SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Cinque anni dopo il disastro, Norcia, in Italia, è ora una destinazione di viaggio perfetta

Molto tempo fa, la città italiana e il comune norvegese erano oggetto di un giornale diverso. Nel 2016 era a pochi chilometri dall’epicentro di un terremoto di magnitudo 6.2, seguito da un terremoto di magnitudo 6.6 pochi mesi dopo. Centinaia di persone morirono nella zona e molti edifici della città furono distrutti, tra cui la basilica medievale di San Benedetto.

Non si tratta di.

Perché non si tratta di Norcia, non più. Tanto drammaticamente quanto le immagini della stampa, la città non è livellata. Le persone sono sopravvissute e non si sono arrese con il rimorso. Sono in corso i lavori di ricostruzione della basilica. Norcia è tutto ciò che rimane oggi e tutta la speranza e la determinazione che funzioneranno quando la città si riprenderà, non solo dal terremoto, ma dall’epidemia.

Ma per la maggior parte, riguarda il resto delle cose, e anche questo è interessante. Ho scoperto molti anni fa che l’Italia, dove vivono gli italiani, è molto più interessante della versione splendidamente progettata dell’Italia che è per i turisti. I miei viaggi più gratificanti sono stati di recente in luoghi visitati da alcuni visitatori a lunga distanza. Se ho bisogno di un traduttore o di un organizzatore, sto bene. Quando ciò accade, mi sento come se fossi in un segreto, e sono nella “vera Italia”.

Così, questa volta ho scoperto la mia vera Italia, grazie a un grande anfitrione, organizzatore e avvocato Moreno Moretti interessato alle aree “Italia per gli Italiani” del suo Paese. Morati è il fondatore e CEO di Upstart Travel Designer Italianismo, che mira ad organizzare vacanze italiane di alto lusso, fa concorrenza alle gite in barca privata per gite in barca indipendenti, ma enfatizza i piccoli momenti e le connessioni umane.

Mi sono visto a Norcia il mese scorso Palazzo Seneca, Una bella staffetta e un isolato dalla piazza principale del Setox Hotel. Occupando il palazzo del XVI secolo, fu costruito dalla famiglia Seneca del comune di Pedivalle, i cui abitanti erano conosciuti come abili intagliatori del legno.

Ora appartiene a un’altra famiglia. L’attuale generazione di proprietari è Vincenzo e Federico Bianconi, che lo gestiscono, una tradizione che risale al 1850. Hanno compreso il significato della storia fin dall’inizio, e in ogni ricostruzione dell’hotel, fin dall’inizio dopo l’ultimo catastrofico terremoto del 1997. (Quel restauro è durato fino al 2008, attentamente monitorato dagli architetti locali e si è dimostrato sufficientemente resistente alle terremoto recente). Dopotutto, si impegnano a migliorare quella storia, semplicità e qualità.

È stato un lavoro di amore, ricerca approfondita su materiali e materiali e lavoro per i migliori artigiani umbri. L’hotel è stato aperto per la prima volta nei primi anni del 1900 ad Ambria. Conserva ancora le sale a volta cinquecentesche, soprattutto negli spazi pubblici al piano terra, ma altrettanto belle sono le 40 camere (24 nell’edificio principale, 16 nella nuova aggiunta), spazio con il loro arredamento antico e grande lusso.

Il messaggio “a casa in un palazzo umbro” non è solo il loro motto, ma anche il loro modo di pensare, infatti, Federico Bianconi lo mette un po’ diversamente. “Siamo ristoratori con camere”, mi ha detto all’inizio di cinque portate nel ristorante del suo hotel, Vespasia, Uno dei due in Umbria con la stella Michelin.

Quando è successo, quella cena è stata fantastica. Il ristorante ha due chef, il pugliese Fabio Capiello e Fumiko Sakai, nato in Giappone. Inevitabilmente (dato che questa è l’Italia) portano alcune ampie prospettive e implicazioni a una cucina regionale esagerata.

Fuori dall’hotel, Norcia sembra una storia riscritta, per lo più scritta. Ci sono molte costruzioni, ma in questi giorni ci sono molte costruzioni in tutto il mondo. La principale via dello shopping è più viva che mai, con caffè, venditori di souvenir e negozi del circuito brulicanti di affari (Norcia è orgogliosa dei suoi salumi e affumicati) e pronti ad offrire un’accoglienza amichevole.

Sfortunatamente, quelle carni che sono state stagionate sono state perse su di me, vegetariano di lunga durata o pescatarian. Ma le reazioni delle persone intorno a me dicevano che le carni erano molto buone. (Direi che il mio pesce, i longines, la pasta e le verdure sono i migliori di Vespasia.) A causa della mancanza di piaceri del maiale, ho dovuto guardare ancora un po’ più lontano.

O meglio, guardavo i campi. Nella tarda primavera e all’inizio dell’estate, i prati dell’Umbria causano forti disturbi, poiché osano lasciarci a bocca aperta. I legumi, in particolare, trasformano tutto in una bella tonalità rosso fuoco. Questo coraggio ha vinto Ambria. Sulla via del ritorno ho alzato di nuovo la guancia.

Ma anche a occhi chiusi mi sarei innamorato dell’Umbria. Le persone intelligenti di Palazzo Seneca vogliono mandare i loro ospiti Perni Fabbrica del Kashmir a Bewagna, a un’ora di macchina. È uno dei produttori di cashmere più sofisticati in Italia e i suoi prodotti sono felicemente lussuosi.

Il tour della fabbrica è un ottimo esempio di come va la vita, terremoti ed epidemie e tutto il resto. Ma se l’incertezza è ancora alta, realizzano delle stupende coperte protettive morbide con maglioni e sciarpe.

READ  Perché l'Italia vincerà Euro 2020 | UEFA EURO 2020