SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Centinaia di organizzazioni di base si oppongono al Vertice mondiale sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite

Le organizzazioni della società civile e le popolazioni indigene lanceranno una campagna globale per contrastare il vertice pre-ONU sui sistemi alimentari dal 25 al 28 luglio 2021.

Roma, Italia. 19 luglio 2021.

Più di 300 organizzazioni della società civile globale di produttori alimentari su piccola scala, ricercatori e popolazioni indigene Ti incontrerai online (25-28 luglio) protestando contro Conferenza pre-ONU sui sistemi alimentari. La contromobilitazione delle persone per trasformare le diete aziendali è l’ultimo di una serie di rifiuti al vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite (UNFSS), tra cui una coalizione di scienziati che petizioneEd a boicottarlo.

Il La risposta indipendente delle persone all’UNFSS Sostiene che il vertice è una distrazione dai problemi reali che il pianeta deve affrontare in questo momento critico. Come risultato della partnership tra le Nazioni Unite e il World Economic Forum (formato dalle 1000 più grandi società del mondo), il vertice è influenzato in modo sproporzionato dagli attori aziendali e Mancano meccanismi di trasparenza e responsabilità. Distoglie energia, massa critica e risorse finanziarie dalle soluzioni reali necessarie per affrontare le molteplici crisi della fame, del clima e della salute.

I sistemi alimentari globali e industriali hanno fallito la maggior parte delle persone e la pandemia di COVID-19 ha fallitoفشل peggioramento della situazione. Secondo l’anno 2021 Rapporto delle Nazioni Unite sullo stato della sicurezza alimentare e della nutrizioneIl numero delle persone cronicamente denutrite è salito a 811 milioni, mentre quasi un terzo della popolazione mondiale non ha un’alimentazione adeguata. Il Sud del mondo rimane lontano dal COVID-19, rivelando le radicate asimmetrie strutturali, fragilità e ingiustizie che sono alla base del sistema alimentare dominante.

READ  Fernandez inizia il suo viaggio in Europa mentre i debiti del Paris Club incombono

Più di 380 milioni di persone costituiscono i movimenti transnazionali di contadini, agricoltori, donne, giovani, popolazioni indigene, pastori, senza terra, migranti, pescatori, lavoratori del settore alimentare e agricolo, consumatori e aree urbane con insicurezza alimentare che si uniscono alla protesta. essi la richiesta Un cambiamento radicale nelle diete aziendali verso una dieta veramente equa, inclusiva e sostenibile. essi Uguale domanda Aumentare la partecipazione agli attuali modelli democratici di governance alimentare, come il Comitato delle Nazioni Unite per la sicurezza alimentare mondiale (CFSe il suo gruppo di esperti di alto livello.HLP). L’UNFSS minaccia di minare Child Friendly Spaces, che è l’arena politica intergovernativa più inclusiva. Dando una priorità eccezionale a un approccio basato sui diritti umani, i CFS forniscono uno spazio per far sentire la propria voce alle persone più colpite. Tuttavia, il sistema multilaterale delle Nazioni Unite è rapito Da interessi corporativi per legittimare una dieta più dannosa, basata sulla tecnologia e piena di crisi.

Questa contromobilitazione riflette le preoccupazioni sulla direzione del vertice. Nonostante affermi di essere un “top delle persone” e un “vertice delle soluzioni”, l’UNFSS facilita una maggiore attenzione aziendale, promuove catene del valore globali insostenibili e migliora l’impatto dell’agrobusiness sulle istituzioni pubbliche.

false soluzioni Promosso da UNFSS include modelli falliti di piani aziendali volontari di sostenibilità, soluzioni “naturali positive” che includono tecnologie rischiose come gli OGM e la biotecnologia e l’intensificazione sostenibile dell’agricoltura. Non sono né sostenibili né abbordabili per i piccoli produttori di cibo, né affrontano problemi strutturali come l’accaparramento di terre e risorse, abuso di potere aziendale e disuguaglianza economica.

La contromobilitazione parallela condividerà i produttori alimentari su piccola scala e le realtà dei lavoratori, e le loro visioni per una trasformazione agroecologica e basata sui diritti umani dei sistemi alimentari, sottolineando nel contempo l’importanza della sovranità alimentare, dell’agricoltura sostenibile su piccola scala, delle conoscenze tradizionali, dei diritti di risorse naturali e i diritti dei lavoratori, delle popolazioni indigene, delle donne e delle generazioni future.

READ  Il miliardario italiano di Diesel Jeans cerca di cucire insieme la moda

Le discussioni si concentreranno su soluzioni reali: regole vincolanti per l’abuso aziendale, porre fine all’uso dei pesticidi e l’agroecologia come scienza, pratica e movimento.

Il programma comprenderà le seguenti attività:

25 luglio 2021: Una passeggiata virtuale globale con i piccoli produttori di cibo e le voci delle persone.

26 luglio 2021: tre tavole rotonde pubbliche sul contesto COVID-19, le crisi della fame e del clima e la spinta del vertice per acquisizioni aziendali su governance e scienza.

27 luglio 2021: 15 sessioni virtuali su People’s Alternatives e Food Systems Insights.

28 luglio 2021: Sessione di chiusura con il lancio della dichiarazione di chiusura e una discussione sulle modalità dell’UNFSS Challenge a settembre.

-è finita-