ss16 2ATTUALITA' Notizie 

SS16, Cisl e Adiconsum chiedono un tavolo di confronto con Anas

ss16 2“Aprire un tavolo di confronto con l’Anas per venire a conoscenza, in maniera chiara e puntuale, degli interventi e della tempistica prevista per la messa in sicurezza della Foggia- San Severo”. A chiederlo il segretario generale della Cisl di Foggia, Emilio Di Conza, ed il presidente provinciale di Adiconsum, Giovanni D’Elia, dopo che nei giorni scorsi l’Anas in risposta alla raccolta di firme denominata “No ai tir sulla Foggia San Severo” ha fatto sapere che “l’intervento di ammodernamento ed adeguamento del tratto S.S.16 Foggia – San Severo è stato inserito nei piani di investimento di Anas e, all’attualità, sono in fase di avvio le attività progettuali”.

Come si ricorderà la petizione è stata da 3.500 cittadini e condivisa dai Consigli Comunali di Foggia, San Paolo Civitate, San Severo, Serracapriola e Torremaggiore, per chiedere alle Istituzioni competenti di attivarsi per la messa in sicurezza della strada statale SS16 Foggia – San Severo, teatro di continui incidenti spesso anche mortali.

“La risposta dell’Anas è un importante segnale che finalmente, grazie alla mobilitazione di migliaia di cittadini di questa provincia ed alla grande sensibilità del Prefetto di Foggia – proseguono i responsabili Cisl e Adiconsum – , qualcosa comincia a smuoversi nella direzione della doverosa messa in sicurezza di un tratto stradale che in questi anni ha visto il ripetersi costante di gravi incidenti e lutti. Tuttavia, attendiamo da chi gestisce le nostre strade e la sicurezza di così tanti cittadini risposte più incisive ed impegni tangibili perché il territorio è stanco di attendere interventi che da anni sono considerati necessari ed urgenti. Pur consapevoli della complessità della vicenda, riteniamo che non sia più possibile ignorare la pressante richiesta di tanti cittadini e di numerosi Enti Locali che chiedono un intervento, rapido e concreto, per fermare una vera e propria strage di cittadini, uomini, donne, in molti casi lavoratori-pendolari, che si perpetua sistematicamente ogni anno”.

Related posts

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: