Boris Johnson spinge Scott Morrison a raggiungere lo zero netto entro il 2050 durante una chiamata sul clima

Ogni membro del G7 – Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti – ha l’obiettivo di raggiungere le emissioni nette zero entro il 2050.

Caricamento in corso

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha fatto del cambiamento climatico una delle massime priorità della sua amministrazione. Gli alti funzionari il mese scorso hanno detto ai giornalisti che le attuali politiche sul cambiamento climatico dell’Australia erano “insufficienti” e hanno detto che il paese non poteva fare affidamento esclusivamente sul progresso tecnologico.

Johnson è uno dei leader più assertivi al mondo sul cambiamento climatico, dato che il Regno Unito ospita il principale vertice delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, noto come COP26, a Glasgow a novembre.

La Gran Bretagna ha vietato a Morrison di parlare a un vertice virtuale a dicembre perché gli annunci del primo ministro pianificato non erano abbastanza ambiziosi.

All’inizio di questo mese, Johnson ha dichiarato a News Corp. che “spera di vedere un annuncio positivo dall’Australia” sullo zero netto prima della riunione di Glasgow.

In un discorso telefonico di Johnson e Morrison, il presidente della COP26 Alok Sharma ha detto venerdì che la produzione di energia e il finanziamento del carbone devono essere eliminati se il mondo vuole mantenere il riscaldamento globale a 1,5 gradi.

Alok Sharma è l’inviato per il clima scelto con cura da Johnson. Attribuisci a lui:AP

“I giorni in cui si risparmiava il carbone come forma di energia più economica erano nel passato.

“Perché la scienza è chiara che per mantenere in vita 1,5 ° C, il carbone deve sparire. In effetti, le energie rinnovabili sono più economiche del carbone nella maggior parte dei paesi.

READ  Salvataggio di un cucciolo di balena arenato dal Tamigi a Londra

“Il commercio del carbone … sta crescendo in fumo. È una vecchia tecnologia.”

Sharma ha identificato l’eliminazione del carbone come una priorità personale.

Lo scorso anno il carbone ha rappresentato solo il 2,1% della produzione totale di elettricità della Gran Bretagna. In confronto, il carbone nero e marrone ha alimentato il 74% del mix energetico australiano nel 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto