HomeTech13 porting, remaster e remake per Nintendo che adoriamo mentre aspettiamo Switch...

13 porting, remaster e remake per Nintendo che adoriamo mentre aspettiamo Switch 2

I fan aspettano ormai da anni che Nintendo rilasci Switch 2. Secondo quanto riferito, il rilascio era previsto nel 2024 prima di essere posticipato al prossimo anno. Sebbene la società abbia recentemente lasciato intendere che un successore di Switch verrà rivelato entro la fine dell’anno, potrebbe passare molto tempo prima che venga effettivamente rilasciato. Quali giochi potrebbe rilasciare Nintendo nel frattempo per evitare che gli Switch esistenti dei giocatori raccolgano così tanta polvere?

Non è un segreto che negli ultimi anni il produttore di Mario abbia fatto affidamento su numerosi port, remake e remake per popolare la sua formazione. Le versioni migliorate delle esclusive Wii U sono diventate alcuni dei migliori giochi su Switch, da Mario Kart 8 Deluxe a Super Mario 3D World + Bowser’s Inside Story. L’anno scorso, i fan hanno apprezzato il remake del gioco di ruolo Super Mario per SNES, mentre Paper Mario: Il Portale Millenario uscirà per GameCube alla fine di questo mese.

Tuttavia, il catalogo di Nintendo è ampio e c’è ancora molto potenziale non sfruttato per tenere occupati i fan fino all’arrivo di Switch 2 nel 2025. Ecco tutti gli amati classici e successi che ci piacerebbe ancora vedere arrivare su Switch prima del tramonto. Non li avremo tutti, ma rimarrei scioccato se alcuni non apparissero nel calendario delle uscite di Nintendo prima delle festività natalizie del 2024.

Pokémon Bianco e Nero (DS, 2010)

Immagine: The Pokémon Company/Nintendo

Pokémon Nero e Bianco era un po’ controverso all’epoca per non aver fatto avanzare la serie quanto alcuni fan avrebbero voluto, tuttavia Pokémon Nero e Bianco ha venduto un sacco di copie su DS e conteneva 156 nuovi Pokémon, più di qualsiasi altro gioco della serie. serie. Ambientati nel quartiere di Unima, fortemente ispirato a New York City, i giochi presentavano numerose ambientazioni urbane e fantastici minigiochi come i musical Pokémon in stile Broadway. Con mesi di fughe di notizie Suggerendo fortemente che i giochi di quinta generazione saranno i prossimi ad essere rifatti dopo Brilliant Diamond e Shining Pearl revisionati da Chibi nel 2021, sembra una conclusione scontata che arriveranno su Switch ad un certo punto. Speriamo che i remake questa volta non siano così semplici.

La villa di Luigi (GameCube, 2001)

immagine: Nintendo/MobiGames

Luigi’s Mansion 3 è stato un gioco fantastico a tutto tondo nel 2019. Il remake per DS di Luigi’s Mansion: Dark Moon arriverà entro la fine dell’estate. Quindi è giusto, anche se sempre più implausibile, che avremo la trilogia completa su Switch. Sebbene Nintendo abbia davvero migliorato il ritmo, gli enigmi e i controlli negli ultimi giochi di Luigi, nulla è paragonabile all’atmosfera inquietante e alla leggera atmosfera survival horror del gioco originale. Sarebbe bello rivisitare questo aspetto con più funzionalità in termini di qualità della vita, a patto che Nintendo possa resistere all’impulso di alleggerire troppo l’atmosfera.

Dai un pugno!! (Wei, 2009)

immagine: Nintendo/MobiGames

Abbiamo ricevuto tre Punch-Out solo per la console!! giochi nella storia del franchise di boxe e Punch-Out!! E’ l’unico non su Switch. Sebbene sia spesso ricordato per l’uso dei controlli di movimento e del Balance Pad del Wii per un gameplay più realistico e stimolante, presenta anche un’elegante modalità Contender che funziona come un moderno roguelike, nonché un’innovativa modalità multiplayer a schermo diviso. Dove il tuo Mac può trasformarsi in una versione Giga. Ad un certo punto puoi persino combattere contro Donkey Kong.

Super Mario Galaxy 2 (Wii, 2010)

immagine: Nintendo/MobiGames

Super Mario Galaxy 2 non era fresco come il suo predecessore, ma era senza dubbio il più raffinato e ambizioso dei due giochi, con design dei livelli più audaci che si appoggiavano ancora di più ai loro espedienti più stravaganti. Nintendo ha portato il primo gioco di Super Mario Galaxy su Switch tramite la collezione Mario 3D All-Stars a tempo limitato, quindi sarebbe strano se anche Super Mario Galaxy 2 non facesse il salto ad un certo punto. Forse avrebbe dovuto essere incluso nelle scelte All-Star. Forse il fatto che ciò non significasse che avremmo potuto ottenere un remake completo.

Metroid Prime 2: Echoes (GameCube, 2004)

immagine: Nintendo/MobiGames

Metroid Prime Remastered è stato un viaggio sorprendentemente chiaro e fedele nella memoria dell’anno scorso. L’unico grande ostacolo è stato il fatto che non includeva gli altri due giochi della trilogia. Echoes, il seguito diretto anche se più impegnativo, vale la pena arrivare su Switch prima che arrivi Metroid Prime 4, quando ciò finirà per essere il caso. È stato anche il primo gioco dell’inquietante serie di fantascienza a presentare una modalità multiplayer, perfetta per la tua prossima festa sul tetto di Switch.

Xenoblade Chronicles X (Wii U, 2015)

Immagine: Nintendo

Cosa resta da dire: è un crimine quello di Xenoblade Chronicles Giocatore singolo in un mondo aperto. La narrazione, il ritmo, la grafica e la musica erano tutti di prim’ordine, anche se il chilometraggio nella scrittura dei personaggi e nei dialoghi variava notevolmente da un momento all’altro. L’ultimo dei giochi Wii U orfani, non c’è gioco più meritevole di un porting su Switch.

Donkey Kong Country Returns (Wii, 2010)

immagine: Nintendo/MobiGames

Voci Sta cambiando Un nuovo gioco di Donkey Kong Country è uscito nell’ultimo anno, guidato dal tempo sullo schermo della scimmia titolare nell’ultimo film di Mario. Donkey Kong Country Returns non può reggere il confronto con il suo seguito, Tropical Freeze, ma ha portato il platform nell’era moderna ed è stato particolarmente valido su Wii U e 3D. Una riedizione con nuova grafica, musica e controlli migliorati sarà la base perfetta per ricostruire l’eredità spesso messa in ombra di Donkey Kong su Switch 2.

Fire Emblem: La strada verso lo splendore (GameCube, 2005)

immagine: Nintendo/MobiGames

Path of Radiance è uno dei migliori giochi Fire Emblem di tutti i tempi e un eccellente gioco di ruolo tattico che trarrebbe grandi benefici da un tocco moderno. È davvero completamente doppiato e ha alcuni dei migliori sistemi di razionalizzazione e bilanciamento della serie. Tutto ciò di cui ha bisogno è una nuova mano di vernice, così non sembrerà un sacco di patate. Inoltre, i fan Nintendo più giovani devono sapere da dove viene Ike. Non era Super Smash Bros.

Mario e Luigi: Dream Team (3DS, 2013)

immagine: Nintendo/MobiGames

Di tutti i giochi di ruolo basati su puzzle in cui Mario Bros. ha recitato, Dream Team è forse il più ingiustamente diffamato. La sua bellissima grafica e la sua musica meravigliosa, così come i suoi innovativi livelli da sogno 2D, sono stati contaminati da tutorial sbalorditivi e ritmo terribile. Tutti i problemi possono essere facilmente risolti nella nuova edizione. E con la Superstar Saga e la Storia al centro di Bowser che stanno già ricevendo aggiornamenti, il Dream Team si sente più maturo per una rivisitazione che potrebbe essere degna di un seguito. Non dirmi che Paper Jam vale di più.

La leggenda di Zelda: Twilight Princess HD (WiiU, 2016)

Immagine: Nintendo

In un anno pieno di grandi giochi, The Legend of Zelda: Twilight Princess del 2006 si è distinto dagli altri. Perché non ci sono più fan che chiedono a gran voce che sia disponibile sui dispositivi moderni? Nintendo in realtà ha fatto la maggior parte del lavoro quando ha portato il gioco su Wii U e, sebbene il suo stile più cupo e realistico sia invecchiato nel tempo, la trasformazione del lupo è ancora unica e i dungeon rimangono tra i migliori dell’intera serie. I giocatori che cambiano a cui sono stati negati i dungeon adeguati in Breath of the Wild e Tears of the Kingdom meritano uno sguardo all’apice del design dei puzzle di Zelda.

The Legend of Zelda: Wind Waker HD (Wii U, 2013)

Immagine: Nintendo

The Legend of Zelda: Wind Waker HD, che è stato criticato per la sua grafica fumettistica da una minoranza di fan, è considerato uno dei migliori giochi della serie. L’esplorazione marittima è di dimensioni enormi e la narrazione contiene alcuni dei momenti migliori del franchise. La versione Wii U è un altro porting per Switch su cui Nintendo ha dormito per troppo tempo. Se portano solo uno Zelda sull’attuale Switch, dovrebbe essere questo.

The Legend of Zelda: Oracle of Seasons/Ages (Game Boy Color, 2001)

immagine: Nintendo/MobiGames

Il remake del 2019 di The Legend of Zelda: Link’s Awakening è stato una vera sorpresa, anche perché Nintendo ha mantenuto gli elementi principali dell’amato gioco originale revisionando l’aspetto da cima a fondo in uno splendido stile quasi 2DHD. Sarebbe fantastico vedere l’azienda fare lo stesso con i pezzi complementari gratuiti Oracle of Ages e Oracle of Seasons. Due nuove versioni al prezzo di una, con numerosi incentivi per acquistarle entrambe. Cosa non c’è da amare, Nintendo?

Madre 3 (Game Boy Advance, 2006)

Immagine: Nintendo

Fallo già, cazzo.

READ  L'auto a idrogeno Hyundai Nexo stabilisce un record per la distanza da Melbourne a Broken Hill, ritorno su rimorchio
Riccardo Auriemma
Riccardo Auriemma
"Esperto di Internet. Fan della TV. Analista esasperatamente umile. Pioniere di Twitter impenitente. Fanatico del caffè freelance."
Must Read
Related News