SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Come Zero di Netflix ha spianato la strada a un panorama mediatico più completo

Quando la nuova serie TV Netflix Italia zero È stato presentato in anteprima nell’aprile 2021, è stato un successo istantaneo e ha avuto un’impennata di popolarità tra il pubblico nazionale e straniero. Fu anche una pietra miliare per la televisione italiana, poiché era la prima volta che una produzione italiana presentava personaggi afro-italiani come eroi e attori prevalentemente neri.

Mondo zero È un genere di nicchia, cabaret e commedia urbana mescolati con un realismo magico e un tocco di supereroe. La serie ruota attorno a Omar, il personaggio principale, un italiano di prima generazione e addetto alle consegne che vive in una zona immaginaria a basso reddito del Barrio a Milano. La vita di Omar deve affrontare molte sfide, il suo quartiere viene restaurato, l’elettricità è interrotta e suo padre senegalese sta lottando per pagare l’affitto. Sogna di andare a una scuola d’arte in Belgio e diventare un disegnatore di fumetti. Il suo mondo sembra così ordinario, passando dalle consegne alle consegne, che nessuno sembra accorgersene. Un giorno tutto cambia per Omar: mentre fugge dal bullo, evapora nel nulla. Sì, Omar ha la capacità di diventare invisibile. La storia del raggiungimento della maggiore età è piena di metafore sociali e messaggi universali, zero È il nuovo spettacolo di cui tutti abbiamo bisogno. Uno sviluppo nella dilagante invisibilità dei neri nel panorama mediatico italiano, lo zero è un punto luminoso e una penetrazione.

Lo sceneggiatore, romanziere e autore di fumetti Antonio Dekel Distefano è l’autore della serie. Distefano, italiano di prima generazione da genitori angolani, è nato a Busto Arsizio e cresciuto in Puglia e Romania prima di trasferirsi a Milano, dove attualmente vive. Autore prolifico, ha pubblicato cinque romanzi, tra cui Non ho mai avuto la mia età Nel 2018, zero dipende da questo.

READ  Mariah Thattel in bikini rosso

Netflix ha contattato per la prima volta Antonio tramite il suo editore, che gli ha detto che volevano filmare il suo mondo. In quel periodo incrociò la sua strada lo sceneggiatore Stefano Voltaggio che voleva portare un progetto su Netflix. Insieme hanno collaborato con il comico Menotti e lo sceneggiatore Massimo Favasori e hanno scritto il loro primo trattamento. Era verde acceso.

La loro ricerca è stata condotta nel campo vicino a Milano. Nonostante il quartiere de Il Barrio sia fittizio, si basa sul sobborgo milanese di Barona, dove Antonio Dicille d’Estefanio e il suo team hanno trovato la loro ispirazione iniziale: “Abbiamo frequentato a lungo Barona – che come borgo sicuramente più ammirato rispetto ad altri – parlare con gli uomini che ci abitano per conoscere le loro idee: questo confronto ha cambiato profondamente la dicitura zero, soprattutto per quanto riguarda l’idea di essere invisibile”. Anche lui è stato piacevolmente sorpreso quando è arrivato: “Le prime due settimane di scrittura siamo stati a Milano, e ho suggerito al gruppo di scrittura di andare a Il Barrio e parlare con i bambini lì. Poiché metà della sala di scrittura è di Roma, si aspettavano che fosse fatiscente e fatiscente. Invece l’erba era appena tagliata. Tutto era pulito. Ma abbiamo incontrato un gruppo di ragazzini che ci hanno detto che erano stati cacciati dal quartiere. Da qui è nata l’idea iniziale .” Partecipa a un’intervista con vario.

Il processo creativo dietro di esso

Interessante anche la squadra di Antonio. Nella sua sala di scrittura ci sono molte sceneggiatrici, e possiamo annoverare tra i project manager Mohamed Hossam El Din, italo-egiziano. Prima di unirsi alla squadra, Mohamed Hossam El Din ha diretto diversi cortometraggi e si stava preparando per il suo primo lungometraggio. Lavorare con gli attori per la prima volta è stata ovviamente una sfida per Muhammad, ma è stata anche una cosa eccitante. In un’intervista a colori *, una piattaforma incentrata sull’evidenziazione di voci e minoranze italiane raramente rappresentate, e rileva anche quanto Zero sia pionieristico: “Fin dall’inizio ho pensato a Zero come il primo passo di un cambiamento storico per tutte le persone con la mia stessa storia. Sono felice di farne parte”.

Mentre è piacevole vedere i diversi talenti davanti e dietro la telecamera, non bisogna dimenticare, dopotutto, che Zero è una produzione Netflix e che i canali pubblici italiani non sono ancora andati molto lontano. Netflix ha sede negli Stati Uniti e si impegna a spendere $ 100 milioni all’anno per migliorare la diversità. dietro casa di produzione italiana zero, Fabula Pictures, ha precedentemente riportato in vita il famoso programma televisivo Bambino – Mentre la voce della Generazione Z era a Roma, non contiene italiani neri. Abbiamo ancora molta strada da fare.

I creatori di contenuti prendono l’iniziativa

Sarah Lelimme, attivista e giornalista che faceva parte di un gruppo di italiani di seconda generazione che protestavano contro le metafore razziste sulla televisione italiana, ha condiviso la sua esperienza: “Come italiana nera, non mi sono mai vista rappresentata sulla televisione italiana. O meglio, ho visto esempi di come fare sesso con donne eccessivamente nere.” E lei aggiunge: “Non c’era nessuna donna nera nel ruolo della donna comune: una studentessa nera, un’infermiera nera, un’insegnante nera. Non mi sono mai vista rappresentata nel paese in cui sono nata e cresciuta”.

Si ricordano sicuramente le gaffe razziste della Rai, che usava l’attore dalla faccia nera Sergio Moniz quando imitava il rapper tunisino Ghali in uno spettacolo di varietà molto popolare. Dopo l’incidente, gli afro-italiani hanno lanciato un appello pubblico ai dirigenti Rai con il sostegno di diversi gruppi di attivisti. Il #CambiaRai L’iniziativa è stata lanciata con l’obiettivo di educare il pubblico italiano sulle implicazioni delle dichiarazioni e delle scelte razziste sulla televisione pubblica. Nella loro dichiarazione, la Rai ha promesso che avrebbe impedito che questo comparisse sui loro schermi, ipocrisia o facendo un piccolo passo nella giusta direzione, è difficile dirlo.

Se sei interessato a saperne di più sulla rappresentazione dei neri-italiani nei media, questo è assolutamente da vedere. Blaxploitalian, 100 anni di nerezza nel cinema italiano È stato rilasciato nel 2016, molto prima che i temi della diversità e della recitazione facessero notizia. Faceva parte di una campagna sulla diversità dei media chiamata United Artists of Italy, guidata dal documentarista Fred Cudgo Corno, che ha collaborato con altri creatori italiani. Blaxplo italiano È “un documentario diaspora, misto, critico e mondiale che rivela le carriere di un gruppo di artisti di cui raramente si è sentito parlare prima: attori neri nel cinema italiano a partire dal 1915 quando il primo attore nero è apparso in un film italiano”. È stato proiettato in molti prestigiosi festival cinematografici tra cui il Festival del Cinema di Roma. Raffigurando gli artisti che hanno plasmato i media e il cinema italiani, Fred Cogdo Cuerno intervista personaggi popolari italiani neri e attori meno noti. La questione dell’identità è al centro del suo lavoro e di altri documentari 18 lingue soli Si tratta di questioni legate alla mancanza di diritto alla terra per i bambini nati in Italia da genitori stranieri. In Italia nascono e crescono nel Paese più di 800.000 bambini, ma non ricevono la cittadinanza. Le loro voci meritano spazio sul grande schermo.

A poco a poco i membri della Generazione Z e Y della prima o seconda generazione di italiani si fanno sentire e aprono la strada al cambiamento. Bellamy è il fondatore anime italiane, una piattaforma digitale focalizzata sulla cultura nera globale e sulla diaspora africana in Italia. Desideroso di consentire ai creatori di contenuti di raccontare le loro storie, offre notizie, copertura culturale, workshop e contenuti video. Bellamy è cresciuto in Piemonte ed è per metà ugandese e sudanese. Il contenuto sulla sua piattaforma è completo: consigli per la cura della pelle, copertura di marchi di abbigliamento di proprietà di neri, recensioni di libri e un podcast chiamato Equalitalk che discute di discriminazione e razzismo in Italia.

È molto emozionante vedere nuove iniziative prese da creatori di contenuti italiani che sono raramente rappresentati nei media italiani. Mentre i canali televisivi pubblici sono ancora indietro, c’è ancora tempo per chiedere che vengano messe in atto borse di studio e altre opportunità per dare spazio agli artisti per creare, ma anche per permettere che le cose cambino dall’interno verso l’esterno: un percorso chiaro per prima e italiani di seconda generazione verso posizioni di produttori, esercenti e dirigenti .

Cosa riserva il futuro?

Il creatore di Zero, Antonio Dequile DiStefano, continua a vedere la sua arte come un “agente di cambiamento”. Oggi sta lavorando a un film in cui il suo obiettivo è ottenere il 70% della seconda generazione di attori e troupe italiani. “La battaglia è vivere in un luogo in cui tutti abbiamo le stesse opportunità, dove ci sono più scrittori neri, asiatici e sudamericani, dove c’è il potenziale per raccontare storie dal punto di vista di chi le vive”, Lui continuò. Al momento dell’uscita della serie, l’attore protagonista Giuseppe Dave Secchi – che interpreta Omar – ha rilasciato un’intervista nel quartiere che ha ispirato la serie. Gli scolari italiani gli sono saltati addosso chiedendo autografi. Gli eroi di cui avevamo bisogno sono arrivati ​​e sono qui per restare.

Sostieni il nostro progetto indipendente!

Italics Magazine nasce dall’idea di due amici che ritenevano che all’Italia mancasse una fonte di informazione completa, approfondita ed esaustiva in lingua inglese. Mentre alcune pubblicazioni fanno un ottimo lavoro, scrivendo sulle ultime notizie o concentrandosi su specifiche aree di interesse, riteniamo che altri tipi di approfondimenti di qualità siano assolutamente essenziali per comprendere la complessità di un paese che, spesso, è solo meglio conosciuto all’estero per i titoli dei giornali che ce la fanno i politici, oi classici cliché turistici. Per questo Italics è diventato in breve tempo un punto di riferimento per lettori stranieri, professionisti, espatriati e stampa interessati a trattare le tematiche italiane in modo completo, attirando diverse scuole di pensiero. Tuttavia, siamo partiti da zero, autofinanziandoci il progetto attraverso annunci, promozioni e donazioni (poco invadenti), poiché abbiamo deciso di non optare per alcun paywall. Ciò significa che, sebbene lo sforzo sia maggiore, possiamo certamente essere orgogliosi della nostra serie editoriale freelance. Ciò è reso possibile soprattutto grazie ai nostri lettori, che speriamo continueranno a ispirare con i nostri articoli. Per questo vi chiediamo gentilmente di considerare di dare il vostro importante contributo, che ci aiuterà a far crescere questo progetto – e nella giusta direzione. Grazie.