Come “Luca” della Pixar offre un assaggio della spiaggia italiana – The Hollywood Reporter

Le Cinque Terre – che significa cinque terre – sono una regione di cinque villaggi sulla costa nord-occidentale dell’Italia, la cui cultura e bellezza naturale l’hanno resa un luogo popolare per i visitatori e una delle principali fonti di ispirazione per Portorosso, la città immaginaria che è l’ambientazione di gli ultimi film Pixar, Luca.

Sarà presentato in anteprima il 18 giugno su Disney+, Luca È il debutto del regista Enrico Casarosa, nominato all’Oscar per il suo cortometraggio Pixar in Italia. la luna. Come con tutti i film Pixar, lavora su Luca Si trattava di viaggi di ricerca, in questo caso nella provincia ligure (che comprende le Cinque Terre), per raccontare i dettagli e l’autenticità dell’ambientazione del film, un villaggio costiero italiano alla fine degli anni Cinquanta.

Ha fatto di Casarosa una guida turistica ideale perché cresciuto a Genova, capoluogo della Liguria. I registi hanno anche messo insieme un “fondo culturale” come lo chiama Pixar, oltre a consulenti e collaboratori culturali italiani.

Durante il viaggio di ricerca, il team ha apprezzato molto il pesto, originario di Genova.
Per gentile concessione di Disney/Pixar

a Luca, due mostri marini adolescenti – Luca (doppiato da Jacob Tremblay) e Alberto (Jack Dylan Grazer) – si imbarcano in un’avventura quando si avventurano fuori dal Mediterraneo in un villaggio, dove assumono forma umana. L’idea prende spunto dal folklore e dalle leggende locali, tra cui l’antica favola dell’uccisore “San Giorgio e il Drago, che è il simbolo di Genova”, spiega Casarosa, aggiungendo che il paese di Tellaro (circa un’ora a sud delle Cinque Terre) è un “villaggio incantato di pescatori con la leggenda di Pulpo Campanaro, il polpo che suonò la campana della chiesa per avvertire i paesani di un’imminente incursione dei pirati”.

foto pigra caricata

C’è una fontana con una creatura marina in Piazza Portorosso. “Attraverso [out the real-life province of] “Troverai molte fontane con questi strani delfini”, dice Casarosa, Liguria.
Per gentile concessione di Disney/Pixar

La scenografa Daniela Strigleva afferma che il team desiderava portare a Portoroso l’atmosfera e i toni della Riviera italiana. “Le spiagge delle Cinque Terre hanno questi piccolissimi ciottoli. Non sono sabbiose. I colori dell’acqua sono quei bellissimi verdi e blu intenso, come quelli dello smeraldo. La tavolozza dei colori è molto calda, composta da una manciata di colori che vanno dai colori gialli, salmone a questi rossi terracotta”.

foto pigra caricata

Daniela Strigeleva ai Pixar Animation Studios di Emeryville, California.
Per gentile concessione di Deborah Coleman/Pixar

foto pigra caricata

“Queste città hanno una specie di presa sulla cara vita”, dice. Luca Il regista Enrico Casarosa sul modo in cui le case delle Cinque Terre galleggiano tra mare e montagna.
Per gentile concessione di Deborah Coleman/Pixar

Le Cinque Terre – le cui cinque città sono Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore – sono state nominate Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1997 ed è noto per le sue ripide colline di campi ondulati preservati da organizzazioni locali. Nel 2015, l’area ha attirato 2,5 milioni di visitatori; Durante la pandemia, la maggior parte dei viaggiatori proveniva dall’Italia.

Per chi ha in programma una visita alle Cinque Terre, Casarosa suggerisce di affittare un appartamento per vivere il territorio. “Consiglio vivamente di passeggiare tra le cinque città e provare il vino locale, Sciacchetra”, afferma Casarosa. Altrove in Liguria, l’outlet consiglia di mangiare il gelato “più strepitoso” al Siculo di Genova e la focaccia al formaggio al forno Revello di Camogli, un tranquillo paesino sulla costa delle Cinque Terre. (Per ulteriori informazioni sulle attuali restrizioni di viaggio COVID-19 in Italia, vedere pagina 44.)

foto pigra caricata

Nel film, Luca e Alberto (entrambi a destra) divorano piatti di pasta conditi con pesto quando provano questo piatto per la prima volta. “Ci mettiamo i dettagli; per esempio, c’è un modo tradizionale di cucinarlo con fagioli e patate nell’acqua bollente per la pasta”, afferma Casarosa.
Per gentile concessione di Disney/Pixar

Strijleva ricorda: “Uno dei miei momenti preferiti è stato quando siamo andati a Manarola e c’è un enorme masso nel mezzo del porto turistico e la gente si arrampica e si tuffa da esso. È come un masso di 35 piedi. [Enrico] Era tipo: “Ok, ci vediamo dopo”. E ha fatto un tuffo così bello”.

Questa storia è apparsa per la prima volta nel numero del 16 giugno di The Hollywood Reporter. Clicca qui per iscriverti.

READ  Il candidato all'Oscar Lajos Koltai torna alla regia con 'Semmelweis'

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto