Irpef, Imu, Tasi e Tari invariate le aliquote per i cittadini e nuove agevolazioni

| 28/04/2016, 08:24

consiglio sedutaL’Amministrazione Comunale anche quest’anno, nonostante i tagli del Governo, ha deciso di lasciare invariate le aliquote Irpef, Imu,Tasi e Tari e di confermare le agevolazioni dello scorso anno con ulteriori novità per i contribuenti locali.

Per l’anno 2016 il consiglio comunale ha confermato le aliquote dell’addizionale comunale Irpef adottata nel 2015 e ferma dal 2012.
Quanto all’Imu, così come previsto dal Governo, sarà nulla per l’abitazione principale e del 5 per mille per le abitazioni principali classificate come di lusso e delle relative pertinenze, mentre sarà del 9,60 per mille per le aree edificabili, per le unità immobiliari ad uso produttivo e per gli altri fabbricati. Aliquota del 7,60 per mille per i terreni agricoli e nulla per i fabbricati ad uso strumentale e per i beni merce non locati. È inoltre prevista una detrazione pari a 200 euro per le abitazioni principali non esenti e una riduzione del 50% della base imponibile per le unità immobiliari ad uso abitativo date in comodato d’uso ai parenti di primo grado.
“Tra le novità – spiega l’assessore al Bilancio, Ondina Inglese – ci sarà una ulteriore riduzione del 2 per mille per le abitazioni a canone concordato utilizzate come abitazione principale, che si aggiunge al 25% già previsto da questa misura adottata dall’Amministrazione Comunale”. Inoltre è prevista l’esenzione per i terreni agricoli posseduti da coltivatori diretti e per i beni imbullonati, cioè macchinari ed attrezzature funzionali al processo produttivo.
Anche per la Tasi la novità riguarda l’esenzione per la prima casa mentre è dell’1 per mille per abitazioni principali di lusso, altri immobili e aree edificabili. Confermata anche la detrazione di 50 euro sull’abitazione principale, la detrazione del 50% per le abitazioni in comodato d’uso ai parenti e l’azzeramento della Tasi alle unità immobiliari concesse in locazione a canone concordato.
“Anche per la Tari – aggiunge l’assessore al Bilancio, Ondina Inglese – l’amministrazione ha introdotto importanti novità a beneficio dei cittadini, ma anche dei nuovi insediamenti commerciali al fine di sostenere l’economia locale e incentivare la nascita di nuove realtà. Inoltre é stato previsto il pagamento in quattro soluzioni, invece di due, con scadenza al 30 giugno, 31 luglio, 30 settembre e 31 ottobre”.
Confermata la detrazione del 50% per i due occupanti ultra 65enni titolari di pensione minima o assegno sociale, famiglie disagiate con reddito ISEE pari a zero o cassaintegrati e famiglie con reddito non superiore a 15 mila euro, aumentato a 20 mila euro se in famiglia è presente un invalido al 100%. È stata introdotta la riduzione del 30% nella parte variabile per le utenze non domestiche come bar, circoli ricreativi, ristoranti, tabacchi che entro trenta giorni dal l’approvazione del regolamento dichiarano di non aver installato o si impegnano a non installare slot machine adibiti al gioco d’azzardo o scommesse o che comprovino l’avvenuta rimozione degli stessi.
“É stata introdotta – conclude il Sindaco Francesco Miglio – l’esenzione della Tari per tutte le nuove attività d’impresa avviate nel 2016 purché non si tratti di subentri. L’esenzione é concessa al 100% per il 2016, al 70% per il 2017 e al 50% per il 2018. Le attività che lo scorso anno hanno usufruito della detrazione del 50% entro 30 giorni possono usufruire del nuovo regime agevolato godendo della riduzione del 70% per il secondo anno e del 50% per il terzo anno. Tutte le agevolazioni previste hanno l’obiettivo di agevolare le fasce più deboli della popolazione e i nuovi insediamenti o le attività che contribuiscono a ridurre il gioco d’azzardo. Inoltre grazie ad una politica di recupero dell’evasione fiscale siamo riusciti a mantenere invariate le aliquote per tutti i cittadini”.

Tags: , , , , , ,

Category: ATTUALITA', Notizie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: