SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Coppa degli Stati Uniti Rio: 10 marzo

Coppa degli Stati Uniti Rialdo: 10 marzo – L’Italia costruisce un’altra pagina di storia della coppa

Presentato da Richard Cladwell, Sail-World.com/nz 10 marzo 20:03 PST
11 marzo 2021

Luna Rosa mette fuori combattimento ETNZ, ma Gara 2- Coppa America – Giorno 1 – 10 marzo 2021, Corso E © Richard Gladwell / Sale-world.com

Jimmy Spittle – Gara 2 terminata – Luna Rosa – Cup of America – Giorno 1 – 10 marzo 2021, Percorso E © Richard Gladwell / Choil-World.com

Intervista a Peter Burling – Emirates Team NZ – Cup of America – Giorno 1 – 10 marzo 2021, Corso E © Richard Gladwell / Choil-World.com

La sfidante della Coppa America, Luna Rosa ha scritto oggi una nuova pagina nella storia della Coppa America in Italia, che è diventata la seconda vittoria del paese nella gara di Coppa degli Stati Uniti.

La maggior parte delle precedenti sfide italiane riguardava la partecipazione piuttosto che il successo.

Prima vittoria A San Diego nel 1992, Paul Guard ha saltato / Raul Guardini ha sostenuto l’isola Moro de Venice, vincendo la seconda gara di 3 secondi.

La 12 metri italiana Azzurra ha portato l’Italia in Coppa nel 1983, vincendo 24 delle 49 gare che hanno viaggiato nella serie Challenger Test, segnando un segno per la partecipazione dell’Italia alla Coppa degli Stati Uniti e trascinando il popolo italiano sulla Coppa degli Stati Uniti. Allora, come oggi, gli input italiani fanno sempre riferimento allo stile. Chi può dimenticare quei bellissimi scafi blu di 12 metri? Il vincitore, tuttavia, non è stata la fortezza degli italiani, ma due vittorie in una partita da quasi 30 anni di partecipazione alla Coppa americana.

Il significato della vittoria della seconda gara non è andato perso al co-capitano di Luna Rosa Francesco Bruni. “Onestamente non ne ho molto bisogno. Siamo più qui e pensiamo di avere la capacità di vincere più gare”, ha aggiunto. “Non credo che dovremmo vedere questa vittoria come il nostro piccolo regalo di questo trofeo”.

Alla domanda sulla sua reazione al ritorno a casa, Bruni ha risposto: “Penso che gli italiani siano pazzi. Milioni di persone si svegliano alle 3.30 per guardare la gara in tv per due ore. È incredibile”.

Poco prima dell’inizio della sessione di zona mista, ci fu una notizia lampo che ci sarebbe stato un annuncio da parte del governo che i livelli ridotti di COVID per Auckland un giorno sarebbero stati ridotti, il che significa che il Corso C sarà operativo per le regate del venerdì, e di ovviamente sabato da corsa.

READ  Cani salvavita salvano i bagnanti al largo delle coste italiane

Sia Francesco Bruni che il team di Emirates New Zealand hanno risposto positivamente alla notizia.

“Sono contento di poter vedere da vicino più gare pubbliche. Dà al team corse più opportunità per impostare un buon percorso di gara. Sono sicuro che faranno un ottimo lavoro di quello che hanno fatto. Le prestazioni del barche con vento leggero. Potrebbero esserci delle sorprese “, ha detto Bruni.

Il timoniere della squadra neozelandese di Emirates, Peter Burling, è d’accordo. “Il Corso C è un trofeo del trofeo. L’atmosfera del Corso C sarà molto speciale quando si tratterà di osservare le persone dalla riva e le barche nel porto”, ha detto.

Entrambi gli Hellman hanno respinto l’idea comune tra i commentatori secondo cui in alcune condizioni una barca ha un vantaggio su un’altra.

“Cerchiamo di ottenere il 100% di sconto al 100% a tutti i livelli”, ha detto Bruni. “Finora è stata una bella sorpresa. Oggi in questo centrocampo non c’è un grande margine dalla squadra neozelandese. Quindi la gara continua!”

“Si è parlato molto del fatto che la squadra fosse la Nuova Zelanda a 5 km / h – non è chiaro”, ha aggiunto.

“Abbiamo il nostro miglior piede in avanti e i margini sono relativamente piccoli”, ha risposto Peter Burling, timoniere del team Emirates neozelandese. “Non vediamo l’ora che arrivi il weekend. Oggi siamo entusiasti di avere la nostra barca in viaggio.

Un secolo che non è passato

I controlli di avvertimento COVID significano controllare l’esito della gara in base all’epidemia. La decisione del governo su consiglio del Ministero della Salute e altri di mantenere Auckland in una posizione bloccata alla Prada Cup e ora innesca i risultati di cui sopra per gli organizzatori dell’America’s Cup Race, con il livello di allerta 2 ° o superiore quando viene utilizzato lo Stadium Course C. L’effetto di tale decisione è che le regate saranno condotte solo nei percorsi A ed E.

Quattordici gare sono state ora percorse in Corso A e Corso E, e nessuna di quelle 84 tappe ha cambiato il leader – con una eccezione, il Patriot of American Magic, che è caduto nel Round Robin 2 e Rosa per la vittoria della gara quando Luna era autorizzata.

Se le gare si svolgono nei percorsi E o A, saremo più vicini alla guida di 100 piedi senza un cambio di vantaggio attorno a un segno.

READ  Iniziative della Banca d'Italia sull'intelligenza artificiale in ambito bancario, finanziario e dei pagamenti | Hogan ama

Inizialmente le gare erano finite e, naturalmente, la storia dice che la gara era finita dopo il primo o il secondo cross. Nonostante i migliori sforzi dei primi gruppi non ci sono strade da attraversare. Nelle fasi finali della gara il team Luna Rosa INES è andato nel Regno Unito entro 3 secondi, ma i britannici si sono difesi verso il basso e hanno vinto solo la serie finale.

Le gare sono tutte decise dall’inizio, chiunque sia davanti al primo o al secondo cross, su questi tracciati a senso unico.

La strategia del team Emirates delle Bermuda New Zealand, all’inizio della prima rivolta, era in contatto con il Mark 2 per poter lanciare un attacco, che non avrebbe funzionato nei due percorsi utilizzati.

I kiwi sono partiti bene nella prima gara, con gli italiani che hanno tentato un orzo mancato a De Rehuda. Quello che sorprende un po ‘è che i kiwi sono alti quanto gli italiani – possono riprendere facilmente la loro rotta normale senza perdere la velocità della barca – gli italiani pesano dai 20 ai 30 kg. Hanno perso 100 metri nel processo. Race Over.

Nella seconda regata il team Emirates ha provato l’insolito approccio di allontanarsi dalla linea di partenza neozelandese, per poi sedersi nell’aria di Luna Rosa per sfruttare la partenza, che è stata la svolta. Sono decisamente aperti a trattare in qualsiasi momento. Purtroppo i Kiwi sono caduti un po ‘troppo in alto su Luna Rosa, e all’inizio non c’era altro modo per seguire il leader, per il quale Luna Rosa ha avuto il tempo giusto nel calcolo della distanza.

Quando i Kiwi si sono fermati a destra, Luna Rosa ha risposto e si è spostata anche da quella parte, e avrebbe potuto mettere una carta facile, che hanno mantenuto per il tempo di gara.

“Siamo caduti, li abbiamo presi nell’ultimo giro, ma è così difficile quando dai a qualcuno così tanto vantaggio. Li abbiamo lasciati agganciati nella partenza precedente, abbiamo fatto due errori in quel battito, hanno davvero progredito”, Burling spiegato nella zona mista.

I bookmaker neozelandesi non hanno spostato gran parte delle loro quote a causa della vittoria di Luna Rosa, e la vittoria italiana ha ancora un buon prezzo – che dovrebbe essere molto vicino a nostro modesto parere. Puoi controllare opzioni e prezzi Clicca qui

READ  La Mostra del Cinema di Venezia fa il botteghino italiano con 'King of Laughs'

Influenza dell’isolaIeri la rotta era sull’asse (358 gradi) – quasi a causa del nord. La brezza dalla linea di partenza proveniva da Mottohe Island a ovest e Wyhake Island a est, chiaramente visibile all’orizzonte della Little Barrier, il divario tra le terre.

Il concorrente, che era dietro in entrambe le gare, aveva una visuale nell’angolo sinistro del percorso, ma gli italiani sono usciti da lì senza nulla da mostrare per il loro giro in Gara 1, ei kiwi non si sono impegnati in una pesca simile allenamento nella gara successiva.

Sottovento, quando i due concorrenti scelgono un ingresso per i round e spesso si dividono, il pericolo sopra è intrappolato sotto l’influenza del vento di Motui, e non hanno molto tempo per uscire e rinfrescarsi, l’aria più stabile sul lato est della il percorso, scendendo da sotto il cancello inferiore.

I controlli governativi arrivarono a terra quando le “operazioni” della Coppa degli Stati Uniti nel villaggio furono chiuse. Quindi ci sono fan che guardano le barche andare al molo e uscire. I grandi schermi sono spenti.

Il ritorno dal media center alle 21.30 è stata un’esperienza brillante.

Dopo il primo giorno della Coppa USA, i tifosi di ogni squadra devono aver festeggiato una vittoria, e quando una tragedia è andata persa ed è annegata, molti dei fori di irrigazione nei dintorni della Coppa USA devono essere stati riempiti di pistole. Uno era circa il 75% della capacità, l’altro il 25% vuoto o completamente chiuso.

Era completamente diverso dalla stessa scena delle USA Cup World Series, che erano tutte stipate nelle loro staccionate.

Il centro di Auckland ringrazia Lockdowns per la sua morte. L’attuale livello di allerta dovrebbe essere una fantastica costa di Coppa America.

Solo gli ascolti televisivi sono grandi vincitori.

La cosa più semplice è che questa regata non dovrebbe mai essere iniziata fino a quando Auckland non raggiunge il livello di allerta 1, e iniziata secondo il programma di regata originale, le barche devono prima essere sottoposte a una manutenzione approfondita in modo tempestivo come desiderato. Con solo una settimana persa, lo stadio orientato alla corsa avrebbe potuto svolgersi sul percorso e le attività costiere avrebbero potuto continuare come previsto, con i fan delle corse che riempivano bene il villaggio ei suoi dintorni con ogni coppa ogni sera.