CSIRO lancia la tecnologia di mappatura 3D sulla Stazione Spaziale Internazionale

Un potente pacchetto di tecnologia di mappatura 3D progettato dall'agenzia scientifica nazionale australiana CSIRO è arrivato alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

Gli astronauti monteranno il dispositivo su Astrobee, la piattaforma robotica della NASA che vaga per la stazione e può assistere in una serie di compiti.

Il capo del gruppo di ricerca CSIRO, il dottor Mark Elmotti, ha affermato che il carico utile creerà mappe 3D del laboratorio orbitante in modo più dettagliato di quanto fosse stato ottenuto prima, con l'obiettivo di rendere la vita più facile agli astronauti.

“L’obiettivo di questa missione è dimostrare che la nostra tecnologia può fornire un rilevamento e una mappatura 3D avanzati per i sistemi robotici sui veicoli spaziali, che potrebbero in futuro eseguire operazioni di cura autonome sui veicoli spaziali”, ha affermato il dottor Elmuti.

“Il dispositivo combina due tecnologie CSIRO – Stereo-Depth Fusion e sincronizzazione e mappatura Wildcat – per produrre dati di alta qualità sull’ambiente circostante e sui suoi movimenti nello spazio.

“È progettato per mostrare la sua capacità di eseguire scansioni interne 3D complete, per aiutare a tracciare il movimento dell’inventario intorno alla stazione e assistere gli astronauti e i controllori della missione nella pianificazione delle attività a bordo della stazione.

“La combinazione delle informazioni provenienti da una serie di sensori diversi ci consente di sapere non solo come appare l’ambiente circostante il robot, ma anche come il robot si muove nello spazio 3D”.

Il carico utile è stato sviluppato in collaborazione con Boeing e con il supporto dell’ISS National Laboratory e del NASA Ames Research Center, per sfruttare la lunga storia di innovazione di CSIRO nelle operazioni di estrazione remota e nella scansione ad alta risoluzione per la produzione e manutenzione aerospaziale.

READ  Dagli insetti lunari alle lune oceaniche: sette cose che la scienza ha rivelato finora sugli alieni

Se l’indagine multi-risoluzione avrà successo in questa dimostrazione tecnologica, CSIRO svilupperà la tecnologia per altre applicazioni spaziali.

Ciò include ambienti che non sono sempre dotati di equipaggio completo e richiedono monitoraggio e gestione remota, come una futura stazione spaziale in orbita attorno alla Luna.

Il team sta anche esaminando potenziali applicazioni per la scansione dell’esoscheletro di Gateway e per l’esplorazione della superficie lunare prevista come parte del programma Artemis della NASA.

“Questo è davvero un punto di partenza per noi. Una volta che saremo sicuri che questo tipo di carico utile possa svolgere il lavoro, il cielo sarà il limite”, ha affermato il dottor Elmuti.

“Boeing è impegnata a fornire capacità potenziate e maggiore sicurezza per le missioni sulla Luna e oltre”, ha affermato Scott Copeland, direttore dell’ISS Research Integration presso Boeing.

“Ciò richiede l’intersezione tra missioni dell’equipaggio e robotiche, e la tecnologia di scansione multi-risoluzione dimostrata a bordo del nostro banco di prova in orbita terrestre bassa sarà un potente strumento per aiutarci a raggiungere questi obiettivi”.

“La stazione spaziale fornisce uno strumento inestimabile per testare e convalidare tecnologie innovative nell’orbita terrestre bassa e promuovere il commercio spaziale”, ha affermato il dottor Ryan Reeves, direttore tecnico per la ricerca e l’innovazione presso il Laboratorio nazionale dell’ISS.

“Attendiamo con impazienza i risultati di questo progetto e gli impatti che potrebbe avere sul futuro dell’economia di pianura”.

Con il carico utile arrivato sano e salvo al laboratorio in orbita, il team attende ora il suo primo giro di prova, previsto per il modulo Kibo giapponese.

Il carico utile del sondaggio multi-risoluzione è stato lanciato come parte della 30a missione Commercial Resupply Services 30 di SpaceX, commissionata dalla NASA.

READ  Il problema dell'attenuazione delle polveri nella fotoriduzione delle galassie di bordo e possibili soluzioni Avvisi mensili della Royal Astronomical Society

Il lancio ha avuto luogo presso lo Space Launch Complex 40 presso la stazione spaziale di Cape Canaveral in Florida alle 7:55 di venerdì 22 marzo (AEDT).

/Liberazione generale. Questo materiale dell'organizzazione/degli autori originali può essere di natura cronologica ed è modificato per motivi di chiarezza, stile e lunghezza. Mirage.News non assume posizioni aziendali o partiti e tutte le opinioni, posizioni e conclusioni qui espresse sono esclusivamente quelle degli autori. Visualizzale integralmente qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto