CULTURA 

“Pen e pummador”, la poesia di Ciro Mancino che anticipa il suo libro “…e scrittë stù libbrë…”

Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

Di seguito vi proponiamo la poesia “Pen e pummador” in vernacolo sanseverese scritta da Ciro Mancino.

Pen e pummador

Ma lù stevt mej a mmagnà
ca s nù forestier vò magnà
a port d nù sanzvres anna tuzzulà?
A matin, ù pomeriggj, a ser o a tutt lì or
c sep, i mttim annanz semb pen e pummador.
“Jè nù pranz scem” – dic ù romen
Ma dop cà la magnet c’è lcchet pur lì men.
“Jè facil dà fà” – rsponn ù fiorentin
Ca c’è frechet tre fell e nù buccher d vin.
Continuj ù mlanes: “È quist jè tutt?”
ce lscet tutt a panett e a fatt pur ù drutt.
C stà chi ù vó salatill
com i piec a i vcchiarill.
Tost o cnit
di criatur jè ù cib preferit.
Rign o senza rign: a com ù preparet
u rsultet jè assicuret.
E s mitt l’olij di mulagnen
tanna sbatt pur lì men.

 

*La presente composizione non segue le regole della grammatica del vernacolo sanseverese in quanto scritta di getto da un nostro affezionato lettore.

 

Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

Articoli sullo stesso argomento

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: