ATTUALITA' Notizie 

L’olio di Peranzana affascina i buyers del mondo, l’organizzazione di produttori Terre di Ulivi: “Sol&Agrifood ci ha aperto le porte verso l’esportazione mondiale”

Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

L’olio dei produttori di Capitanata ha conquistato i buyers di tutto il mondo presenti alla manifestazione Sol&Agrifood, vetrina di eccellenza del Made in Italy e di riferimento mondiale per l’olio collegata al Vinitaly. “L’olio di peranzana – spiega il presidente dell’Op Terre di Ulivi, Umberto Porrelli – è stato molto apprezzato dai buyers e i nostri produttori già nei giorni successivi alla manifestazione hanno ricevuto richieste commerciali da diversi Paesi. Siamo riusciti nell’intento di offrire ai nostri produttori la possibilità di ampliare il proprio mercato”. L’iniziativa, promossa dall’Op Terre di Ulivi nell’ambito del PSR Puglia 2014/2020 – Misura 3 “Regimi di Qualità dei prodotti agricoli e alimentari” – Sottomisura 3.2, è tesa a promuovere la conoscenza, diffusione e valorizzazione dei regimi di qualità DOP, BIO, SQNPI, riconosciuti ai sensi del Reg. UE 1305/2013.

Noi conosciamo bene – aggiungono il responsabile commerciale Orazio Garofalo e il responsabile della trasformazione Umberto Montagano – le qualità e le potenzialità del nostro olio, ma il resto del mondo ancora no. Con questa manifestazione abbiamo avuto modo di tessere importanti relazioni commerciali che sapranno portarci a breve a varcare la soglia dei mercati europei ed internazionali, dove negli ultimi anni c’è una grande attenzione per l’olio extravergine di oliva di qualità e le sue proprietà”. Il nostro olio è stato apprezzato anche da esperti assaggiatori, giudici di analisi sensoriale, e da giornalisti del settore provenienti dalle regioni olivicole italiane di grande spessore, come la Toscana. Intanto la OP Terre di Ulivi continuerà il percorso di promozione dell’olio dei produttori di Capitanata, in linea con il programma di attività per la tracciabilità dell’olio extravergine di oliva del Consorzio Nazionale degli Olivicoltori. “Lavorare sulla qualità del prodotto e la sua tracciabilità – conclude Giuseppe Fiore, responsabile tecnico dell’Op Terre di Ulivi – ci permetterà di avere maggiori opportunità per poter conquistare nuove fette di mercato internazionale”.

Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

Articoli sullo stesso argomento

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: