SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Come i cani della polizia aeroportuale possono rilevare il Covid-19

I cani poliziotto potrebbero essere schierati negli aeroporti come un modo più veloce e invasivo per rilevare i vettori Covid-19 che viaggiano tra i confini con il successo dei risultati del primo studio.

Studi globali, inclusa la partecipazione dell’Università di Adelaide e della struttura del National Dog Detection Program dell’Australian Border Force a Victoria, hanno scoperto che i cani erano in grado di rilevare Covid-19 anche quando i pazienti erano asintomatici o nel periodo di incubazione.

L’investigatore capo del progetto dell’Università di Adelaide, la dott.ssa Anne Lise Chaper, con Lisa Saunders, conduttrice di cani Australian Border Force Detection, e i cani Quake e Zena. Immagine di Simon Cross

L’affidabilità del naso del cane è coerente con la tecnologia attuale nell’identificazione delle persone infette e possiamo vederle diffondersi non solo negli aeroporti ma anche per lo screening del personale negli ospedali o per i viaggiatori in quarantena in un hotel.

L’anno scorso sono stati condotti esperimenti di monitoraggio iniziali che hanno coinvolto l’imprinting di cani reagenti utilizzando campioni di sudore positivi raccolti da pazienti negli Emirati Arabi Uniti.

Un altro esperimento è stato condotto in una lounge dell’aeroporto internazionale di Sydney per un periodo di tre settimane a marzo.

“Le prove controllate sono state completate il 28 febbraio 2021, ei risultati dimostrano che i cani possono distinguere accuratamente tra campioni di sudore prelevati da persone che sono risultate positive al Covid-19 e il loro negativo”, ha detto un portavoce dell’ABF martedì.

Il portavoce ha detto che i cani da rilevamento potrebbero fornire processi di annusamento affidabili ed efficaci per “integrare” altri metodi di screening.

Ha aggiunto che i dati dell’esperimento di marzo sono ancora in fase di analisi con la ricerca condotta insieme alla Alfort National Veterinary School in Francia e in collaborazione con il Ministero degli Interni degli Emirati Arabi Uniti.

READ  Questo tipo di formica può ridursi e far ricrescere il suo cervello

Secondo Alfort, l’annusamento del cane ha avuto una percentuale di successo del 97%.

Risultati entusiasmanti dimostrano che i cani possono rilevare in modo affidabile l'odore della malattia COVID-19 mentre discutono di un possibile screening completo al confine.  Foto: in dotazione

Risultati entusiasmanti dimostrano che i cani possono rilevare in modo affidabile l’odore della malattia COVID-19 mentre discutono di un possibile screening completo al confine. Foto: in dotazione

Hanno concluso che l’uso canino richiedeva solo una frazione di secondo per ogni campione e quindi forniva un esame più veloce e non invasivo.

“Questo studio è il primo del suo genere ad essere condotto a livello internazionale e dovrebbe aprire la strada a un più ampio uso dei cani olfattivi nella lotta contro il Covid-19 in linea con il recente lavoro svolto sotto gli auspici del mondo Organizzazione sanitaria “, ha concluso il Collegio francese.

“Alcuni paesi hanno già schierato cani, in particolare gli Emirati Arabi Uniti, con cui lavoriamo da marzo 2020, negli aeroporti, nelle frontiere e attraverso unità mobili di screening dei cani”.

In media, sono necessarie fino a otto settimane per addestrare un cane e superare i test di convalida.

Una foto pubblicata martedì sull'account Instagram di Clarence House con Camilla, duchessa di Cornovaglia, sponsor di Medical Detection Dogs, che elogia le esperienze internazionali di successo.  Foto: Instagram

Una foto pubblicata martedì sull’account Instagram di Clarence House con Camilla, duchessa di Cornovaglia, sponsor di Medical Detection Dogs, che elogia le esperienze internazionali di successo. Foto: Instagram

Uno studio simile nel Regno Unito questa settimana ha anche riferito che cani addestrati specificamente avevano rilevato l’odore caratteristico del Covid-19 con una precisione del 94%.

Sono stati anche in grado di identificare le infezioni causate dal ceppo di coronavirus che era prevalente nel Regno Unito la scorsa estate e dalla versione britannica (Kent) del virus che è apparso più tardi nell’anno.

“Possono scoprire la nuova variante senza alcuna formazione aggiuntiva, quindi questo ci dà una vera speranza e suggerisce davvero che i cani sono in grado di rilevare le diverse varianti di Covid”, ha detto il professor James, capo del controllo delle malattie presso la London School of Hygiene and Tropical Medicine. Ha detto Logan.

READ  La NASA ha condiviso un'immagine di un "mare di dune di sabbia" su Marte, wow, è incredibile

La dott.ssa Claire Guest, responsabile scientifico del Medical Detection Dogs del Regno Unito, ha dichiarato: “Questi risultati impressionanti sono un’ulteriore prova che i cani sono uno dei biosensori più affidabili per rilevare l’odore delle malattie umane. Il nostro studio approfondito dimostra l’enorme potenziale dei cani per aiutare a combattere Covid-19. “.

Pubblicato originariamente come Come i cani della polizia aeroportuale possono rilevare il Covid-19