SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Anche a Cannes vince l’Italia in tutto

La vittoria dell’Italia agli Europei di calcio è stata celebrata domenica nella riviera franco-italiana, quando il festival in anteprima mondiale ha presentato una serie di film dalla penisola, segnando il ritorno del cinema italiano.

Decorata con il tricolore italiano, la pizzeria Salsa Rossa ha ricevuto moltissimi sorrisi e applausi quando gli acquirenti hanno lasciato il mercato di Cannes domenica, poche ore prima che l’Italia affronti l’Inghilterra nella finale del Campionato europeo di calcio.

“Allez l’Italie, vai a prenderli!” Uno dei conducenti ha urlato mentre rotolava fuori dal finestrino del suo camion mentre gli passava davanti.

Non c’era dubbio che Cannes fosse fortemente inclinata a favore delle Azzorre. L’Italia è a breve distanza in auto dalla costa e molti locali hanno almeno un nome che suona italiano, quando in realtà non sono del paese.

“In effetti, Cannes era l’Italia, fino a non molto tempo fa”, ha detto Giuseppe Esposito, proprietario di Salsa Rossa, trasferitosi in Riviera dalla nativa Napoli oltre un decennio fa. “Garibaldi è nato sulla strada”, ha aggiunto, riferendosi alla vicina Nizza, allora conosciuta come Nisa.

Tricolore italiano in abbondanza alla Salsa Rossa di Cannes. © Benjamin Dodman, Francia 24

Con il suo mix inebriante di sole e mare, vestiti luccicanti e cuccioli di spiaggia che esplodono musica techno, Cannes sarebbe l’ambiente perfetto per una scena frivola in un film di Paolo Sorrentino, ospite frequente della mostra più affascinante della città, il Festival di Cannes.

I registi italiani hanno una lunga e leggendaria storia al festival del cinema in prima mondiale, seguendo solo francesi e americani nel numero di vittorie della Palma d’Oro. Anche se l’ha vinta l’ultima volta 20 anni fa, l’Italia è ancora onnipresente dentro e fuori dallo schermo.

READ  Fine della censura - cinema italiano libero - disegni

Nelle lunghe file di presentazioni alla stampa, gli esperti italiani sono ovunque. Secondo un fotografo del tappeto rosso di France 24, gli italiani dominano anche sessioni fotografiche frenetiche, adulando le star con gesti frenetici e grida di “Girati! Girati!” (Girati!) e “Guardami!” (Guardami!).

Tra i precedenti vincitori della Palma d’oro c’è Nani Moretti, che è stato uno dei festival cinematografici più prestigiosi al mondo sin dalla sua prima partecipazione al concorso, “Ecce Bombo”, nel 1978. È stato premiato come miglior regista nel 1994 per ” Caro diario”. E il più grande premio cinematografico dopo sette anni per “The Son’s Room”.

A Salsa Rossa, Esposito un giorno ricorda un giro sull’auto del regista – “una squallida vecchia Renault 4” – tra Napoli e Roma, negli anni ’80.

“Moretti sarà sempre a Cannes”, ha detto. “Qui è un’istituzione.”

Più tardi, lo stesso giorno, Moretti ha debitamente presentato il suo ultimo film al Palais des Festivals, il suo ottavo film in concorso. Adattato da un libro dell’autore israeliano Eshkol Nevo, sul vivere in un appartamento di lusso a Tel Aviv, “Tre piani” porta la storia in Italia e vede protagonisti Margherita Buy, Alba Rohrwacher, Riccardo Squarcio e Moretti come residenti di un condominio romano che vivono il loro vite sconvolte da eventi successivi.


Lavorando senza una sceneggiatura originale per la prima volta nella sua lunga carriera, Moretti è riuscito a collegare meticolosamente le varie trame del film. Ma “Three Floors” è ostacolato dalla mancanza di un forte tema centrale e non racchiude del tutto il peso emotivo delle sue opere sottili. È stato lodato a lungo al Grand Théâtre Lumière e per lo più criticato dalla critica, il che non significa molto per la Palma d’oro, dove raramente i giurati e i critici pensano.

READ  Pedro Almodóvar torna al Festival di Venezia con il film d'apertura

La “Linea Ribellione” del Cinema Italianoسينما

Se Moretti è l’unico italiano nella competizione principale di quest’anno, gli altri settori di Cannes sono pieni di film del Boot.

Marco Bellocchio, un altro autore veterano e amato di Cannes, presenterà il suo documentario personale “Marx Can Wait” in una proiezione speciale alla fine di questa settimana. Riceverà una Palma d’oro onoraria, due anni dopo la sua settima apparizione al concorso “Traditore”.

L’esordiente Laura Samani è nella selezione parallela della Settimana della Critica con la leggenda di “Small Body”, mentre la settimana dei registi ha quattro voci italiane. Includono “Futura”, un’immagine dell’Italia osservata attraverso gli occhi degli adolescenti, e co-diretta da Alice Rohrbacher (della fama di “Happy as Lazaro”). Torna anche Jonas Carpignano con A Chiara, capitolo finale di una trilogia sugli immigrati nel sud Italia, iniziata con “Mediterranea”.

Come il film francese, anch’esso protagonista quest’anno, l’industria cinematografica italiana ha resistito per gran parte della pandemia. Ora è pronto per una massiccia iniezione di denaro nell’ambito del Fondo per la ripresa dall’epidemia dell’Unione europea, che finanzierà una ristrutturazione dei famosi studi cinematografici di Cinecittà di Roma, ancora i più grandi d’Europa.


L’investimento tanto necessario arriva in un momento in cui il cinema italiano sta godendo di un’ondata di creatività, guidata da una nuova generazione di registi desiderosi di abbracciare temi e generi diversi. Tra questi c’è Haider Rashid, il cui dramma sugli immigrati “Europe”, ambientato al confine turco-bulgaro, sarà mostrato alla settimana dei registi di questa settimana.

“È completamente nuovo per i film italiani affrontare questo tipo di argomento”, ha detto Rachid a France 24, descrivendo il suo film come “molto sconosciuto in termini di stile, linguaggio e temi”.

READ  Chloe Chow è diventata la prima donna di colore a vincere un premio DGA

Il regista italo-iracheno era entusiasta di essere a Cannes dopo un anno e mezzo di difficoltà, poiché l’Italia era tra i paesi più colpiti dalla pandemia. Sperava che il cinema italiano continuasse ad aprire nuovi orizzonti nei prossimi anni.

“Il cinema italiano ha una lunga storia, è stato per molto tempo un pioniere nel campo del linguaggio cinematografico”, ha detto. “A volte ci dimentichiamo che i grandi autori del passato, come [Roberto] Rossellini o Vittorio de Sica avevano una vena ribelle. Bisogna riscoprirlo».

Ciò significa continuare a portare più diversità nel cinema italiano e trarre ispirazione dal cinema francese, ha affermato Rachid. Ha aggiunto: “I dati demografici del paese stanno cambiando molto rapidamente e abbiamo bisogno di vedere più diversità anche nel film”.