SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Condannato fin dall’inizio, Marte potrebbe non aver avuto abbastanza acqua per la vita

Dal 19° secolo, le persone hanno sognato di far scorrere l’acqua su Marte. Nel 1877 un astronomo italiano Giovanni Virginia Schiaparelli Ha usato il suo telescopio per mappare la superficie di Marte. Vide le aree luminose e scure che chiamò i continenti ei mari. Vide anche quelli che chiamò “canali”, o canali, sulla superficie di Marte.

Più recentemente, le osservazioni dei rover e dell’orbita di Marte indicano caratteristiche della superficie che sembrano essere state formate dall’azione dell’acqua. Dai canyon più grandi del Grand Canyon ai fan dei placer, proprio come le loro controparti sulla Terra formate dal flusso di acqua liquida, è facile immaginare questo pianeta polveroso un tempo ricoperto di acqua corrente. In effetti, alcuni la pensano così Marte potrebbe avere più acqua dell’Oceano Artico sulla Terra.

Dove è andato a finire? L’acqua su Marte sembra essere completamente scomparsa. La poca acqua rimasta non scorre più, ma è bloccata nelle calotte polari ghiacciate.

ma ora, Nuova ricerca della Washington University di St. Louis Indica che Marte potrebbe non aver avuto una grande quantità di acqua. Marte potrebbe essere condannato dalla sua composizione a non avere molta acqua, semplicemente a causa delle sue piccole dimensioni.

Mappare la storia di Marte attraverso i meteoriti

Utilizzando 20 meteoriti marziani, il team di scienziati ha misurato l’abbondanza isotopica dell’elemento potassio. Tutti questi meteoriti avevano età diverse e quindi sono stati sondati in momenti diversi durante la storia di Marte.

Il potassio è moderatamente volatile. Le sostanze volatili sono elementi o composti che vengono facilmente persi dai pianeti durante la scarica. Usando il potassio come una sorta di tracciante, il gruppo può scoprire cosa è successo ad altri elementi volatili, come l’acqua, nel corso della storia di Marte.

“Volevamo misurare meteoriti marziani di età diverse per vedere se c’era qualche differenza fluttuante nel tempo”, mi ha detto Kun Wang dell’Università di Washington e autore senior dello studio. “Allora possiamo avere [a] Migliore comprensione dei tempi della volatilità da esaurimento su Marte. Tuttavia, quello che abbiamo scoperto è che tutti i meteoriti marziani che abbiamo misurato hanno la stessa composizione isotopica K”.

Ciò significa che i volatili, come l’acqua, potrebbero non essere stati gradualmente persi nel corso della storia del pianeta. Invece, sono stati persi durante la formazione del pianeta, quando Marte era ancora allo stato fuso. Durante questo periodo, è facile che i volatili raggiungano la velocità di fuga.

I risultati di questo studio indicano che Marte non aveva una grande quantità di acqua, che è correlata alla sua massa planetaria.

Questo può valere anche per altri corpi celesti. Gli autori hanno visto una correlazione tra la massa planetaria e la quantità di composizione dell’isotopo di potassio, che a sua volta potrebbe indicare la quantità di acqua. “Quello che abbiamo scoperto è che i bilanci fluttuanti di un corpo planetario sono legati alle sue dimensioni”, ha detto Wang. Ciò significa che la Terra può contenere più acqua di Marte. Al contrario, Marte conteneva più acqua di corpi più piccoli come la Luna e l’asteroide 4-Vesta.

segno di vita

Nella ricerca della vita su altri pianeti e lune, L’acqua è stata a lungo considerata essenziale per la vita. Anche sulla Terra, l’acqua è l’unica cosa di cui tutta la vita ha bisogno.

Gli astronomi di solito osservano se un esopianeta si trova all’interno della “zona abitabile” della sua stella. In questa regione, il pianeta è alla giusta distanza dalla stella dove può esistere acqua liquida, né troppo calda né troppo fredda.

Ora, dicono gli autori, oltre alla distanza dalla sua stella ospite, la massa planetaria potrebbe essere un altro indicatore per determinare se un esopianeta può contenere abbastanza acqua per la vita. “È probabile che ci sia un limite ai requisiti di dimensioni dei pianeti rocciosi (eso) per trattenere abbastanza H2O per consentire l’abitabilità e la tettonica a zolle, con una massa superiore a quella di Marte”, Gli autori dicono.

READ  Da zero a zero - Come la Cina ha imparato dalla sua risposta al virus Corona per eliminare rapidamente il recente focolaio