PARENTI SERPENTIATTUALITA' Notizie 

Martedì 6 febbraio al Teatro Verdi Lello Arena con Parenti Serpenti

PARENTI SERPENTIMartedì 6 febbraio 2018 (porta ore 20,30, sipario ore 21,00) è in programma un’altra serata nell’ambito della stagione teatrale 2017/2018 organizzata dall’Amministrazione Comunale, in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese.
Ente Teatro Cronaca Vesuvioteatro presenta Lello Arena PARENTI SERPENTI di Carmine Amoroso con Giorgia Trasselli e con (in ordine di apparizione) Rafaele Ausiello, Andrea de Goyzueta, Carla Ferraro, Autilia Ranieri, Annarita Vitolo, Fabrizio Vona. Regia Luciano Melchionna, scene Roberto Crea, costumi Milla, musiche Stag.
“Dopo il grande successo con Enrico Brignano che, per tre ore ha incantato e fatto divertire il pubblico presente, il nostro Teatro Verdi – dichiara l’Assessore alla Cultura avv. Celeste Iacovino – si prepara ad accogliere un altro grande artista, uno dei più amati dal pubblico italiano. Lello Arena, indimenticato partner di Massimo Troisi  ha contribuito a fare la storia della tv, del cinema e del teatro negli ultimi trenta anni. Inutile ribadire che anche in questa circostanza il Verdi presenterà il tutto esaurito”.
PARENTI SERPENTI
Un Natale in famiglia, nel paesino d’origine, come ogni anno da tanti anni. Un Natale pieno di ricordi e di regali da scambiare, a casa dei genitori anziani che aspettano tutto l’anno quel momento per rivedere i figli cresciuti, e andati a lavorare in altre città. Ogni figlio ha dovuto fare i conti con la realtà accettando i fallimenti e imparando a difendere il proprio orticello mal coltivato, ma in quelle pause di neve e palline colorate ognuno di loro si impegna a mostrarsi spensierato e risolto. All’improvviso però, i genitori, fino ad allora autonomi punti di riferimento, esprimono l’esigenza di essere accuditi: uno dei figli dovrà ospitarli e prendersi cura della loro vecchiaia… a chi toccherà? Sarà la soluzione più spicciola e più crudele a prendere il sopravvento.

Related posts

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: