SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Caffè e verdure possono ridurre il rischio di infezione da Corona virus

La ragione dell’effetto di questi fattori dietetici non è ancora nota ed è importante notare che lo studio non può dimostrare una relazione diretta causa-effetto.

Cornelis ha suggerito che il motivo per cui il caffè sembra essere protettivo mentre il tè potrebbe non essere la maggiore quantità di caffeina nel caffè.

“In alternativa, gli altri componenti del caffè possono essere unici e distinguerli dal tè. Ad esempio, il tè è spesso ricco di flavonoidi. Mentre con il caffè contiene polifenoli, in particolare l’acido clorogenico, che in realtà è un componente relativamente unico del caffè”, “È stato implicato in altre malattie non correlate a COVID-19, ma potrebbe anche essere alla base di questa relazione”, ha detto Cornelis.

In una contrapposizione simile, il consumo di carne rossa non sembrava aumentare il rischio di COVID-19, ma la carne lavorata sì.

“La relazione potrebbe non essere necessariamente correlata alla carne intera, ma potrebbe esserlo l’effettiva lavorazione di questi alimenti. Queste sono solo ipotesi, ma poiché il COVID-19 è così nuovo, sono chiaramente necessarie ulteriori ricerche”, ha affermato Cornelis.

Ha detto che mangiare molta verdura sembra andare bene, in termini di rischi, anche se non è noto se certe verdure con determinate proprietà nutrizionali facciano una differenza maggiore.

“Alcuni di questi risultati sono solo indicatori di buone abitudini alimentari. Penso che parlino solo dell’importanza di una buona alimentazione, non solo per COVID-19, ma solo per la salute generale”, ha affermato Cornelis.

Non è un sostituto di un vaccino



Certamente, dicono gli esperti, caffè e verdure non sono alternative al vaccino COVID-19 e ad altre misure preventive raccomandate.

READ  Possono svilupparsi nuovi ceppi di COVID negli animali da fattoria o negli animali domestici?

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie affermano che tutti i bambini di età pari o superiore a 12 anni dovrebbero ricevere un vaccino. I vaccini non sono ancora disponibili per i bambini piccoli.

La dottoressa Karen Studer è direttrice del Preventive Medicine Residency Program presso la Loma Linda University in California. Ha detto che i risultati dello studio sono simili agli insegnamenti della medicina dello stile di vita e all’idea che il cibo sia medicina.

“I benefici di un’intera dieta a base vegetale – che consiste principalmente di frutta, verdura e cereali – ti proteggeranno da molte malattie. Questo è eccitante perché sembra essere vero anche per malattie infettive come il COVID-19”, ha detto Studer.