Conversazione con l’Ambasciatrice Zappia al Dipartimento di Stato americano sulla leadership femminile e le iniziative dell’Ambasciata italiana e della Rete consolare americana in occasione del Women’s History Month.

Ieri l’Ambasciatrice d’Italia negli Stati Uniti, Mariangela Zappia, ha partecipato al simposio “Sfide e opportunità per le donne leader” ospitato dall’Associazione no-profit Association of American Foreign Service Partners Worldwide (AAFSW) presso il Dipartimento di Stato. .

L’evento ha preso la forma di una conversazione pubblica tra l’ambasciatore Zappia, Evan Ryan, segretario di gabinetto della Casa Bianca e moglie del segretario Blinken, e Adrienne Arsht, uomo d’affari, filantropo e vicepresidente del Consiglio Atlantico, moderata da Nicole Elcon. Vice Segretario di Stato aggiunto per gli scambi professionali e culturali presso il Dipartimento di Stato, nel contesto delle celebrazioni del Mese della storia delle donne negli Stati Uniti.

I tre relatori si sono concentrati sulle caratteristiche distintive della leadership femminile, e hanno sottolineato i benefici generali derivanti dall’avere più donne in posizioni di vertice in ogni ambito della politica e dell’economia. Basandosi sulle esperienze maturate nei loro percorsi professionali, descrivono le difficoltà che le donne tipicamente affrontano sul posto di lavoro e sottolineano l’importanza del mentoring a beneficio delle generazioni più giovani per accelerare lo sviluppo positivo già in corso sia negli Stati Uniti che in Europa verso l’uguaglianza di genere. . L’Ambasciatore Zappia ha sottolineato in particolare i progressi compiuti dall’Italia, grazie agli interventi mirati previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza italiano, e l’attenzione che l’Italia ha dedicato a questo tema in ambito internazionale, anche nel programma della Presidenza del G7. .

Nel contesto delle celebrazioni del Women’s History Month da parte dell’amministrazione statunitense, l’Ambasciatrice Zappia ha partecipato anche alla cerimonia presieduta dalla First Lady Jill Biden e dal Segretario di Stato Antony Blinken, lunedì 4 marzo alla Casa Bianca per l’assegnazione dell’International Women of Courage Award 2024, che dal 2007 onora le donne di tutto il mondo che si sono distinte nella difesa dei diritti umani e della democrazia.

READ  Il partner di Elon Musk, Grimes, è ricoverato in ospedale per un attacco di panico dopo il Saturday Night Live

L’8 marzo l’Ambasciata parteciperà a una conversazione con Cecilia Alemani, Curatrice della Biennale di Venezia 2022 e Direttrice di High Line Art New York, presso il Museo Nazionale delle Donne nelle Arti, con la quale l’Ambasciata collabora regolarmente per promuovere le donne italiane artisti.

Tra le iniziative organizzate dall’Ambasciata d’Italia con l’Istituto Italiano di Cultura a Washington in occasione della Giornata Internazionale della Donna ci sono:

  • La mostra di artiste italiane contemporanee “Convergence: Multifaceted Visions of Italy” sarà aperta fino al 7 aprile alla Georgetown University Art Gallery (https://iicwashington.esteri.it/it/gli_eventi/calendario/exhibition-confluences-intersectional-visions-of-italy/);
  • Una serie di proiezioni di film restaurati dell’attrice premio Oscar Anna Magnani, “Il Cinema Ritrovato on Tour”, in programma dal 6 al 10 marzo alla National Gallery of Art e in varie altre sedi della capitale statunitense;
  • Una visita privata alla mostra “Across the Great Atlantic: Art of the Italian Diaspora in the Americas in the Twentieth Century”, organizzata da due curatrici e dedicata allo studio delle opere di artiste esposte presso l’Organizzazione degli Stati Americani.

Questa ricorrenza sarà celebrata in tutta la rete consolare italiana negli Stati Uniti attraverso un programma ricco di iniziative.

Il 15 marzo, in collaborazione con l’Associazione Internazionale dei Ricercatori Italiani, il Consolato Generale d’Italia a New York ospiterà una conferenza dal titolo “Leggi e politiche: promuovere l’uguaglianza di genere per un futuro sicuro”. Nella stessa città, l’Istituto Italiano di Cultura organizzerà due conferenze, una il 12 marzo su “Strategie per il mainstreaming dell’uguaglianza e dell’uguaglianza di genere: misurare ciò che abbiamo a cuore e implementare strumenti efficaci”, con la partecipazione di professori universitari europei, e l’altra il 18 marzo il il tema “L’empowerment finanziario è vincente: portare il mondo verso l’uguaglianza di genere”, in occasione della sessantottesima sessione della Commissione sulla condizione delle donne.

READ  La città inizia ad aggiornare il piano generale

A Los Angeles, il Consolato Generale d’Italia e l’Istituto Italiano di Cultura ospiteranno l’8 marzo, nell’ambito della serata di chiusura del Los Angeles Italia Film Festival, un evento che celebra le donne italiane e italoamericane nel cinema. Mostra film Capra Diretto da Ilaria Borelli, seguito da una sessione di domande e risposte con la regista e attrice Mira Sorvino.

Il Consolato Generale d’Italia e l’Istituto Italiano di Cultura di Miami celebrano la Giornata internazionale della donna proiettando il film diva (2022), primo lungometraggio della regista Marta Safina. L’evento rientra nell’iniziativa Italian Screens a sostegno della distribuzione dei film italiani sui mercati esteri, promossa dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, da Cinecittà della Direzione Generale del Cinema e dei Materiali Audiovisivi del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, e l’Accademia del Cinema Italiano.

A Chicago l’intero programma culturale del Consolato Generale d’Italia e dell’Istituto Italiano di Cultura per il mese di marzo prevede racconti ed eventi con protagoniste donne. Tra i momenti salienti c’era la proiezione del film muto del 1916 Tigre reale (Tigre reale), una poesia sul potere dell’amore e sulla distruzione della memoria, con accompagnamento musicale dal vivo; tre serate (due in Illinois e una in Minnesota) dello spettacolo live “Corpi Violati” presentato dalla compagnia di danza Artemis Danza; Laboratorio creativo di Susanna Mattiangeli per la riapertura della biblioteca dell’Istituto Italiano di Cultura.

Lunedì 11 marzo il Consolato Generale d’Italia a Filadelfia ha programmato una conferenza dal titolo “25 donne che hanno plasmato il Rinascimento italiano” con la professoressa Meredith Ray dell’Università del Delaware.

Il Consolato italiano a Detroit pubblicherà una recensione sui social media mettendo in risalto le donne italiane e ha progettato la celebrazione della Giornata del Design Italiano per concentrarsi sulle donne il 14 marzo, inclusa una conversazione con la professoressa italiana Sara Codarin del College of Architecture and Design sul legame tra intelligenza artificiale e robotica per l’architettura e il design.

READ  Il Congresso mette in dubbio che l'avviso d'asta per i bungalow di Sunny Deol verrà ritirato in meno di 24 ore

A Boston, il Consolato Generale d’Italia prevede di condurre interviste con donne di spicco della comunità italiana e italo-americana, in connessione con il riconoscimento della città come Capitale della Creatività Italiana 2024.

A San Francisco il Consolato Generale d’Italia e l’Istituto Italiano di Cultura organizzano l’Opera Puccini. Voci delle donne. “Artemis Danza”, un progetto di Monica Cassady sulle donne nell’opera. Inoltre, l’Italian American Business Association terrà la sua conferenza “Alliance: How to Be Allies to Women in the Workplace and Everywhere” presso il San Francisco Athletic Club.

***

sfondo

U.S. Foreign Service Associates Worldwide è un’associazione accreditata all’interno della comunità del Foreign Service degli Stati Uniti. Dalla sua fondazione nel 1960, è cresciuto fino a includere membri del servizio civile e straniero, i loro coniugi, partner, familiari e dipendenti in pensione. Nel 2023 è stata riconosciuta come organizzazione di servizi per l’impiego. Ogni anno, la Società organizza una fiera delle arti e del libro per raccogliere fondi per borse di studio e altri programmi, il gala annuale del premio del Segretario di Stato per l’eccezionale lavoro di volontariato all’estero e altri eventi di networking. È coinvolta in attività di sensibilizzazione che sono culminate nella creazione dell’Ufficio di collegamento con la comunità e del Foreign Briefing Center, ora Centro di transizione per l’Istituto dei servizi esteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto