SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

CIBER-2 fa il suo primo volo

CIBER-2 ora effettuerà misurazioni a sei lunghezze d’onda, fornendo una comprensione più accurata del bagliore infrarosso pervasivo nel nostro cielo. CIBER-2 può distinguere tra la luce delle prime stelle e dei buchi neri e la luce delle stelle vaganti extragalattiche. La luce emessa dalle prime stelle e dai buchi neri che si sono formati nell’universo dovrebbe avere uno spettro di colori distinto causato dall’assorbimento della luce ultravioletta da parte della foschia di idrogeno intergalattico nell’universo primordiale. Da allora la foschia di idrogeno è sbiadita, quindi non influisce sullo spettro delle stelle vaganti che si sono formate di recente.

La missione CIBER-2 è guidata da Michael Zimkoff, assistente professore di fisica e astronomia al Rochester Institute of Technology (RIT) di New York. Zemcov era un ricercatore postdottorato senior al Caltech con Bock prima di entrare a far parte della facoltà del RIT.

“Sappiamo che le stelle extragalattiche sono spesso causate dalla perdita di marea delle interazioni con altre galassie, ma la domanda è fino a che punto?” dice Zmkov.

“Questo bagliore di fondo è la luce totale che è stata prodotta nel corso della storia cosmica”, afferma Bock, che è anche un ricercatore senior presso il Jet Propulsion Laboratory (JPL), gestito dal California Institute of Technology per la NASA. Si pensa che gran parte del fondo cosmico infrarosso provenga dalle cosiddette stelle M e K, i tipi più comuni di stelle nell’universo, anche se deve esserci anche un componente delle prime stelle e dei buchi neri per formarli. “Il nostro metodo misura la luce totale emessa nel corso della storia cosmica, comprese eventuali fonti che gli astronomi potrebbero aver perso”, afferma Bock.

READ  Aiuto per seri dipendenti dallo shopping | EurekAlert! Notizie scientifiche

Lo strumento CIBER-2, come il precedente strumento CIBER su cui si basa, note da a missile che suonaUn piccolo razzo suborbitale che trasporta strumenti scientifici in brevi viaggi nello spazio. Una volta sopra l’atmosfera terrestre, CIBER-2 rileva una porzione di cielo di circa 4 gradi quadrati; Per riferimento, la luna piena impiega circa mezzo grado. Porterà il razzo sonda CIBER-2 ad un’altitudine spaziale di circa 300 km in un volo di 10 minuti, quindi riporterà lo strumento sulla Terra. Questo sarà fatto quattro volte nei prossimi cinque anni.

Le missioni CIBER sono importanti precursori di Spettrofotometro per la storia dell’universo, l’era della reionizzazione e la missione Ice Explorer (SPHEREx); Il telescopio, che dovrebbe essere lanciato nel 2024, esplorerà il cielo per un periodo di due anni a 102 lunghezze d’onda, consentendo studi di fondo più potenti. SPHEREx aiuterà anche gli astronomi a capire come è iniziato il nostro universo e come sono comuni i componenti della vita nelle giovani stelle e nei sistemi planetari. “Ci siamo fatti le ossa per sviluppare queste nuove tecnologie su CIBER, ma i prossimi dati SPHEREx porteranno quella scienza in una nuova disciplina”, afferma Bock, che guida la missione guidata dal JPL.