HomescienceCovid Victoria: 25 nuovi casi e le sue periferie in massima allerta...

Covid Victoria: 25 nuovi casi e le sue periferie in massima allerta dopo il rilevamento delle acque reflue

Sono previste più linee di trasmissione a Melbourne, portando a un avvertimento che la città non è ancora in cima all’epidemia.

Questo articolo sul Coronavirus è libero di leggere a beneficio della salute e della sicurezza della comunità. Fare clic qui per l’accesso digitale completo alle notizie affidabili di Herald Sun e Leader a soli $ 5 al mese per i primi 3 mesi.

Victoria ha registrato altre dozzine di casi di Covid, con 25 nuovi casi che sono emersi durante la notte.

Di questi, quattro non sono stati ancora collegati e 13 non sono stati isolati per tutta la durata dell’infezione.

È arrivato in un giorno in cui sono state testate più di 32.000 persone e 23.076 hanno ricevuto il vaccino contro il Covid.

Le lesioni più recenti includono:

• Dieci casi relativi alla Facoltà di Pietà (una famiglia di sei persone, una famiglia di tre persone e uno studente misto).

• Sette associati alla Glenroy West Elementary School.

• Tre contatti domestici associati al Centro Commerciale CS Square.

• Un contatto sociale per il caso Middle Park.

• Un addetto alle pulizie di Greater Dandenong City.

• Operaio edile a West Footscray. e

• Una madre e suo figlio adulto a St Kilda East.

Il primo ministro Daniel Andrews ha espresso preoccupazione per i crescenti problemi di incertezza dello stato, suggerendo un’estensione del blocco di Melbourne.

Ha avvertito che Victoria stava “andando di pari passo” con l’epidemia, ma non ancora.

Ci sono una serie di casi misteriosi e questi numeri continuano a crescere. “Questa è una vera sfida”, ha detto Andrews.

“Se vogliamo riaprire l’intera economia, e se vogliamo riaprirla e lasciare che le persone si muovano liberamente in questo momento, finiremo con il posto di Sydney – migliaia di casi … e centinaia di persone in ospedale, molti di loro, molto malato.

“Ho finito con la morte. Se c’è un altro modo, useremo questa alternativa”.

La stragrande maggioranza dei 146 casi localmente attivi nel Victoria ha 40 anni o meno, con 65 infezioni di età compresa tra 20 e 40 anni, mentre 44 casi hanno un’età compresa tra 10 e 19 anni.

Solo sei casi hanno 60 anni e più, mentre 31 casi hanno 40-60 anni.

Le autorità sanitarie sono preoccupate per la diffusione del virus intorno a Melbourne dopo che si è diffuso nei sobborghi e nelle baie orientali, con il leader di Covid Jeroen Weimar che ha lanciato un terribile avvertimento.

“Se vivi a Melbourne, è probabile che tu sia a rischio di questo virus e del luogo in cui si sta diffondendo”, ha detto.

Questo non è un problema di periferia occidentale. Abbiamo casi positivi a Frankston e Dandenong e nei nostri sobborghi orientali, St Kilda, Middle Park e la città di Melbourne, nonché nei nostri sobborghi settentrionali e occidentali.

“Quindi per favore non pensare che questo sia qualcosa che colpisce altre persone in altre comunità. Questo è qualcosa che ora riguarda tutti noi da qualche parte a Melbourne. “

Ha anche esortato i vittoriani a sottoporsi al test, dicendo che lo stato aveva bisogno che i numeri dei test aumentassero.

READ  In che modo la schizofrenia dello stigma può essere la parte più difficile della situazione

“Francamente, non stiamo vedendo abbastanza attività nei nostri centri di test in questo momento, dato il numero di diverse piste prese ogni giorno”, ha detto Weimar.

Il signor Andrews ha detto giro improvvisato dei pub L’indagine è stata organizzata sabato sera dalla polizia dai residenti di Richmond.

“Nessuno di noi dovrebbe fare nulla che possa diffondere questo virus”, ha detto.

Nel frattempo, il NSW ha annunciato 415 nuovi casi e altri quattro decessi. Più di 270 di questi feriti sono ancora sotto inchiesta.

Un altro condominio è chiuso

I residenti di un complesso di appartamenti a St Kilda hanno criticato la mancanza di comunicazione e il supporto continuo da parte del Dipartimento della Salute, dopo che l’edificio è stato dichiarato sito di esposizione al coronavirus sabato notte.

Il complesso di appartamenti, situato al 181 di Fitzroy Street, è stato annunciato come sito di esposizione di livello 1 intorno alle 18:00 di sabato, costringendo centinaia di residenti in isolamento per 14 giorni.

Ma la comunicazione su questa esposizione è stata finora limitata alle e-mail di Monash Health.

Inizialmente, il dipartimento ha detto ai residenti intorno alle 16:30 di sabato che dovevano sottoporsi immediatamente al test e isolarsi fino a quando non avessero ricevuto un risultato negativo.

Dopo meno di due, sono stati informati via e-mail che l’edificio era stato aggiornato a un sito di esposizione di livello uno, il che significa che chiunque all’interno del complesso tra il 10 e il 12 agosto dovrebbe essere immediatamente testato e autoisolato per due settimane.

Si ritiene che un addetto alle pulizie che ha contratto il coronavirus stesse lavorando all’interno dell’edificio in quelle date.

Ma i residenti del complesso, che comprende circa 150 appartamenti, hanno affermato di non aver ricevuto ulteriori contatti dal ministero della Salute, nonostante abbiano informato i funzionari che sarebbero stati sul posto sabato sera.

L’edificio non è ancora stato elencato come sito di esposizione al coronavirus.

I funzionari sanitari non sono stati visti da nessuna parte fino a domenica, mentre molti residenti sono stati visti andare e venire dall’edificio per tutta la mattinata.

Molti hanno affermato di non essere a conoscenza del fatto che l’edificio fosse stato aggiornato a una posizione di livello uno.

C’era una guardia di sicurezza solitaria all’ingresso dell’edificio, mentre c’era un tavolo nell’atrio del complesso con un cartello che diceva: “Consegne cibo – lascia qui cibo – grazie”.

Ian Moore, un residente del complesso che vive nel complesso da più di quattro anni, ha affermato che la comunicazione con i residenti si è interrotta completamente una volta che il Dipartimento della Salute ha “assunto le funzioni di comunicazione” dalla gestione dell’edificio.

“Vogliono rilevare i contatti, ma dove sono? A questo punto non ho avuto notizie da loro”, ha affermato Moore.

“Il governo ha molto da fare”.

Altri residenti affermano di “non aver ricevuto un’e-mail” dalla direzione dell’edificio dopo aver aggiornato il complesso a un sito di esposizione di livello 1.

READ  Un punto di partenza per lo studio della superconduttività

“Per quanto mi riguarda, siamo liberi di andarcene”, ha detto Jared Nash, residente al primo piano, che stamattina è andato a prendere un caffè in un bar vicino dopo essere risultato negativo al coronavirus.

Il signor Nash ha detto che sabato il suo partner ha chiamato il Dipartimento della Salute.

“(Il Ministero della Salute) ha detto che se non veniamo contattati direttamente, siamo liberi di andare”, ha detto.

“Senti che la connessione è migliorata, ma poi vedi che succede… forse era tutto sbagliato? Chi lo sa.”

Un altro residente ha detto di aver appreso che l’edificio era stato aggiornato a un sito di esposizione di livello uno solo dopo che sua moglie ha trovato l’importante lettera sanitaria “nella sua posta indesiderata”.

Il Ministero della Salute è stato contattato per un commento.

Sabato è stato chiesto anche ai residenti di un quartiere residenziale di Carleton di sottoporsi a test e isolarsi.

Anche questo complesso non è elencato sul sito web del Dipartimento della Salute, ma il residente Corey Memry ha affermato di aver ricevuto un messaggio di testo dal dipartimento che lo avverte che sono stati rilevati frammenti di Covid nelle acque reflue a Lygon St.

Resta inteso che nelle vicinanze è stata allestita una clinica di test pop-up per testare i residenti che devono essere messi in quarantena fino a quando non si ottiene un risultato negativo.

Diversi sobborghi di Melbourne sono stati messi in massima allerta dopo che sono stati scoperti frammenti di Covid nelle acque reflue.

I residenti delle aree industriali di Carlton, Glenroy, Broadmeadows, Camberwell, Trojanina, Williams Landing e Sunshine West sono stati avvertiti di sottoporsi a test se mostrano anche il minimo sintomo.

Vaccino Boost per Victoria

Il Dipartimento della Salute ha aggiunto decine di migliaia di prenotazioni di vaccinazioni come parte di una massiccia campagna per un milione di vaccinazioni nel Victoria in cinque settimane.

Nel frattempo, la Polonia sta inviando più di 1 milione di dosi di Pfizer in Australia per promuovere l’introduzione del vaccino.

Il premier Scott Morrison ha annunciato che alcune dosi sono già a bordo di un aereo e arriveranno in Australia domenica sera.

Ha ringraziato il governo polacco per il suo sostegno, affermando che la consegna era specificamente per affrontare il peggioramento dell’epidemia nel NSW.

Morrison ha detto che 530.000 dosi saranno inviate a Sydney per vaccinare le persone di età compresa tra 20 e 39 anni negli hotspot per la trasmissione del virus.

Il resto sarà diviso tra tutti gli altri stati, il che significa che Victoria dovrebbe ricevere circa 125.000 dosi aggiuntive.

Andrews ha affermato che il NSW ha bisogno di vaccinazioni più di Victoria, osservando che lo stato dovrà ora “vaccinarsi per uscire” dall’epidemia che lo ha paralizzato.

“So che alcuni abitanti del Victoria faranno la domanda: ‘Perché stanno ricevendo più vaccini e noi stiamo ottenendo più vaccini di noi?'” “Nient’altro che fanno funziona”, ha detto.

“Nient’altro ha funzionato. Devono vaccinarsi per uscire da tutto questo ora. Non vogliamo arrivare a quel punto perché l’altra parte sono centinaia di persone in ospedale e persone che muoiono”.

READ  Piccole gocce d'acqua intrappolate nel sale racchiudono 150 milioni di anni di storia oceanica: ScienceAlert

Il primo ministro del Victoria ha esortato i giovani del Victoria a non ritardare la prenotazione del vaccino sulla scia delle notizie di Pfizer.

“Non dovresti essere in ritardo sulla base del fatto che c’è dell’altro in arrivo”, ha detto.

“Sì, c’è dell’altro in arrivo, ma questo può essere molto variabile, e più veloce è il numero di persone che sono protette, maggiore è il beneficio per tutti noi, motivo per cui vaccinarsi il prima possibile e soprattutto sapere che ci sono questi ulteriori appuntamenti disponibili è importante. molto. “

LOCKDOWN è impostato per essere esteso di nuovo

È quasi certo che il blocco di Melbourne si estenderà oltre venerdì tra le preoccupazioni per un aumento dei casi e un peggioramento della crisi del coronavirus nel NSW.

È probabile che a settembre rimarranno in vigore anche severe restrizioni, poiché alcuni ministri del governo e funzionari sanitari temono che possano essere necessari ordini di soggiorno a casa per almeno due settimane se i siti di esposizione e la trasmissione nella comunità non diminuiscono rapidamente.

Ma un esperto di malattie infettive ha affermato che il blocco imposto in tutto il Victoria il 5 agosto inizierà presto a emergere, il che significa che coloro che sono risultati positivi hanno movimenti limitati o sono già in isolamento.

Leggi il La storia completa è qui.

Melbourne in fuga catturata nel Territorio del Nord

Tre residenti di Melbourne sono stati sorpresi in fuga dal blocco della città senza un permesso di viaggio valido e in fuga verso il Territorio del Nord.

Due donne, di età compresa tra 24 e 34 anni, e un uomo di 40 anni hanno viaggiato separatamente da Melbourne a Darwin durante il fine settimana senza eccezioni.

La polizia del Territorio del Nord ha detto che la 24enne ha mentito alle autorità dicendo che era stata a Brighton “poche settimane fa”, ma in seguito ha ammesso di essere nel sobborgo sud-orientale di Melbourne la scorsa settimana.

Melbourne è un punto caldo del coronavirus poiché chiunque viaggi da lì ha bisogno di un permesso di viaggio autorizzato.

Una multa di $ 5.056 è stata inflitta a ciascun passeggero.

Due passeggeri sono stati rimandati a casa su un volo sabato e un passeggero ha pernottato in una struttura di quarantena a Darwin prima di essere riportato a Melbourne domenica mattina.

Restrizioni di viaggio con l’allentamento delle restrizioni di viaggio

Da domenica, i vittoriani di ritorno dal Queensland sudorientale non dovranno autoisolarsi per 14 giorni.

Le 11 aree del governo locale che compongono l’enclave sudorientale saranno declassate a un’area arancione in base al sistema di permessi semaforici di Victoria.

I residenti di ritorno ora dovranno solo sottoporsi a test e isolamento fino a quando non si otterrà un risultato negativo.

Segnalazioni aggiuntive: Tom Meiner e Miles Prost

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News