SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Cechi in difficoltà dopo il voto mentre il presidente si è precipitato in ospedale

Il prossimo parlamento ceco, secondo i risultati elettorali dell’Ufficio statistico ceco

La Repubblica Ceca è sprofondata nell’incertezza domenica con il presidente Milos Zeman ricoverato in ospedale il giorno dopo che il suo alleato miliardario populista Andrej Babis ha perso di misura le elezioni.

Il presidente, che gioca un ruolo cruciale nella nomina di un eventuale futuro premier, è stato portato in ospedale in ambulanza poco dopo aver incontrato Babis ed è apparso privo di sensi all’arrivo, qualcuno è stato visto alzare la testa.

Il DNES ha scritto più tardi domenica che Zeman, che ha problemi al fegato secondo i media locali, è in condizioni stabili e potrebbe trascorrere fino a tre settimane in ospedale.

Il portavoce di Zeman, Jerry Ovacic, ha dichiarato su Twitter che il ricovero di Zeman non metterà a repentaglio i colloqui post-elettorali.

Il presidente, che è su una sedia a rotelle, ha espresso il suo voto nella sua residenza ufficiale a causa di problemi di salute meno di un mese dopo aver trascorso otto notti nell’ospedale militare.

– ‘Così eccitato’ –

La coalizione otterrebbe una maggioranza di 108 seggi nel parlamento di 200 seggi con un altro gruppo che comprende il Partito Pirata anti-establishment, sindaci e indipendenti centristi.

Zdenek Klima, il giorno dopo il voto a Praga, si è detto “molto contento” dell’esito dell’AFP.

Gli analisti hanno visto il risultato elettorale come un duro colpo al populismo.

“È la prova che anche se i populisti non possono essere completamente sconfitti, la loro avanzata può essere fermata e invertita”, ha aggiunto.

Papis attualmente guida un governo di minoranza con i socialdemocratici, che fino a poco tempo fa era tacitamente sostenuto dal Partito Comunista che ha governato l’ex Cecoslovacchia totalitaria dal 1948 al 1989.

READ  Aukus: l'Australia ha inviato una lettera "estremamente soddisfatta" poche ore prima della cancellazione del contratto francese | Oks

Babis, 67 anni, magnate del settore alimentare, chimico e dei media, è accusato dalla polizia di presunte frodi a sostegno dell’Unione europea e del risentimento del blocco per i conflitti di interesse come uomo d’affari e politico.

Ha negato qualsiasi illecito e ha criticato le accuse come una campagna diffamatoria.