manifesto-INTERNO-ABBADOCULTURA Notizie 

“Interno Abbado” al Teatro Verdi sabato e domenica

manifesto-INTERNO-ABBADOSabato 14 e domenica 15 febbraio, presso il Teatro Comunale Giuseppe Verdi, alle ore 21.00 (porta ore 20.30), andrà in scena lo spettacolo “Interno Abbado”, di Andrea Baracco e Claudio Storani, interpretato da Giandomenico Cupaiuolo. Gli autori rivisitano in chiave grottesca la sequenza finale di “Psyco” di Alfred Hitchcock ambientandola in un interno pugliese, dando vita a un gradevole testo meravigliosamente interpretato dall’eclettico Giandomenico Cupaiuolo, accompagnato alla fisarmonica da Lucas Zanforlini. Vincitore del premio MarteLive 2008, rappresentato con successo nei teatri di tutta l’Italia, “Interno Abbado” viene rappresentato nella città d’origine di Giandomenico Cupaiuolo. “Si tratta di uno spettacolo – spiega il Sindaco Francesco Miglio – che saprà coinvolgere il pubblico che siederà sul palcoscenico assieme all’attore, come non era mai accaduto nel Teatro Verdi, in un ambiente che tra melodie e cadenze pugliesi risulterà familiare e coinvolgente. Con questo spettacolo la città vuole rendere omaggio ad un suo artista che è stato apprezzato già nei teatri di tutta Italia”. “Interno Abbado” risalta, in un contesto scenografico nudo, la grande capacità di Giandomenico Cupaiuolo, nei panni della signora Abbado, di riempire la scena. Un telefono, un uomo vestito da donna, un organetto che suona melodie popolari, il dialetto pugliese, i fiori finti, i santini di Padre Pio e il rumore di una bocca essiccata dall’arsura sono gli elementi della scena dello spettacolo. Rosa Abbado ha smarrito il proprio uomo e non riesce più a dormire; il telefono squilla e un appuntato si aggira frenetico per le scale della questura di Foggia; una donna inattesa ed “algida” bussa alla sua porta e la osserva forte, ma così forte, che quasi la spoglia con gli occhi. Una vita trascorsa fino a quel momento più a nascondersi che a mostrarsi, più a far dimenticare di sé che a lasciare il segno della propria esistenza, d’improvviso, si trasforma, per un banale e fortuito incidente, in una giostra di paradossali avvenimenti che finiranno per metterne a nudo gli aspetti più nascosti e indicibili. Senza indugiare, allora, la signora Abbado, svela il proprio corpo martoriato e candido, in un ultimo, definitivo, ricongiungimento con l’altra parte di sé. I biglietti, al costo di 12 euro, sono in vendita presso il botteghino del Teatro Comunale, per informazioni 0882.339642. I posti sono limitati.

Related posts

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: