SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Biglietto Covid-19, notizie sul tennis, caos di folla

Nessun amore qui.

Gli appassionati di tennis sono stati lasciati in attesa in enormi code per un massimo di due ore lunedì per cercare di entrare negli US Open, in mezzo a un mandato redatto solo la scorsa settimana che richiede la prova di una vaccinazione COVID-19.

Il torneo a Flushing Meadows, nel Queens, è iniziato ufficialmente alle 11, ma alle 13:30 migliaia di persone stavano ancora aspettando di mostrare le loro tessere di vaccinazione COVID-19 e passare attraverso i metal detector per arrivare all’Arthur Ashe Stadium, con alcuni fan dispersi. giochi a causa di esso.

“Qualcuno è marcio”, ha detto al Post l’hairstylist di Yonkers Helen W., 59 anni.

Lei e le sue due figlie hanno aspettato al cancello est per quasi un’ora mentre la fila “si muoveva a malapena”, prima di essere diretta al cancello sud a mezzogiorno, “poiché la linea si estendeva per una distanza ridicolmente lunga!”

“Poco più di 45 minuti in quella serie positiva, e finalmente ci siamo dopo aver perso le prime due ore”, ha detto con rabbia. “Qualcosa è sbagliato!”

“Sfortunatamente manca a causa di questa serie pazzesca”, ha scritto un tweeter – in risposta alla pubblicazione di filmati degli US Open dalla partita tra le giocatrici Christina Kokova e Ann Lee.

Al cancello sud, verso le 12:30, una fila di circa 5.000 fan si estendeva per circa un quarto di miglio, oltre l’Unisphere. Circa 3.000 fan si trovavano di fronte all’East Gate, su una linea che tornava indietro di circa 300 iarde allo stesso tempo.

Caos assoluto agli US Open.  Foto: Stefan Geremia.
Caos assoluto agli US Open. Foto: Stefan Geremia.Fonte: The New York Post

Il personale stava avvisando i possessori di biglietti che le loro carte e le loro borse erano a portata di mano quando finalmente sono arrivati ​​in prima fila.

“Non è mai stato così male”, ha detto Brian Schopenhauer, un orafo di 44 anni del Connecticut.

Mentre uno dei suoi compagni è arrivato allo stadio in anticipo ed è sfuggito ai controlli di sicurezza quando i cancelli si sono aperti intorno alle 9:30, Schopenhauer e decine di altri non sono stati così fortunati.

“Alle dieci e mezza del mattino, era come il richiamo del bestiame”, ha detto il fan. “Una grande folla all’ingresso principale e tutti si spingono verso [East] Cancello.

“Abbiamo camminato tutti per più di un’ora prima che iniziassero a organizzarsi”, ha aggiunto, inviando alcuni membri del gruppo al cancello sud, notando che ci voleva ancora più di mezz’ora per raggiungere i metal detector.

Verso le 14:00, le code si erano diradate, dopo che era stato istituito più personale per gestire i checkpoint di ingresso.

Gli US Open sono il primo torneo di tennis a funzionare a pieno regime dalla pandemia.

L’USTA ha annunciato venerdì che solo i fan vaccinati con documenti saranno ammessi a Flushing Meadows nonostante i biglietti siano stati venduti due mesi fa senza restrizioni.

L’organizzazione, in una dichiarazione di lunedì, ha in parte imputato le lunghe attese ai cancelli ai fan che hanno portato “un numero eccessivo di borse quest’anno” e alle folle che sono arrivate “più tardi rispetto al passato in generale”. L’agenzia ha affermato che il rallentamento ha interessato principalmente l’area del check-in bagagli.

“L’USTA sta esplorando modi per migliorare questo processo per garantire un’entrata più rapida per il resto del torneo”, afferma la dichiarazione. “La verifica della prova della vaccinazione sembra funzionare senza intoppi e non è una grande barriera all’ingresso nel sito”.

READ  La prima auto Batista pronta per la produzione si prepara per la sua anteprima mondiale alla Monterey Car Week