Aggiornamenti della ricerca sulla piccola nube di Magellano, parte 1 (Cosmologia 2023) | Scritto da Monodeep Mukherjee | Gennaio 2024

Mukherjee monoprofondo
  1. Prove di basse velocità di kick tra binarie di raggi X di massa elevata nella Piccola Nube di Magellano da una funzione di correlazione spaziale (arXiv)

Autore: Arash Bodaghi, Vale Antonio, Andreas Zizas, giovanni a. Tomsik, Zaccaria Giordano, Eric Frechette, Brenton Jackson, Ryan Agnew, Anne E. Hornsheimer, Girolamo Rodriguez

Riassunto: Presentiamo una funzione di correlazione incrociata a due punti tra binarie di raggi X di massa elevata (HMXB) nella Piccola Nube di Magellano (SMC) e i loro possibili luoghi di nascita (associazioni OB: OBA). Questa funzione confronta la correlazione spaziale tra i gruppi HMXB e OBA osservati con cataloghi immaginari in cui i membri sono distribuiti casualmente nel cielo. È stata trovata una correlazione significativa (15 sigma) per le combinazioni HMXB e OBA rispetto a un catalogo casuale in cui gli OBA sono distribuiti uniformemente sull'SMC. Una correlazione meno significativa (4 sigma) è stata trovata per il catalogo casuale di OBA costruito con il metodo bootstrap. Tuttavia, non viene rilevata alcuna correlazione significativa quando gli indici casuali assumono la forma di un ellissoide gaussiano o di una distribuzione che riflette la storia della formazione stellare a partire da 40 milioni di anni fa. Sulla base delle loro distribuzioni osservate e assumendo un intervallo di tempi di migrazione, concludiamo che il valore medio della velocità di calcio ereditata da HMXB durante la formazione del suo corpo compatto è 2–34 km/s. Questo è molto inferiore al valore ottenuto per le loro controparti della Via Lattea, suggerendo che l’ambiente galattico che influenza l’evoluzione stellare gioca un ruolo nel determinare la velocità media di spinta degli HMXB.

READ  La Grande Barriera Corallina subisce lo sbiancamento dei coralli “più grave” di sempre poiché i filmati mostrano danni a 18 metri di profondità | Crisi climatica

2. Velocità residue degli ammassi stellari nella Piccola Nube di Magellano (arXiv)

Autore: Andrés E. Beatty

Riassunto: Abbiamo analizzato il più grande campione di ammasso della Piccola Nube di Magellano (SMC) (32) con movimenti interi e misurazioni della velocità radiale, da cui abbiamo ottenuto le componenti della velocità spaziale. Prendendo come riferimento il disco rotante moderno più adatto degli ammassi stellari SMC in funzione dell'angolo di posizione, abbiamo calcolato i loro vettori di velocità residua e confrontato la loro magnitudine (ΔV) con il volume di un ammasso con componenti di velocità residua uguali alla velocità dispersione lungo i tre assi indipendenti di movimento del disco rotante SMC (ΔV = 60 km/s). Troviamo che gli ammassi appartenenti alle strutture SMC indotte dalle maree hanno ΔV > 50 km/s, indicando che le velocità spaziali degli ammassi nel processo di fuga dalla cinematica del disco rotante differiscono sensibilmente. I gruppi studiati relativi al ramo nord del Ponte di Magellano, al Ponte principale di Magellano, al Controponte e alla Corona occidentale supportano questi risultati. NGC 121, il più antico ammasso SMC conosciuto, non appartiene ad alcuna caratteristica mareale SMC e ha ΔV = 64 km/s, leggermente al di sopra del confine tra ammassi legati e cinematicamente disturbati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto