SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Carità e navi militari stanno portando in Italia più di 800 immigrati

ROMA (AP) – Una nave di beneficenza è stata salvata dalle barche dei trafficanti di esseri umani nel Mediterraneo con 236 migranti diretti sabato al porto siciliano, mentre le navi della Guardia Costiera italiana e della polizia di frontiera hanno portato 532 persone soccorse su una piccola isola.

La squadra di soccorso marittimo SOS ha tirato in salvo i migranti quattro giorni fa dal Mediterraneo, una nave che stava operando, la Ocean Viking, quattro gommoni. Il gruppo ha detto che Ocean Viking stava viaggiando con i suoi passeggeri ad Augusta, in Sicilia, su istruzioni delle autorità italiane, inclusi 119 minori non supportati.

L’SOS Mediterranean ha detto che alcuni passeggeri avevano detto ai soccorritori di essere stati attaccati da dirottatori con base in Libia e di essere stati costretti ad atterrare su gommoni invisibili nonostante le onde alte.

Sull’isola italiana di Lampedusa, che è più vicina al Nord Africa che alla terraferma italiana, il sindaco Salvador Martello ha detto che i migranti da quattro barche sono sbarcati di notte. Le barche della Guardia Costiera italiana e della polizia doganale li hanno messi in salvo.

Separatamente, una nave militare italiana ha salvato 49 migranti, ha riferito la televisione di stato italiana.

Negli ultimi anni, il caldo in primavera ha aumentato il numero di navi varate dai trafficanti di migranti con base in Libia.

Il mese scorso, gli equipaggi di SOS Mediterranean e una nave mercantile hanno trovato diversi corpi dai rottami di una nave che si ritiene trasportava 130 migranti. L’equipaggio ha chiesto aiuto nelle acque al di fuori della Libia, ma nessuna nave della Guardia Costiera è arrivata dalla Libia, dall’Italia o da Malta, ha detto il gruppo. Nessun sopravvissuto è stato trovato.

READ  Stanley Ducey emerge come il rubacuori italiano nella nuova serie di viaggi

I gruppi umanitari hanno invitato i paesi europei a riprendere l’invio di navi militari in pattuglia di soccorso. Dopo il salvataggio di centinaia di migliaia di migranti, molti dei quali non avevano ancora diritto all’asilo, sono stati portati a terra dalle navi della Guardia Costiera, della Marina e della Polizia di Frontiera e dalle navi militari dall’Italia e da alcuni altri paesi, ponendo fine a operazioni di soccorso su larga scala a nord il Mediterraneo in Libia.

L’Italia ha addestrato le guardie costiere libiche per soccorrere i migranti e incoraggiare i trafficanti nella loro area di ricerca e soccorso.

I detenuti in mare dalla Guardia costiera libica vengono portati a terra e portati nei centri di detenzione. Gruppi per i diritti umani e Nazioni Unite Le agenzie hanno condannato il trattamento disumano inflitto nei centri, inclusi pestaggi, stupri e razioni inadeguate.

“L’Europa non può più essere passiva nell’affrontare una serie di naufragi, mentre perpetua emotivamente un’indicibile forma di abuso sostenendo entrate forzate alla Libia”, ha detto in un comunicato SOS Mediterranean.

___

Segui la copertura della migrazione globale di AP su https://apnews.com/hub/migration