Al Mat The family la mostra del fotografo francese Alain Laboile

| 11/05/2017, 15:53

mostra matVenerdì 12 maggio 2017, alle ore 19.30, si inaugura al MAT Museo dell’Alto Tavoliere di San Severo The family (at the edge of the world), la mostra del fotografo francese Alain Laboile, rientra nella programmazione dell’Assessorato alla Cultura della Città di San Severo ed è curata dallo stesso Museo dell’Alto Tavoliere di San Severo e dal Movimento Culturale Spiragli di Altamura in collaborazione con Linearte ed ha il prestigioso patrocinio della Regione Puglia. La mostra, che resterà aperta fino al 18 giugno 2017, rientra nell’ambito della rassegna “Epicentro”, organizzata e promossa dal Movimento Culturale Spiragli di Altamura, in collaborazione con il MAT Museo dell’Alto Tavoliere e l’Accademia della Crusca e nella rassegna del MAT Museo dell’Alto Tavoliere di San Severo sul tema “L’Oltre, l’Altro, l’Altrove”, in una sinergia culturale che vede lavorare insieme differenti ambiti territoriali della Puglia in una visione comune di sistema turistico-culturale. L’esposizione riunisce 50 fotografie tra le più importanti e significative realizzate da Laboile a partire dal 2007, quando, all’età di 39 anni, iniziò a lavorare al suo album di famiglia, ritraendo i suoi figli nei loro giochi spensierati, dal suo capanno su un terreno isolato nel sud della Francia: fotografo autodidatta che possedeva una sola immagine della sua infanzia, voleva semplicemente documentare il passaggio del tempo con la sua famiglia. La casa, il campo, il bosco e lo stagno sono alcuni dei set a cielo aperto in cui le forze telluriche sembrano impossessarsi dei giovani corpi in movimento.
Immagini in bianco e nero oltre il tempo in uno spazio sospeso, in un respiro trattenuto che rende gli scatti di Laboile senza tempo, al di là del tempo, in un tempo che, se non è proprio infinito, riesce almeno a trasmettere a chi osserva un prolungarsi di esso in uno stato di armonica cessazione temporale.

L’allestimento, progettato e realizzato dalla factory pugliese Sistemalab, si snoda attraverso un percorso articolato, in cui il tema dell’infanzia, della sua prorompete vitalità, emerge in tutta la sua positiva e contagiosa energia; in cui l’Oltre, l’Altro e l’Altrove sono contrassegnati da passaggi espositivi di sospensione, da atmosfere che proiettano il visitatore in una dimensione in cui l’Altro è percepito come l’essere umano libero che ciascuno di noi sogna di rimanere – quasi mai riuscendoci – e l’Altrove come il paesaggio arcadico in cui il visitatore si identificherà, agognandolo quale possibile luogo in cui poter vivere per conservare la vera essenza di sé. Il bianco e nero dell’allestimento riesce infine ad amplificare questa visita emozionale alla mostra.

Come spiega Bartolomeo Smaldone, presidente del Movimento Culturale Spiragli, alle foto di Alain Laboile ‹‹è affidato il compito di documentare un mondo interiore che rischia di perdersi per sempre, perché quello “esterno”, di mondo, quello oltre il confine dell’incanto, della spontaneità, della simbiosi panica, pare procedere in ben altra direzione, affannandosi in questioni d’altra risma: quando scoppierà il prossimo conflitto planetario?››. Per Elena Antonacci, direttrice del MAT Museo dell’Alto Tavoliere di San Severo, ‹‹l’Oltre, nelle fotografie di Laboile, ha una dimensione fisica, il confine, il limite oltre il quale non vi è la città oppressiva dove vivere, ma una natura non domata dall’uomo – e per se stessa “libera” di esprimere il proprio rigoglio – in cui vivono in piena libertà i figli del fotografo, liberi sia nell’espressione di sé che dalle costrizioni a cui il corpo vestito spesso deve sottostare››.

Tags: , , , ,

Category: CULTURA, Notizie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: