Foto Centrale En PlusATTUALITA' Notizie 

Centrale, botta e risposta tra PD ed En Plus, la società si difende

Foto Centrale En PlusLa centrale termoelettrica finisce nel mirino del Pd. Gli esponenti democratici hanno rivolto al sindaco una serie di critiche puntando il dito contro l’impianto di località Ratino. Un lungo elenco di accuse che ha spinto la società En Plus, proprietaria dell’impianto, ad alcune puntualizzazioni. “L’AIA (Autorizzazione Unica Integrata Ambientale) – spiegano da En Plus – è stata ottenuta nel 2001 ed è compresa nell’Autorizzazione Unica rilasciata dal Ministero dello Sviluppo Economico alla società En Plus. Lo scorso mese di Novembre l’Aia è stata semplicemente rinnovata pertanto non corrisponde al vero quanto affermato dal PD. Il rinnovo dell’Aia nulla ha a che fare con il processo in corso”. In merito al proedimento penale che vedrebbe coinvolta la società per cinque episodi di presunti superamenti dei limiti emissivi di PM 10 e PM 2.5 rilevati ad agosto 2010 e a gennaio/febbraio 2011 in due stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria. “Tali stazioni, esterne alla Centrale – spiegano dall’impianto -, registrano valori di tutte le fonti emissive della zona compreso soprattutto il traffico veicolare e non esclusivamente le singole emissioni relative alla centrale elettrica. Alcuni dei presunti superamenti sono stati registrati in giorni nei quali la Centrale era spenta, a dimostrazione che non vi è correlazione tra le emissioni della Centrale e i valori misurati dalle stazioni di monitoraggio”. In merito al processo dall’impianto ribattono al Pd precisando che la società non ha subito alcuna nessuna condanna. “Anziché accettare – continuano da En Plus – la condanna corrispondente a una multa di mille Euro, la società En Plus aveva deciso di presentare opposizione per dimostrare in Giudizio l’assoluta insussistenza della condotta contestata. La richiesta di procedere al Giudizio ha avuto l’effetto di annullare la condanna emessa, rendendo non corrispondente al vero l’affermazione secondo cui la società En Plus sarebbe stata condannata. En Plus quindi non è stata condannata per disastro ambientale e la contestazione dell'”ipotesi contravvenzionale” nulla ha a che vedere con il reato di “disastro ambientale” mai contestato agli amministratori della Società”. Dall’En Plus rassicurano gli esponenti di opposizione circa le preoccupazioni riguardanti la modernità dell’impianto. “Le tecnologie installate nella centrale Ratino – aggiungono da En Plus – sono tra le più moderne esistenti, visto che, proprio in virtù dell’autorizzazione AIA devono aderire alle BAT – Best Available Technologies e il controllo delle emissioni è affidato ad Arpa”. Infine rimandate al mittente le accuse riguardanti una presunta parentopoli. “I dipendenti che lavorano nell’impianto termoelettrico – concludono da En Plus – sono per il 40% sanseveresi e la società En Plus non è a conoscenza di alcun grado di parentela con amministratori pubblici, come invece sostiene il PD”. Dalla En Plus annunciano a breve l’avvio dell’offerta per la fornitura di energia elettrica a prezzi agevolati per le partite iva. Tra poche settimane, infatti, sarà a disposizione dei professionisti e imprenditori sanseveresi un infopoint dove sarà possibile sottoscrivere i contratti di fornitura a prezzi agevolati.

Related posts

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: