HomeTechAndroid nell'era dell'intelligenza artificiale

Android nell’era dell’intelligenza artificiale

Gli strumenti di intelligenza artificiale che avrebbero dovuto salvarci dai nostri telefoni sono purtroppo arrivati: qualunque illusione potremmo avere sul fatto che un pin Humane AI o Rabbit R1 offrirebbe qualsiasi tipo di balsamo per il costante bruciore del tappeto dovuto alla gestione delle nostre cose personali. La tecnologia è scomparsa. La primavera di Hot Gadget è finita ed è iniziata la stagione degli sviluppatori, a partire da Google I/O martedì prossimo.

Sembra anche essere un momento cruciale per Android. La conferenza I/O arriva sulla scia di un’importante riorganizzazione che ha riunito per la prima volta il team Android con il team hardware di Google. La direzione è chiara: andare avanti a tutta velocità e impiegare più intelligenza artificiale in più cose. Non favorire i prodotti di Google è stato un principio fondamentale di Android, anche se quel modello ha iniziato a cambiare anni fa quando i team hardware e software hanno collaborato più strettamente. Ora il muro è scomparso ed è arrivata l’era dell’intelligenza artificiale. E se gli ultimi 12 mesi sono indicativi, sarà un po’ un disastro.

Pixel 8 utilizza il chipset Tensor AI di Google, ma i suoi trucchi AI non sono all’altezza di una visione coerente.
Fotografia di Alison Johnson/The Verge

Gemini è stato lanciato come alternativa basata sull’intelligenza artificiale all’Assistente Google standard poco più di tre mesi fa e non è ancora del tutto pronto. Il primo giorno, quello Non è possibile accedere al tuo calendario Oppure imposta un promemoria: non molto utile. Da allora Google ha aggiunto queste funzioni, ma continua a non supportare app multimediali di terze parti come Spotify. L’Assistente Google ha supportato Spotify per gran parte degli ultimi dieci anni.

READ  Come correggere la sessione non valida in Minecraft

Ma più tornavo a Gemini, più potevo vedere come sarebbe cambiato il modo in cui usavo il mio telefono. Può memorizzare una ricetta per la cena e dirmi i passaggi durante la cottura. Può capire quando faccio la domanda sbagliata e darmi invece la risposta alla domanda che sto cercando (i fichi sono il frutto con parti morte di vespa; non i datteri, ho imparato). Potrebbe parlarmi del mio giocattolo dei Paw Patrol, per l’amor di Pete.

Gemini ha debuttato alcuni mesi fa e manca alcune funzionalità chiave, ma da allora Google ha colmato alcune lacune.
Fotografia di Amelia Holowaty Kralis/The Verge

Ancora una volta, però: trucchi per le feste. Il vero vantaggio di Gemini arriverà quando potrà integrarsi più facilmente nell’ecosistema Android; Quando sono integrati negli auricolari, nell’orologio e nel sistema operativo stesso.

Il successo di Android nell’era dell’intelligenza artificiale dipende da queste integrazioni. ChatGPT non può leggere le tue e-mail o i tuoi calendari con la stessa facilità di Gemini; Non è facile accedere alla storia di ogni luogo che ho visitato negli ultimi dieci anni. Questi sono vantaggi reali e Google ha bisogno di tutte le funzionalità adesso. Abbiamo visto molti segnali che indicano che Apple sta pianificando di svelare una Siri più intelligente al WWDC quest’anno. Anche Microsoft e OpenAI non si fermano. Google deve sfruttare i propri vantaggi per offrire un’intelligenza artificiale che sia più di un semplice trucco per le feste, anche se è leggermente diversa da Android.

Riccardo Auriemma
Riccardo Auriemma
"Esperto di Internet. Fan della TV. Analista esasperatamente umile. Pioniere di Twitter impenitente. Fanatico del caffè freelance."
Must Read
Related News