazioni politiche e folle alle partite di cricket, l’India sta vivendo una feroce seconda ondata, con quasi due milioni di nuove infezioni registrate solo questo mese.

Questa settimana ha superato il Brasile diventando il paese con il secondo maggior numero di casi al mondo, dopo gli Stati Uniti.

I dati del Ministero della Salute hanno mostrato che l’ultimo giorno ha anche registrato più di 1.000 morti, portando il totale a 175.000, anche se l’India su base pro capite è molto indietro rispetto a molti altri paesi.

Dopo che il blocco nazionale un anno fa ha causato una diffusa miseria e una delle più gravi recessioni di qualsiasi grande economia, il governo cerca disperatamente di evitare il ripetersi del blocco impopolare.

Ma molti stati stanno stringendo le viti, in particolare il Maharashtra e la sua capitale, Mumbai, che questa settimana ha imposto restrizioni più severe ai suoi 125 milioni di persone.

Relazionato: L’India è stata accusata di nascondere la verità sulla diffusione del COVID-19

Ciò ha spinto molti lavoratori migranti a fuggire da Mumbai e da altre città dello stato, in scene che ricordano un esodo di massa l’anno scorso, quando il governo ha interrotto tutte le attività quasi dall’oggi al domani.

READ  La Norvegia si sta liberando di tutte le restrizioni del Covid per vivere come al solito

La capitale, Nuova Delhi, giovedì è diventata l’ultima a imporre il coprifuoco nel fine settimana e richiede che i centri commerciali, le palestre e le terme rimangano chiusi da venerdì sera.

La megalopoli di circa 25 milioni ha registrato più di 17.000 nuovi casi mercoledì, il più alto per un solo giorno dall’inizio della pandemia.

Giovedì scorso, il Ministero della Cultura ha detto che tutti i monumenti, inclusa la più grande attrazione turistica dell’India, il Taj Mahal, saranno chiusi fino al 15 aprile a causa dell’aumento.

Il mausoleo di marmo nel sud di Nuova Delhi è stato riaperto a settembre dopo essere stato chiuso ai visitatori nel marzo dello scorso anno.

Nel frattempo, l’Uttar Pradesh, uno stato dell’India settentrionale con una popolazione di oltre 240 milioni di abitanti, ha imposto il coprifuoco nelle principali città mentre si affrettava a controllare la recente ondata di casi – con il primo ministro Yuji Adityanath ricoverato in ospedale per il virus giovedì.

Una tendenza preoccupante in quanto gli ospedali sono stati gravemente colpiti

Gli ospedali indiani stanno ora lottando per far fronte alla carenza di letti, ossigeno e farmaci per il coronavirus come Remdesivir.

In una nuova preoccupante tendenza, i medici delle città più colpite hanno dichiarato all’AFP di aver visto un aumento del numero di pazienti con Covid-19 di età inferiore ai 45 anni e che soffrivano di sintomi più gravi rispetto allo scorso anno.

Stiamo anche vedendo bambini di età inferiore ai 12 e 15 anni entrare con sintomi nella seconda ondata. “Non c’erano praticamente sintomi che si manifestassero sui bambini nell’ultimo anno”, ha detto Khasraf Bagan, un consulente del PD Hinduja National Hospital di Mumbai.

READ  Numeri COVID-19 in India; Avvertimento sulle varianti più pericolose

Anche l’offerta del paese di vaccinare 1,3 miliardi di persone ha incontrato ostacoli, con solo 114 milioni di iniezioni effettuate finora e scorte in diminuzione, secondo le autorità locali.

Nuova Delhi ha imposto restrizioni all’esportazione dal Serum Institute – che ha fornito a dozzine di paesi vaccini COVID – per dare la priorità ai bisogni interni.

Anche con alti tassi di infezione, molte feste religiose continuano ancora, tra cui Kumbh Mela ad Haridwar, nel nord dell’India, che ha visto quasi cinque milioni di pellegrini indù radunarsi, la maggior parte senza maschera, questa settimana sulle rive del sacro fiume Gange.

I funzionari hanno detto mercoledì che il virus è stato rilevato in quasi 2.000 persone in sole 48 ore ad Haridwar.

“La nostra fede è la cosa più importante per noi. È a causa di questa forte convinzione che molte persone sono venute qui per nuotare nel Gange”, ha detto all’AFP Siddharth Chakrabani, un membro di uno dei comitati organizzativi del Kumbh Mela.

“Credono che Ma (madre) Ganga li salverà da questa epidemia”. E secondo la stampa, anche molti crematori stanno lottando. “Dalle 9 del mattino aspettiamo fuori”. Un parente fuori dal crematorio di Bangalore ha detto: “Adesso è l’una del pomeriggio e abbiamo ancora bisogno di altre due o tre ore per il nostro turno”.

“Ci sono centinaia di persone come noi che aspettano qui.”