SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

7 dei migliori ruoli comici di Isabelle Hubert

Yoo Jun-sang e Isabel Hubert in “In Other Country”.

(Cinema Lorber)

Serendipity ha regalato alla leggenda francese una delle sue collaborazioni preferite di tutti i tempi con “In Other Country”, una commedia romantica del 2012 diretta dal premuroso e altrettanto irriverente regista coreano Hong Sang Soo. Falsamente isterico, questo trio vede Huppert come molteplici iterazioni di Anne, un’affascinante turista che incontra uomini diversi in ogni parte.

Ho conosciuto il regista tramite l’autrice francese Claire Denis. Quando l’attrice di talento ha visitato Seoul per presentare la sua mostra fotografica come modella, “Isabelle Hubert: A Woman with Multiple Faces”, ha invitato Hong a vederlo. Ha frequentato. Poco dopo averlo menzionato, stava preparando un film, trovò la location perfetta, un hotel a sei ore di macchina da Seoul, ma non sapeva cosa avrebbe comportato la storia.

“Mi ha guardato e ha detto: ‘Vuoi esserci?” Ho detto di sì.’ Quando sono tornato a Parigi, mi ha chiamato diverse volte e mi ha parlato un po’ della sceneggiatura, che sarebbe stata un film a tre piani. Gli ho mostrato un paio di vestiti da casa mia e lui ha detto: “Ok, puoi portarla tu”, ricorda. “Un mese dopo sono tornato in Corea, è venuto a prendermi all’aeroporto, poi gli abbiamo sparato in 10 giorni e basta”.

Lo status di Ann come straniera in Corea è responsabile di parte del fascino comico del film. Gli amanti possono capirsi solo poche parole ma la loro attrazione va oltre i limitati scambi verbali. Sebbene Hong, che ha studiato in America, parli molto bene l’inglese, molti altri membri della troupe e attori non lo sapevano, incluso l’eroe, Yu Jun-sang, un attore molto rispettato in Corea. Tuttavia, lui e Hubert comunicano ancora davanti e dietro la telecamera.

READ  È morta all'età di 74 anni Chick Vennera dei famosi The Golden Girls e Animaniacs

“È una delle esperienze più preziose della mia vita”, ha detto Hubert, “perché l’intera cosa è stata così sorprendente, così facile, così straordinaria”. “Era come un sogno, e alla fine abbiamo avuto un piccolo capolavoro, così esilarante e così poetico”.

.