SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Dall’Italia alla Biblioteca di Oxford: una nuova casa per i segreti di Antonio Carloscio | Antonio Carlosio

Quando si acquista “Pasta Fresca” significa prendere dallo scaffale una confezione di spaghetti secchi piuttosto che una lattina.

Per decenni e una rivoluzione nella nostra comprensione del cibo italiano ha portato pesto, tortellini, polanda e persino pasta per pasta nelle case britanniche. Si tratta di un cambiamento nelle abitudini in cucina, che spesso è eredità di un uomo: Antonio Carlosio.

Una vasta collezione di ricette storiche e manufatti raccolti da Carlosio, morto ormai quattro anni fa, è esposta in una nuova biblioteca e archivio universitario a Oxford.

UN Record di vita e di lavoro Apre il 13 settembre come parte della collezione speciale di Oxford Brooks e degli archivi di scrittori culinari, chef e ristoranti. Lo chef Gennaro Contaldo, amico di lunga data di Carlosio, sarà il primo a fare la fila alla porta, dicendo che non vede l’ora.

“Riporta tanti ricordi. Penso ad Antonio ogni giorno, dice una preghiera. Sento sempre la mia voce nella sua mente, discuto con lui, mi immagina che quello che faccio sia spazzatura.

La perdita di Carlosio è stata sentita ancora più intensamente da Gondado, che spesso è apparso sullo schermo con l’amico, anche nella serie BBC 2 Due italiani golosi.

“Mi manca così tanto. Ho anche alcune delle sue magliette e della sua giacca per ricordarglielo”, ha detto Codoldo, 72 anni, conosciuto come il mentore di Jamie Oliver. È uno chef, sì, ma è un’incredibile fonte di ispirazione. Ti dirà ogni versione di una ricetta a memoria. È un’università del cibo aperta.

La ricetta semplice, con le bozze e gli appunti di Carlosio, è ora in archivio.
La ricetta semplice, con le bozze e gli appunti di Carlosio, è ora in archivio.

Il commentatore Antonio Carlosio, OBE, è nato a Salerno nel 1937 e presto si è trasferito nel nord Italia con il padre, la madre e cinque fratelli, capostazione. È arrivato in Gran Bretagna nel 1975 come importatore di vino e ha iniziato a collezionare biblioteche personali scrivendo cibo fino al 16.Dal 21° al 21° secolo, quasi 800 di questi titoli sono andati a Oxford Brooks.

Questi lavori includono libri sulla cucina italiana, sui funghi e sulla cucina generale e sulla cucina mondiale. I manoscritti dei libri di Carlosio, insieme a appunti scritti a mano e ritagli di giornale, illustrano il suo impatto sulla scena gastronomica degli anni ’80 con le sue prime apparizioni su BBC2. Cibo e bevande Project, della sua prima serie indipendente Italiano di Antonio Carlosio feste Nel 1996 e il suo ultimo spettacolo, Sei stagioni di Antonio.

Antonio copre un’ampia varietà di ricette. Il cibo italiano spazia dalle dolomiti alle spiagge adriatiche e mediterranee e alle isole meridionali, naturalmente ha detto Gondaldo. “I romani hanno davvero scelto il posto migliore del mondo perché ogni parte d’Italia pensa di avere il cibo migliore. ParanoiaCome dice Antonio. Tutti conoscono il suono della campana del proprio villaggio.

Carlosio con Gennaro Condaldo tra due italiani golosi.
Carlosio con Gennaro Condaldo tra due italiani golosi. Foto: David Loftus / BBC

Saranno esposti i menu scritti a mano di David Hockney dall’influente ristorante Neil Street di Carlosio, insieme alle opere d’arte fornite da alcuni clienti famosi invece di pagare. L’archivio ha anche una selezione di bastoni da passeggio che voleva vincere.

Helen Workman, direttrice delle risorse didattiche presso Oxford Brooks, ha descritto Carlosio come un “gigante della scena gastronomica” e ha affermato che la nuova biblioteca sarebbe un’importante aggiunta alle collezioni di specialità alimentari e bevande, comprese le collezioni di Ken Home e Jane Krickson.

“I bei bastoncini di foraggio che ha segnato sono uno dei nostri oggetti preferiti”, ha detto.

La tradizione alimentare di Carlosio si mantiene così viva Le fondamenta che ha posto Poco prima della sua morte. Con la sua missione di “formare nutrire, nutrire per la vita” sostiene chi lavora nell’ospitalità e ha fornito cibo a più di un milione di persone attraverso sovvenzioni fatte nel Regno Unito, India, Sud Africa, Italia e Malawi.

I mesi autunnali, quando la coppia esce spesso alla ricerca di funghi e noci insieme, possono essere particolarmente difficili per Kondaldo, ha detto. “Ma da parte sua sono molto orgoglioso di questa biblioteca. Forse ‘orgoglio’ è la parola sbagliata, ma sembra che stiamo guardando in basso. Poi sono molto ‘contento’. In termini di cibo, lui è il re.”

READ  La corsa all'oro italiana apre i Campionati Europei di Nuoto Paralimpico