Il Messaggio del Vescovo per la festa del Soccorso

| 14/05/2016, 09:26

S.E.Mons Lucio RennaIl Messaggio del Vescovo, Lucio Renna, per la festa del Soccorso:

<< Sorelle e fratelli carissimi, la festività della Madonna del Soccorso assume, quest’anno, un significato particolarissimo perché stiamo vivendo il “Giubileo straordinario della Divina Misericordia”. Con quella della nostra Cattedrale, infatti, ho aperto anche “la porta della misericordia” nel Santuario diocesano del Soccorso, luogo sacro da noi tanto amato. Ho visto diversi gruppi parrocchiali avvicendarsi sia in Cattedrale che nel Santuario per “fare il Giubileo” e guadagnare l’indulgenza plenaria per sé o per i propri defunti. La Madonna è da noi invocata spesso con la bella preghiera: “Salve Regina, Madre di misericordia…rivolgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi”. La festa del Soccorso, dunque, ci presenta una luminosa Madre, radiante di bellezza e piena di grazia, che “Non pur soccorre a chi dimanda, ma liberamente il dimandar precorre”, come nella preghiera a Maria si esprime il sommo poeta Dante. Come possiamo noi, poveri peccatori e figli suoi, ricambiare un così grande amore materno? La festa è una riposta esterna, alla quale deve corrispondere l’atteggiamento interno di affetto filiale verso la Madonna che continua a ripeterci: “Fate quello che Gesù vi dice”. Dunque, per ricambiare le premure materne di Maria, non dobbiamo fare altro che accogliere e mettere in pratica il suo consiglio. In particolare, quest’anno, Papa Francesco ci fa un’altra consegna: “Siate misericordiosi come il Padre vostro che è nei cieli”. Fare quello che Gesù si attende e usare misericordia verso tutti, anche verso coloro che ci hanno fatto del male, è il modo più bello per rispondere alle attese della cara. È una festa, ma il pensiero è rivolto a coloro che soffrono anche da un punto di vista economico: perché non invitare, in questi giorni, qualche povero alla nostra mensa? Perché non far visita agli anziani e ai malati? C’è tanta negatività, tanta violenza anche a livello locale ma l’ottimismo non ci deve abbandonare. Aver proclamato San Severo, Civitas Mariae, e averla consacrata alla Mamma Celeste a lei rivolgiamo le nostre preghiere, affinché sia una buona festa per tutti >>.

Tags: , , ,

Category: CRONACA, Notizie