Banca d'Italia – Bollettino Economico n. 1

L’economia globale sta rallentando

Ci sono stati segnali di debole attività economica negli Stati Uniti e la crescita del PIL cinese rimane inferiore a quella del periodo pre-pandemia. Le ultime stime dell’OCSE suggeriscono che la crescita del PIL globale rallenterà nel 2024 a causa delle misure restrittive di politica monetaria e del deterioramento della fiducia dei consumatori e delle imprese. I rischi restano fortemente orientati al ribasso a causa delle tensioni politiche internazionali, soprattutto in Medio Oriente. I nostri modelli indicano una dinamica debole nel commercio di beni e servizi per l’anno in corso. I prezzi del petrolio e del gas naturale sono rimasti bassi nonostante gli attacchi al commercio marittimo nel Mar Rosso.

La Federal Reserve e la Banca d’Inghilterra mantengono invariati i tassi di interesse

In autunno, l’inflazione di fondo è diminuita negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Sia la Federal Reserve che la Banca d’Inghilterra hanno mantenuto i tassi di interesse invariati, dichiarando che la loro politica monetaria rimane contenuta. La revisione al ribasso delle aspettative degli operatori di mercato sui tassi di interesse ufficiali negli Stati Uniti e in Europa ha portato ad un allentamento delle condizioni sui mercati finanziari globali.

L’attività economica nell’area dell’euro rimane debole e il processo di disinflazione sta accelerando

La recessione dell’Eurozona sembra essere continuata negli ultimi mesi del 2023, riflettendo una crescita più lenta della domanda interna ed estera. La persistente debolezza dei cicli manifatturiero e delle costruzioni si è estesa anche al settore dei servizi. Tuttavia, l’occupazione ha continuato a crescere. Negli ultimi mesi, l’inflazione è stata inferiore alle aspettative e la deflazione si è estesa a tutte le principali componenti del paniere dei consumi. Le previsioni degli esperti dell’Eurosistema pubblicate a dicembre indicano che l’inflazione raggiungerà il 2% nel 2025.

READ  Dubber tiene d'occhio lo studio legale di Melbourne mentre rintraccia milioni "non disponibili".

La Banca Centrale Europea mantiene invariati i tassi di interesse di riferimento

Nelle riunioni di ottobre e dicembre il Consiglio direttivo della Banca centrale europea ha deciso di mantenere invariati i tassi di interesse di riferimento. Inoltre, durante la seconda metà del 2024, intende eliminare gradualmente e infine interrompere completamente il reinvestimento dei titoli in circolazione acquistati nell’ambito del Programma di acquisto per l’emergenza pandemica (PEPP). I precedenti aumenti dei tassi di interesse di riferimento continuano a trasmettersi al costo dei prestiti alle imprese e alle famiglie. L’inasprimento della politica monetaria ha contribuito a un forte rallentamento della crescita degli aggregati monetari. I rendimenti dei titoli di Stato decennali sono diminuiti e gli spread tra i titoli di Stato italiani e quelli tedeschi si sono ridotti.

Il PIL rimane stabile in Italia nel quarto trimestre del 2023

I nostri modelli indicano che la crescita in Italia è rimasta prossima allo zero negli ultimi mesi del 2023, influenzata dall’inasprimento delle condizioni creditizie e dal perdurare dei prezzi elevati dell’energia. L’attività economica è nuovamente diminuita nel settore manifatturiero, mentre è rimasta stabile nel settore dei servizi. È cresciuto nel settore delle costruzioni, che ha continuato a beneficiare degli incentivi fiscali. Secondo le nostre previsioni, elaborate nell’ambito dell’esercizio coordinato del Sistema Europa, il Pil crescerà dello 0,6% nel 2024 e dell’1,1% in ciascuno dei due anni successivi.

Il surplus delle partite correnti aumenta

Nel terzo trimestre il saldo delle partite correnti è stato positivo. Gli investitori non residenti hanno effettuato acquisti netti di titoli italiani. La situazione positiva degli investimenti netti internazionali si è ulteriormente rafforzata.

L’occupazione continua ad aumentare e la crescita salariale rimane forte

READ  Centinaia di sopravvissuti alle generazioni rubate stanno facendo causa al governo federale per un risarcimento

Il mercato del lavoro ha mostrato segnali di tenuta in autunno, poiché l’occupazione ha continuato a crescere, anche se a un ritmo più lento rispetto alla prima parte dell’anno. Il tasso di partecipazione ha raggiunto un nuovo massimo dall’inizio della serie storica, mentre il tasso di disoccupazione è rimasto stabile. La crescita dei salari nel settore privato non agricolo ha accelerato nel terzo trimestre.

Il calo dell’inflazione si intensifica

Il calo dell’inflazione di fondo si è accentuato, estendendosi ai beni e ai servizi industriali non energetici. A dicembre l’inflazione complessiva era pari allo 0,5% (e l’inflazione core al 3,0%). Secondo le nostre previsioni di dicembre, l’inflazione rallenterà gradualmente all’1,9% nel 2024 e all’1,7% nel 2026; Si prevede che l’inflazione core raggiungerà il 2,2% quest’anno, per poi scendere sotto il 2% nei prossimi due anni.

I vincoli di cassa vengono ancora trasferiti al costo del credito

L’andamento dei prestiti continua a riflettere una domanda di prestiti molto debole e l’inasprimento dei criteri di credito, in linea con un orientamento restrittivo della politica monetaria. Gli aumenti dei tassi di interesse di riferimento continuano a incidere sul costo del credito per le imprese in modo più forte che in passato. I vincoli monetari portano anche a un calo dei finanziamenti bancari. Nel settore bancario la redditività è migliorata, il tasso dei crediti in sofferenza è rimasto basso ed è aumentato il livello di capitalizzazione.

È probabile che i conti pubblici continuino a migliorare nel 2023

I dati preliminari indicano una diminuzione del deficit e del rapporto debito/PIL nel 2023. Il bilancio 2024-2026 è stato approvato a dicembre; Secondo valutazioni ufficiali, essa comporta un incremento dell’indebitamento netto al 2024 di 0,7 punti percentuali di Pil rispetto allo scenario normativo vigente ed è coerente con una flessione solo marginale del rapporto debito/Pil nel triennio considerato. A dicembre l’Unione Europea ha approvato la revisione del Piano nazionale di ripresa e resilienza e ha erogato la quarta tranche di finanziamenti.

READ  Mercedes EQS ora disponibile come Benz Down Under, 450 4Matic si unisce ad AMG 53 4Matic+

Raggiungere un accordo sulla riforma delle regole di governance economica dell’Unione Europea

Nella seconda metà di dicembre il Consiglio dell’Unione Europea ha raggiunto un accordo sulla riforma del Patto di Stabilità e Crescita. L'accordo riprende le principali novità introdotte dalla proposta della Commissione della primavera scorsa, ad esempio la centralizzazione delle analisi di sostenibilità a medio termine del debito pubblico per ciascuno degli Stati membri e il ruolo chiave svolto dai negoziati bilaterali con ciascuno di essi riguardo agli aggiustamenti fiscali . Tuttavia, impone alcuni requisiti numerici aggiuntivi, uguali per tutti gli Stati membri, sulla dinamica del debito pubblico e del deficit strutturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto